F1 | Jerez 1997, Weber: “Michael, la prossima volta fai come Senna con Prost a Suzuka”

L'ex manager del tedesco racconta un aneddoto su quell'episodio: "E' un Capricorno, non è abituato a scusarsi"

Willi Weber racconta lo stato d'animo di Schumacher nei giorni successivi all'incidente di Jerez
F1 | Jerez 1997, Weber: “Michael, la prossima volta fai come Senna con Prost a Suzuka”

La Formula 1 è ricca di storia, ma soprattutto di storie: ogni anno, più o meno, c’è almeno un episodio controverso e che sarà discusso probabilmente per sempre. Uno di questi è certamente l’incidente tra Jacques Villeneuve e Michael Schumacher a Jerez nel 1997, ultima gara del mondiale e decisiva per il titolo. Ricorderete tutti come andò a finire: il canadese raggiunse il tedesco della Ferrari, in crisi con la sua vettura, e nel momento del sorpasso il Kaiser si scontrò volontariamente con la Williams nel tentativo di buttare fuori l’avversario. A Schumi tolsero tutti i punti e Jacques conquistò il campionato. Willi Weber, storico manager di Michael Schumacher ha raccontato un aneddoto di quell’episodio tra le righe di Motorsport-Total.com.

“Gli chiesi cosa fosse successo – ha detto Weber – quindi gli diedi un consiglio: “Semmai dovessi farlo di nuovo, agisci come Senna con Prost a Suzuka nel 1990, non una cosa a metà, così andate fuori entrambi”. Nei giorni successivi ricordo di non aver mai visto Michael in quel modo prima di allora, era un mix tra rabbia e disperazione! Da un lato, sentiva che doveva scusarsi, perché sapeva di aver fatto un grosso errore, ma dall’altro era incavolato. E’ del Capricorno, ne ho conosciuti tanti di questo segno in vita mia: loro non commettono mai errori, quindi non si sentono in dovere di scusarsi, e quando sbagliano pensano che non sia stato così, quindi non chiedono scusa, semplice”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Victor61

    21 Giugno 2020 at 13:42

    Weber, sochsmacher, Todt rappresentano uno dei momenti più bui di tutta la storia della F1…speriamo siamo cancellati presto dalla memoria collettiva di tutti i veri amanti di questo sport

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati