F1 | Haas, Romain Grosjean: “E’ stato terribile”

"Non avevamo ritmo oggi" ha aggiunto Kevin Magnussen

F1 | Haas, Romain Grosjean: “E’ stato terribile”

Il Gran Premio del Giappone è sicuramente da dimenticare per la Haas che, dopo un breve spiraglio di luce in qualifica grazie al decimo posto di Romain Grosjean, ha terminato la gara fuori dalla zona punti.

Kevin Magnussen, invece, non è riuscito a segnare un tempo durante le qualifiche di questa mattina: la sua Haas numero 20 è finita a muro nell’ultima curva. Il danese è riuscito a riportare la macchina ai box, ma non c’era tempo per riparare ai danni: è quindi partito dall’ultima fila.

Grosjean è partito con gomma soft, quella utilizzata per qualificarsi per il Q3, per fermarsi una sola volta e montare gomme hard.

Beh, non è andata come speravamo. L’inizio è stato terribile, non so perché. Ero dietro Kevin in curva uno, e ciò dimostra quanto sia stato tremendo” il francese, infatti, è partito dalla decima piazza in griglia, mentre il suo compagno di squadra è partito dal fondo dello schieramento.

Da lì è stato molto difficile recuperare. Abbiamo spinto al massimo e montato la gomma dura per fare una unica sosta. Onestamente, ho fatto due sorpassi davvero buoni su Russell e Giovinazzi all’esterno della prima e seconda curva. Questo è stato il momento clou della mia gara. Dopo di che dovevo solo gestire le gomme. Il nostro passo non era buono, che peccato. Continueremo a lavorare e vedremo se la prossima gara andrà bene per noi”.

Magnussen, invece, è partito con le medie, per poi montare le hard e le soft a fine gara.

Sono partito ultimo ed ho subito recuperato posizioni fino alla dodicesima, di cui ero abbastanza contento, ma poi sono di nuovo crollato in fondo. Non è stato terribile in termini di pneumatici e velocità, almeno non come nelle gare precedenti. Se tutto fosse stato al posto giusto, se fossi partito dove avrei dovuto e avessi avuto una buona partenza, il risultato della mia gara sarebbe stato ovviamente migliore. Non avevamo ritmo oggi”.

 

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati