F1 | GP Monaco 2019: anteprima e orari del weekend

Sesto appuntamento del mondiale 2019

F1 | GP Monaco 2019: anteprima e orari del weekend

Orari

Giovedì 23 maggio
Prove libere 1: 11.00-12:30
Prove libere 2: 15.00-16:30

Sabato 25 maggio
Prove libere 3: 12:00-13:00
Qualifiche: 15:00-16:00 (diretta anche su TV8)

Domenica 26 maggio
Gara: 15:10 (diretta anche su TV8)

Gara Precedente

Il Gran Premio di Spagna è la tappa decisiva per il mondiale, in quanto è la gara dove si delineano le sorti per la vittoria del titolo. Se così fosse allora, nessuno potrà contrastare il dominio della Mercedes che con la vittoria di Lewis Hamilton e il secondo posto di Valtteri Bottas, ha ottenuto la quinta doppietta consecutiva. Ferrari opaca, chiamata a riscattarsi dopo un inizio di stagione deludente. Non si tratta solo di performance, manca la comunicazione. Ancora una volta, sono stati fatti gli ordini di scuderia, ma sono serviti a poco, in quanto non è stato nemmeno conquistato il podio. Nel terzo gradino del podio sale un bravissimo Max Verstappen, che fa guadagnare al binomio Honda-Red Bull il secondo podio stagionale. Sebastian Vettel e Charles Leclerc, hanno tagliato il traguardo in quarta e quinta posizione. A seguire, troviamo: l’altra Red Bull di Pierre Gasly, davanti ad un bravissimo Kevin Magnussen, Carlos Sainz, Daniil Kvyat e la Haas di Romain Grosjean. Tra i piloti della Haas non sono mancate le scintille, infatti sono stati protagonisti di un contatto (l’unico episodio che ha ravvivato una gara abbastanza noiosa). Hanno deluso infine le Alfa Romeo, con con il quattordicesimo e il sedicesimo tempo di Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi.

Circuito

Nome: Circuito di Monte Carlo

Luogo: Monte Carlo, Monaco

Costruzione: si tratta del circuito cittadino per eccellenza, ottenuto unendo le strette strade del porto di Monte Carlo. Il tracciato venne utilizzato per le competizioni sportive per la prima volta nel 1929. Negli anni è stato ampiamente modificato senza però variarne il disegno originale, ma passando da una conformazione quasi senza chicane al percorso tortuoso e ricco di curve che conosciamo oggi. Pressoché tutte le modifiche si sono evolute contemporaneamente a quelle della rete stradale del Principato, mentre altre sono state applicate in nome della sicurezza. L’ultima modifica sostanziale risale al 2004, quando venne riconfigurata completamente la corsia dei box. L’anno precedente invece era stata modificata la chicane della Rascasse, allargandone la carreggiata in entrata. Sono state apportate delle piccole modifiche alle vie di fuga anche nel 2011, dopo l’incidente di Sergio Perez in staccata all’uscita del tunnel.

Distanza a giro: 3,337 km

Numero di curve: 19, dieci a destra, nove a sinistra

Senso di marcia: orario

Dati tecnici:

Carico aerodinamico: Basso Medio Alto
Apertura del gas: 35% del giro
Consumo di carburante al giro: 1,52 kg/giro
Velocità massima: 292 km/h
Possibilità di safety car: 80%
Tempo di percorrenza della pit lane con sosta: 26 secondi
Possibilità di sorpasso: Facile Medio Difficile
Vincitori dalla pole position: 28 su 63 edizioni in questo tracciato
Peggior posizione di partenza per un vincitore: quattordicesimo (Panis 1996)

Particolarità del tracciato: Arriviamo nel circuito più glam del calendario di Formula 1. In questa pista non sono ammessi errori, per questo motivo è molto importante la qualifica, dal momento che il sorpasso è molto difficile. A risentirne di più, sarà il cambio che viene utilizzato per ben 7.098 volte per durante la gara, e ben 91 volte al giro. La marcia più utilizzata e di conseguenza sollecitata è la prima, utilizzata per circa il 43% del giro. In occasione di questo appuntamento tutti i team portano particolari ali e appendici aerodinamiche per aumentare al massimo il carico. La media oraria di questa pista è bassa e si aggira attorno ai 157km/h.

Freni: Dal momento che in questo circuito verranno toccate basse velocità, sarà fondamentare gestire i freni, facendoli raffreddare soprattutto ad inizio gara, quando ci sarà il pieno di carburante.

Categoria di circuito: Light Medium Hard
Numero di frenate: 13
Tempo speso in frenata: 26% del giro
Energia dissipata in frenata durante il Gp: 127 kWh
Carico totale sul pedale del freno durante il Gp: 83.460 kg
Frenata più impegnativa: l’ottava staccata alla curva 10

Gomme: Come detto prima, a Monaco la qualifica è importantissima e per questo motivo, in occasione di questo weekend, Pirelli porterà molti set di gomme morbide (mescola C5) e pochi per le restanti mescole, vale a dire la C3 (hard) e la C4 (medium).

https://twitter.com/pirellisport/status/1130448259296747522

RECORD

Giro prova: 1:10.810 – D Ricciardo – Red Bull– 2018
Giro gara: 1:14.260 – M Verstappen – Red Bull – 2018
Distanza: 1h40:29.329 – F Alonso – McLaren – 2007
Vittorie pilota: 6 – A Senna
Vittorie team: 15 – McLaren
Pole pilota: 5 – A Senna
Pole team: 11 – McLaren
Migliori giri pilota: 5 – M Schumacher
Migliori giri team: 17 – Ferrari
Podi pilota: 8 – A Senna
Podi team: 51 – Ferrari

Albo d’oro

  1. 1929 W Grover – Bugatti
  2. 1930 R Dreyfus – Bugatti
  3. 1931 L Chiron – Bugatti
  4. 1932 T Nuvolari – Alfa Romeo
  5. 1933 A Varzi – Bugatti
  6. 1934 G Moll – Alfa Romeo
  7. 1935 L Fagioli – Mercedes
  8. 1936 R Caracciola – Mercedes
  9. 1937 M Brauchitsch – Mercedes
  10. 1948 G Farina – Maserati
  11. 1950 J Fangio – Alfa Romeo
  12. 1952 V Marzotto – Ferrari
  13. 1955 M Trintignant – Ferrari
  14. 1956 S Moss – Maserati
  15. 1957 J Fangio – Maserati
  16. 1958 M Trintignant – Cooper Climax
  17. 1959 J Brabham – Cooper Climax
  18. 1960 S Moss – Lotus Climax
  19. 1961 S Moss – Lotus Climax
  20. 1962 B McLaren – Cooper Climax
  21. 1963 G Hill – BRM
  22. 1964 G Hill – BRM
  23. 1965 G Hill – BRM
  24. 1966 J Stewart – BRM
  25. 1967 D Hulme – Brabham Repco
  26. 1968 G Hill – Lotus Ford
  27. 1969 G Hill – Lotus Ford
  28. 1970 J Rindt – Lotus Ford
  29. 1971 J Stewart – Tyrrell Ford
  30. 1972 J Beltoise – BRM
  31. 1973 J Stewart – Tyrrell Ford
  32. 1974 R Peterson – Lotus Ford
  33. 1975 N Lauda – Ferrari
  34. 1976 N Lauda – Ferrari
  35. 1977 J Scheckter – Wolf Ford
  36. 1978 P Depailler – Tyrrell Ford
  37. 1979 J Scheckter – Ferrari
  38. 1980 C Reutermann – Williams Ford
  39. 1981 G Villeneuve – Ferrari
  40. 1982 R Patrese – Brabham Ford
  41. 1983 K Rosberg – Williams Ford
  42. 1984 A Prost – McLaren TAG
  43. 1985 A Prost – McLaren TAG
  44. 1986 A Prost – McLaren TAG
  45. 1987 A Senna – Lotus Honda
  46. 1988 A Prost – McLaren Honda
  47. 1989 A Senna – McLaren Honda
  48. 1990 A Senna – McLaren Honda
  49. 1991 A Senna – McLaren Honda
  50. 1992 A Senna – McLaren Honda
  51. 1993 A Senna – McLaren Ford
  52. 1994 M Schumacher – Benetton Ford
  53. 1995 M Schumacher – Benetton Renault
  54. 1996 O Panis – Ligier Mugen Honda
  55. 1997 M Schumacher – Ferrari
  56. 1998 M Hakkinen – McLaren Mercedes
  57. 1999 M Schumacher – Ferrari
  58. 2000 D Coulthard – McLaren Mercedes
  59. 2001 M Schumacher – Ferrari
  60. 2002 D Coulthard – McLaren Mercedes
  61. 2003 J Montoya – Williams BMW
  62. 2004 J Trulli – Renault
  63. 2005 K Raikkonen – McLaren Mercedes
  64. 2006 F Alonso – Renault
  65. 2007 F Alonso – McLaren Mercedes
  66. 2008 L Hamilton – McLaren Mercedes
  67. 2009 J Button – Brawn GP Mercedes
  68. 2010 M Webber – Red Bull Renault
  69. 2011 S Vettel – Red Bull Renault
  70. 2012 M Webber – Red Bull Renault
  71. 2013 N Rosberg – Mercedes
  72. 2014 N Rosberg – Mercedes
  73. 2015 N Rosberg – Mercedes
  74. 2016 L Hamilton – Mercedes
  75. 2017 S Vettel – Ferrari
  76. 2018 D Ricciardo – Red Bull

Leggi altri articoli in Anteprima

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati