F1 | GP del Messico, Jos Verstappen: “Max avrebbe fatto bene a stare zitto”

"Io, però, vedo in tutto questo un’altra occasione per Max di imparare"

F1 | GP del Messico, Jos Verstappen: “Max avrebbe fatto bene a stare zitto”

Durante il weekend messicano si è parlato a lungo di Max Verstappen: dapprima tra i favoriti per la vittoria, il giovane pilota Red Bull ha conquistato una controversa pole position, con un giro veloce segnato durante un regime di doppia bandiera gialla, a causa dello schianto di Valtteri Bottas contro le barriere.

Ciò che più ha fatto discutere è stata l’arroganza con cui Max si è rivolto ai giornalisti nella conferenza post qualifica, rivelando con altezzosità come non avesse affatto alzato il piede dall’acceleratore durante l’ultimo settore prima della bandiera a scacchi. Ed è proprio per via delle sue dichiarazioni che la direzione gara ha iniziato una investigazione, terminata con tre posizioni di penalità in griglia per il pilota olandese.

Verstappen era riuscito a ricucirsi una immagine da bravo e talentoso pilota, con una “fedina penale” quasi totalmente pulita da Monaco 2018, ma sembra che un solo weekend sia bastato per etichettarlo nuovamente come testa calda, arrogante, irruente, e chi più ne ha più ne metta, da diverse testate e colleghi.

Max evidentemente sperava di poter trovare nel padre Jos Verstappen un alleato contro l’opinione pubblica, ma sembra che l’ex pilota di Formula 1 abbia dato, stavolta, ragione alla stampa, in un modo tutto suo.

Abbiamo parlato della conferenza post qualifica – ha svelato Verstappen Senior al canale televisivo Ziggo Sport – credo che non avrebbe dovuto commentare. Max mi ha detto che non ha visto affatto le bandiere gialle, e lo capisco, perché di solito il team ti informa in situazioni del genere”.

Si è anche accorto che altri piloti non hanno alzato il piede, quindi Max è ovviamente risentito per la penalità” ha continuato Jos, che in qualche modo sembra voler giustificare il figlio, dimenticandosi del ruolo che la sicurezza ricopre in situazioni del genere.

Io, però, vedo in tutto questo un’altra occasione per Max di imparare: dovrebbe prendersi un po’ di tempo la prossima volta, prima di parlare. A volte Max non riesce a tenere a freno la lingua, è fatto così, non pensa prima di parlare, ma ovviamente non si può passarla liscia in uno sport di alto livello come questo. È bello che Max sia sempre diretto, ma stavolta avrebbe dovuto stare zitto” ha terminato il padre di Max.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati