F1 | Ferrari, Mattia Binotto: “Dispiaciuti per il podio, ma la direzione è quella giusta”

La Ferrari non terminava due gare consecutive con entrambi i piloti in zona punti da Giappone e Messico 2019

F1 | Ferrari, Mattia Binotto: “Dispiaciuti per il podio, ma la direzione è quella giusta”

La Scuderia Ferrari deve accontentarsi di un quarto e quinto posto ad Imola, ma i tifosi possono forse cominciare a gioire. La stessa squadra, a detta del team principal Mattia Binotto, è dispiaciuta di aver perso un podio che è stato della Ferrari per gran parte della gara grazie alla performance di Charles Leclerc, che già in partenza supera Sergio Perez e si mette all’inseguimento degli alieni Lewis Hamilton e Max Verstappen. Purtroppo la bandiera rossa annulla il vantaggio di venticinque secondi che il monegasco aveva costruito su Norris. Buona performance anche da Carlos Sainz, inizialmente forse troppo irruente sulle curve bagnate del circuito intitolato ad Enzo e Dino Ferrari, ma dopo qualche errore lo spagnolo si riprende, scalando la classifica dall’undicesimo al quinto posto. Sono ben ventidue i punti conquistati in ottica campionato e che,  a questo punto, mettono la rossa in competizione diretta proprio con la McLaren.

Un risultato che conferma, su una pista e in condizioni totalmente diverse rispetto alla prima gara della stagione, che il lavoro che stiamo facendo va nella direzione giusta – ha confermato Binotto – il fatto di essere dispiaciuti di non aver piazzato almeno un pilota sul podio lo dimostra ulteriormente.

“In definitiva, credo che possiamo dire a ragion veduta che il bilancio di queste prime due gare sia positivo – continua il team principal – era dalla seconda parte del 2019, precisamente dalle gare in Giappone e Messico, che non portavamo entrambi i piloti in zona punti in due Gran Premi consecutivi. Dobbiamo continuare su questa strada e dimostrarare gara per gara di saperci migliorare. Non vedo l’ora di andare a Portimão per correre il prossimo Gran Premio!”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati