F1 | Ferrari, Binotto: “In Austria ci sarà una monoposto simile a quella portata in Australia”

"Vedremo il potenziale della macchina dopo tre gare", ha detto il TP di Maranello

Binotto ha ammesso che gli aggiornamenti sulla SF1000 non arriveranno subito
F1 | Ferrari, Binotto: “In Austria ci sarà una monoposto simile a quella portata in Australia”

Manca poco meno di un mese al prossimo 5 luglio, data nella quale verrà disputata la prima gara della stagione: teatro il Red Bull Ring, sede del Gran Premio d’Austria. Ma quale Ferrari vedremo tra le verdi colline della Stiria?

Mattia Binotto, intervistato dal quotidiano spagnolo Marca, ha evidenziato che la SF1000 che scenderà in pista nel weekend austriaco non sarà differente da quella che avrebbe debuttato a marzo all’Albert Park di Melbourne. Ragion per cui la monoposto del Cavallino, anche a causa della chiusura delle fabbriche causate dalla pandemia, pagherà dazio nei confronti della concorrenza nei primi appuntamenti del 2020.

Non siamo stati in grado di lavorare molto a causa della lunga chiusura delle fabbriche, dove non vi è stata alcuna possibilità di sviluppare l’auto o di lavorare su dati o gallerie del vento – ha detto Binotto -. Abbiamo ricominciato a lavorare qualche giorno fa e stiamo cercando di correggere quei punti deboli, ma siamo dove eravamo in Australia e sarà un’auto simile a quella che inizia in Austria. Gli sviluppi arriveranno più tardi”.

Il team principal del Cavallino, completando la propria analisi, ha poi aggiunto: “Non mi aspetto di essere l’auto più veloce in Austria, dove dobbiamo raggiungere il massimo dei punti possibili all’inizio del Mondiale e provare a reagire in seguito, anche se ci sono meno opzioni di sviluppo con il nuovo regolamento che ha congelato diverse parti dell’auto. Abbiamo accettato questi cambiamenti a causa della nostra responsabilità con la F1, anche se sarà più difficile, ma ciò non significa impossibile. Penso che sapremo il vero potenziale della macchina dopo tre gare”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

4 commenti

Articoli correlati