F1 | Delusione Racing Point, Perez: “Strategia da rivedere”

Stroll: "E' stata una gara difficile"

F1 | Delusione Racing Point, Perez: “Strategia da rivedere”

Gara più complicata del previsto per la Racing Point, che a Spa si è dovuta accontentare di tre punti per via della nona e decima posizione di Stroll e Perez. Il messicano, al quale è stata data una strategia più che discutibile, unico di quelli con le soft a non rientrare ai box in regime di Safety Car, è stato costretto alla rimonta fino all’ultimo posto della top ten. Normale amministrazione per il canadese, partito e arrivato nono.

“Oggi è stata una gara difficile – ha detto Stroll. La partenza è stata buona, guadagnando una posizione, stavamo trovando il nostro ritmo nel primo stint ma abbiamo avuto un degrado con le dure dopo il pit-stop, è stato difficile gestire la situazione. Alla fine eravamo in corsa per la settima posizione, quindi sono deluso della nona al traguardo, ma non potevo fare di più. Siamo stati in grado di andare a punti in una giornata impegnativa, questo è sicuramente positivo e avremo la possibilità di riscattarci a Monza nel prossimo weekend. Il circuito credo si adatti bene alla nostra macchina, ma dobbiamo analizzare i dati di oggi per trovare delle soluzioni così da assicurarci di arrivare in Italia col piede giusto”.

“Sarà importante rivedere la strategia attuata, ma non credo che abbia avuto un grande impatto sulla gara visto che siamo riusciti a portare entrambe le vetture a punti – ha analizzato Perez dopo la bandiera a scacchi. Il nostro compito sarà quello di capire perché non siamo stati in grado di avere il ritmo riscontrato venerdì. Siamo riusciti a recuperare posizioni dopo il pit-stop e tornare in zona punti, facendo anche dei sorpassi, ma nel complesso non avevamo ritmo oggi, quindi dobbiamo assicurarci di riprendere la retta via a Monza nel prossimo weekend. E’ una pista che dovrebbe ben adattarsi alle caratteristiche della nostra macchina, spero di prendere punti importanti”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati