Team Lotus guarda a gennaio per il lancio della vettura 2011

Team Lotus guarda a gennaio per il lancio della vettura 2011

L’amministratore delegato Riad Asmat ha raccontato che il suo team mira a presentare la nuova monoposto in gennaio.

Asmat ha fatto sapere che le dispute con il Group Lotus, sul nome e ora anche sulla colorazione della monoposto, non stanno rallentando lo sviluppo dell’erede della T127.
“La nostra vettura 2011 è in galleria del vento da luglio, e abbiamo raggiunto i nostri obiettivi mensili. Sono molto contento della nostra situazione, e tutti siamo molto impazienti per il lancio della nuova vettura a gennaio”, riferisce il giornale malese The Star.
Asmat ha ammesso che l’unica conseguenza dell’ufficializzazione da parte del Group Lotus, mercoledì, della collaborazione con Renault F1, è che il Team Lotus potrebbe dover abbandonare i suoi piani per una livrea nera e oro.
“Dovremo scegliere i nostri colori prima dell’inizio della stagione. Ma è una questione che riguarda solo il colore, nulla di più”, ha commentato.
“La maggior parte della gente vuole ancora una monoposto verde e gialla. Ma la cosa più importante è quanto la macchina andrà forte, non quanto sarà bella in verde o in nero”, ha concluso Asmat.

Team Lotus guarda a gennaio per il lancio della vettura 2011
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

14 commenti
  1. Strige

    10 dicembre 2010 at 12:09

    Sinceramente a me non importa se diventa più forte questo team lotus oppure l’altro. Mi piacerebbe vederla al vertice e lottare insieme alle altre grandi e gloriose scuderie mercedes, mclaren e ferrari e alla nuova grande scuderia redbull. vedere una lotta per il mondiale con 5 costruttori direi che sarebbe spettacolare.

  2. visce5schumythebest

    10 dicembre 2010 at 14:45

    Fernadez…per favore…
    per il bene del nostro sport e per Mazzoni cambia nome!

    La vera Lotus è quella Lotus Renault GP Team…e lotterà assieme con Mercedes, Ferrari e McLaren…ritornare dietro nel tempo.
    Peccato ke la RedBull nn è un team Storico… ma ricordo ke era la Jaguar…sarebbe stato più bello ke restava così.

  3. M@uro

    10 dicembre 2010 at 16:14

    @ visce5schumythebest .

    per il bene della nostra povera lingua…i congiuntivi ed i con la K…”Peccato ke la RedBull nn è un team Storico… ma ricordo ke era la Jaguar…sarebbe stato più bello ke restava così.”

    O_O

    thanks

  4. LucaR

    10 dicembre 2010 at 16:52

    @visce5schumythebest

    Ma la smetti di dire cretinate? Se sei ignorante non farlo pesare agli altri!

  5. Strige

    10 dicembre 2010 at 16:57

    @ visce5schumythebest:

    ciao visce, ci si trova pure qua ^_^ cmq se ti riferisci a me, ho scritto che è una NUOVA grande scuderia oltre alle gloriose mercedes, mclaren e ferrari.

  6. niki

    10 dicembre 2010 at 18:51

    Un campionato è bello se è competitivo, non se corrono macchine con un nome conosciuto!
    quanto alla storicità di un team, vai a guardare gli annuari e scopri quali sono i team storici in F1. Nella storia della formula 1 la mercedes è una meteora, ad esempio, la RB ha corso il doppio delle stagioni! Per non parlare dei titolo vinti che sono una lotta fra Ferrari, Williams (questo si un gran nome)e Mclaren, e poi il vuoto (e mai Mercedes o Jaguar… grandi costruttori che però si sono impegnati in altri campi)

  7. alberto

    10 dicembre 2010 at 19:09

    quanta storia da Tyrrell e March, I grandi costruttori vengono e se ne vanno … Mercedes negli anni ’50, alfa romeo, Renault, BMW, Jaguar etc. Nella formula uno ha avuto molta più importanza la Williams

  8. ciro

    10 dicembre 2010 at 23:51

    la vera LOTUS è quella del malese informatevi gente la lotus car che si fonderà con renault non ha mai corso un gp mentre la LOTUS racing cioè Chapman è la verde e gialla dell’anno scorso.

  9. Mattia

    11 dicembre 2010 at 11:25

    Io “tifo” per la Lotus che c’era quest’anno. L’anno prossimo ci sarà una Renault sponsorizzata dalla Lotus contro la Lotus sezione sportiva.

  10. Federico Barone

    11 dicembre 2010 at 14:19

    Quoto Mattia, anche se io tifo Ferrari. 😀

    La vera Lotus non era quella del 2010 e non lo sarà nessuna fra quelle al via nel 2011.

    Del resto anche la Renault del 2010 (ma nemmeno quella dal 2002 in poi) non era quella vera, francese, bensì nacque dalla Benetton, ex Toleman…

    Un bel casino, vero?

    E la Mercedes, ex Brawn GP, ex Honda, ex BR, ex Tyrrell? 😀

    Io, finchè ne avrò voglia, tiferò Ferrari. Mi sembra un pelino più trasparente, la cosa.

    Comunque Mattia ha ragione: ha preso i simpatia Fernandes e la sua truppa e resta loro fedele…

  11. Federico Barone

    11 dicembre 2010 at 14:20

    Scusate… “BAR”, non “BR” 😉

  12. LucaR

    12 dicembre 2010 at 13:15

    Di Team Lotus ce n’é uno solo: fallito nel 1994, risorto quest’anno dopo che Fernandes ha acquisito il machio da Hunt.

    La Lotus Cars NON HA MAI CORSO!

    Inoltre quando il Team Lotus originale fallì, nel 1994 nessuno chiese conto alla Lotus Cars dei 40 miliardi di debiti (in lire) perché le 2 erano entità distinte. All’epoca il marchio di F1 fu venduto insieme atutte le proprietàdel team. cosa c’entra ora la casa di automobili? Cosa Vuole? Se fosse stata LEI LA VERA LOTUS F1 AVREBBE PAGATO I DEBITI DEL TEAM 16 anni fa…ma ciò non accade.

  13. Artigliere (tifoso Force India)

    13 dicembre 2010 at 02:30

    “… la LOTUS racing cioè Chapman (!!!) è la verde e gialla dell’anno scorso.”

    Chapman lasciatelo in pace che è morto e, da quando ciò accadde, la Lotus in F1, senza il suo genio, non ha fatto che declinare, smembrarsi, fallire, vendersi e rivendersi, e, ora, cadere in situazioni ridicole.

    “La vera Lotus non era quella del 2010 e non lo sarà nessuna fra quelle al via nel 2011.”

    Ecco, alla fine dei conti, pure io sono di questo parere.

  14. LucaR

    13 dicembre 2010 at 13:00

    @Artigliere

    Hai ragione, ma qui non si discute su quale sia la VERA Lotus (anche la ferrari non è più la stessa dopo la morte di Enzo) ma su chi abbia ragione:
    la faccenda non è tanto complessa, semmai è lunga e oscura in alcuni suoi aspetti.
    BISOGNEREBBE CAPIRE cosa accadde quando negli anni ’80 le 2 Lotus furono definitivamente divise, i diritti di ciascuna azienda e le limitazioni.
    Tutto qui….

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati