Sebastian Vettel: “La strada per vincere il titolo mondiale è ancora lunga”

"Ovviamente è stato un passo importante oggi"

Sebastian Vettel: “La strada per vincere il titolo mondiale è ancora lunga”

Sebastian Vettel insiste che la strada verso il Titolo di Formula 1 2012 è ancora molto lunga nonostante abbia praticamente annullato il vantaggio di Fernando Alonso con una vittoria nel Gran Premio del Giappone.

Il pilota della Red Bull, si è assicurato la sua quarta pole position consecutiva a Suzuka il Sabato, ed ha condotto la gara dall’inizio alla fine conquistando la sua terza vittoria sul circuito giapponese.

Il rivale in classifica, Fernando Alonso, si è ritirato dalla gara al primo giro dopo un contatto con Kimi Raikkonen.

Il ritiro di Alonso significa che Vettel è ora a soli quattro punti di distanza, con cinque gare da disputare, e con una macchina che sembra molto più competitiva rispetto alla Ferrari.

“Ovviamente è stato un passo importante oggi, ma c’è ancora molta strada da fare”, ha detto Vettel.

“Se si guarda alle ultime due gare, dopo Spa è stato un alti e bassi.”

“Io non so cosa sia successo oggi, ma a Spa Fernando è stato sfortunato. Speri che queste cose non accadano a te, ma si sa nelle prossime gare potrebbero accadere. È una lunga stagione e fino ad ora è accaduto di tutto.”

Ha poi aggiunto: “E’ stato un anno difficile e ci sono ancora molte gare. Oggi non voglio parlare del campionato….”

Vettel, che ha segnato la sua terza vittoria della stagione, ha detto che il fine settimana e’ stato come un sogno per lui.

“Io non credo che poteva andare meglio”, ha aggiunto. “Ci si imbatte in questo tipo di gare molto raramente.”

“Ho avuto una macchina molto buona, si è comportata molto bene, ed è molto difficile da descrivere perché, perché non abbiamo avuto importanti aggiornamenti per questa gara. E’ solo che la vettura è stata adatta alla pista.”

“E’ stata una gara fantastica.”

Il compagno di squadra Mark Webber ha chiuso in nona posizione dopo essere stato mandato in testacoda da Romain Grosjean alla partenza.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

115 commenti
  1. Steelman_666

    8 Ottobre 2012 at 09:28

    Mi ricordo che nel 1993/94/95 sentivo le stesse stupidagini che ora sento su Vettel riferite a Michael Schumacher, del tipo “e’ un ragazzino viziato” “vince solo perche ha la macchina” ” e scorretto” “Senna e’ un altra cosa” e tante altre amenita’ sul generis.
    Ora partendo dal dato oggettivo che negli ultimi 20 anni di F1 ha sempre o quasi sempre vinto il pilota con la macchina migliore in questo tipo di F1 se non hai la vettura NON VINCI che tu sia Vettel Alonso o la discesa del Verbo Divino.
    Poi ci sono Campioni come per l appunto Vettel o Alonso o qualche tempo fa Michael Schumacher che in condizioni particolari sono riusciti ad ottenere risultati con vetture inferiori ad altre ma campioni del mondo sulla cariola non ce ne sono stati e non ce ne saranno mai.
    Detto questo Vettel nel 2010 ha vinto il titolo a 23 anni e non mi pare di ricordare che la Red Bull fosse la macchina migliore.
    E ricordo a tutti quelli che la menano con Vettel che ha vinto con auo non regolamentare che il buon Fernando nel 2006 vinse il mondiale ottenedo risultati per un 3/4 della stagione con una vettura non regolare (mass dumper) e sparo’ peste e corna sulla Ferrari, ma si sa che il tifoso ferrarista ha la memoria cortissima.

    • Francesco

      9 Ottobre 2012 at 00:39

      “…poi ci sono Campioni come per l’appunto Vettel o Alonso o qualche tempo fa Michael Schumacher che in condizioni particolari sono riusciti ad ottenere risultati con vetture inferiori…”

      Mi dici vettel dove ha fatto risultati con vetture inferiori??? sono curioso…

      se non ha la vettura 1 sec più veloce delle altre è sempre in mezzo alla marmaglia, e domenica è la riprova…

      vettel non ha vinto nel 2010, lo hanno perso Alonso e Webber, chiedere a Horner & co per i particolari!!!

    • fa

      9 Ottobre 2012 at 15:23

      A no, nel 2010 la Red Bull non era la macchina migliore? Eri in vacanza su marte scusa?

  2. Steelman_666

    8 Ottobre 2012 at 09:36

    Ovviamente ho parlato di Michael Scumacher 93/94/95 perche dal 1996 in poi essendo approdato in Ferrari improvvisamente e’ diventato un fenomeno per tutti i tifosi , per la stampa italiana TUTTA.
    Come Alonso che nel 2006 disse di ogni sulle Ferrari poi e’ venuto in Ferrari e ora tutti contenti, Montezamolo che dice che e’ il migliore di tutti i tempi e altre robe del tipo.
    Quendo Vettel verra in ferrari succedera’ la stessa cosa, improvvisamente da pilota playstation campionicino viziato , o pilotino che vince solo quando ha la macchina diventera’ il nuovo pilota piu’ forte di tutti i tempi.
    W l ‘Italia e W la Ferrari.

  3. sschumy1

    8 Ottobre 2012 at 11:47

    …quando vince Vettel e’ grazie alla macchina, quando perde e’ perche’ lui si addormenta…l’esatto contrario del galletto delle Asturie…giusto! Complimenti a quanti sostengono questa teoria veramente interessante e ben fondata…ah ah ah! Come i mondiali di schumy tutti per culo giusto…!? Se escludiamo poi gli altri “venti”…che ha perso all’ultima gara…poi non ne parliamo!!! Una fortuna sfacciata questi tedeschini! Con dei missili sotto il culo senza neanche il volante…! Addiritturaaaaa…!!!! Veramente due piloti di basso rango…giusto! Io neanche li avrei presi in f1…giusto? Al massimo li avrei ingaggiati per la Safety car…giusto…!!!???

    • frency

      8 Ottobre 2012 at 16:18

      caro sschumi il fatto e’ che vettel quando prende la pole… vince con venti secondi di vantaggio dal secondo,quando parete dietro li rimane! percio ti fa capire che lui quando ha una macchina non al 101% non riesce a sfruttarla, invece il galletto che dici te fa esattamente il contrario e questo si vede dai… e per quando riguarda i mondiali di schumi non e’ per merito del culo, ma bensi di irvain, barrichello e grazie a tutti gli altri piloti che non c’erano piu. infatti se hai visto quello che sta facendo adesso che le prende anche da rosberg!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      • Nico

        8 Ottobre 2012 at 17:13

        Alonso fa il contrario? Certo Vettel li deve superare,mentre Alonso si ritrova davanti senza nessuna fatica dal momento che i rivali si ritirano per guasti.ti ricordo Petrov 2010 Abu Dhabi lo ha tenuto dietro per tre quarti di gara,il supervalutato non e’ stato capace di superarlo e alla fine gli ha anche mostrato il pugno perche’non lo ha lasciato passare ahahahahahhahaha che pilota sto’aloso ahahahahahahah

      • fa

        9 Ottobre 2012 at 15:20

        E smettila di postare caxxate. Posso accettare l’accredine nei confronti di un pilota per tifoseria becera ma negare l’evidenza è da stolti. Cosa vuoi dimostrare adesso che Alonso ha tutti quei punti solo per culo? Ma dove la guardi la F1 su cartoonito? Non ce la fai a vedere che sta mandando avanti una macchina nettamente inferiore a RB e McLaren, come fece tra l’altro nel 2010, e nonostante brutte qualifiche riesce sempre a piazzarsi ai primi posti. Come fai a definire un pilota così uno scarso se non per ottusità.

  4. sschumy1

    8 Ottobre 2012 at 11:49

    …l’erede del MITO VIVENTE compie i primi passi…! VAI SEBASTIAN…!!!

    • mattia

      9 Ottobre 2012 at 09:35

      a Nico:

      sei un grande!! Ancora mi ricordo quella gara incredibile 🙂 Alonso che avrebbe voluto togliersi anche gli specchietti retro pur di guadagnare qualche km/h in più nel dritto…
      xkè non riusciva a prendere la scia di Petrov!!! Eppoi alla fine (frustratissimo) gli mostrava il pugno… 🙂
      Come mai in quell’occasione non ha usato il KO wireless per eliminare il russo??
      Forse lo stavano ancora collaudando e non era affidabile nell’utilizzo come ora
      Il problema di Nando è che adesso neanche il KO wireless gli basta per neutralizzare i guai di “Grossogiovanni e Giacomo”
      Occhio al pazzo del 1° giro 😉

      • fa

        9 Ottobre 2012 at 15:55

        Tu al suo posto non ti saresti incazzato invece vero? Uno che sta perdendo il mondiale per cause tecniche che gli impedivano di sorpassare una macchina di medio-bassa classifica ed errori del muretto che lo hanno fatto rientrare al momento sbagliato non credo abbia molta voglia di sorridere. Così come non sorrise MSC nel 97 con Villeneuve, come non sorrise Hamilton nel 2007, Prost nel 1990 e tanti altri guarda.

  5. Controaltare

    9 Ottobre 2012 at 13:40

    Vettel ha ragione ad essere cauto perchè le cose possono cambiare rapidamente.
    Ho sempre pensato e detto che questo campionato così equilibrato si deciderà solo nel finale, adesso la Ferrari dovrebbe portare degli aggiornamenti e se questi funzioneranno Alonso potrà consolidare il primato in classifica, la Red bull non potrà restare ferma perchè rischierebbe di restare indietro e la Mc Laren per me ha ormai mollato definitivamente dopo il ritiro di Hamilton a Singapore, quindi è lotta a due.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati