Rosberg: “Ho dato tutto ma non ha funzionato”

Il tedesco della Mercedes solo secondo a Silverstone

Rosberg: “Ho dato tutto ma non ha funzionato”

Niente da fare questa volta per Nico Rosberg. Dopo la vittoria in Austria, dove nonostante la partenza dalla seconda piazza era riuscito a bruciare Hamilton al via giungendo poi al traguardo per primo, questa volta il pilota della Mercedes ha dovuto cedere il gradino più alto del podio al compagno di squadra. Non solo, per gran parte della gara sue avversarie numero uno sono state le due Williams di Massa e Bottas, giunte però poi al traguardo solo quarta e quinta.
Il tedesco della Mercedes ha pagato anch’esso la giusta intuizione di Hamilton, rientrato ai box per il pit stop prima delle rivali di Grove. Rosberg, che a Silverstone sperava di ridurre al minimo il distacco su Lewis in classifica generale, ricomincia così ad inseguire.

“Dopo la partenza avevo entrambe le Williams davanti e mi trovavo bloccato e incapace di avvicinarle”, ha spiegato Rosberg a fine gara, bruciato al via dai piloti del team inglese e costretto a inseguirli per quasi metà gara. “E’ stato abbastanza fastidioso ma poi è arrivata la pioggia e sono stato sollevato. Mi sono sentito alla grande quando la pista ha cominciato a bagnarsi. A quel punto ero in grado di attaccare e passare entrambe le Williams, oltre ad avvicinarmi molto a Lewis. Speravo che le cose sarebbero rimaste così e che prima o poi avrei avuto la chance di attaccarlo ma poi lui è rientrato. Ero certo che ci fosse un errore in quella chiamata così sono stato anche contento di vederlo rientrare. Ma invece quella è stata la mossa vincente per lui perché ad ogni giro ha cominciato a piovere di più. Seguire Lewis ai box avrebbe significato perdere definitivamente per me, così sono rimasto fuori e ci ho provato ma alla fine è andata così. Ho dato tutto ma non ha funzionato”.

Leggi altri articoli in Interviste

Lascia un commento

4 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati