Rosberg: “Buona stagione ma non sono felice”

Il tedesco punta a mettersi dietro Hamilton nel 2014

Rosberg: “Buona stagione ma non sono felice”

Nico Rosberg è soddisfatto ma non felice del suo 2013 che l’ha visto chiudere al sesto posto nella classica piloti con anche un paio di vittorie all’attivo a Montecarlo e Silverstone.

“Ci sono stati degli alti e bassi – ha confidato il tedesco ad Autosport – L’obiettivo che mi ero posto all’inizio era quello di progredire rispetto all’anno scorso e ce l’ho fatta riuscendo anche ad ottenere qualche successo, tuttavia ciò che voglio è stare davanti al mio compagno in termini di punti. Se si vuole diventare i migliori bisogna essere più consistenti e a questo miro nel 2014 sapendo di poter contare su un grande gruppo di lavoro. Non vedo l’ora di salire sulla nuova macchina, se fosse per me correrei anche domenica prossima. L’ho già saggiata al simulatore e tra poco dovrei fare la prova sedile. Mi aspetto un inverno lungo ed entusiasmante”.

Chiara Rainis

Rosberg: “Buona stagione ma non sono felice”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

17 commenti
  1. Dany_M

    27 novembre 2013 at 14:58

    Ma dai Nico mica è colpa tua. In malesia ti hanno impedito di superare Lewis e prenderti il podio. In Corea mentre lo stavi sorpassando ti è ceduto il musetto e sei dovuto tornare ai box(incredibile quanto spettacolare). Ad abu dhabi(mi pare) ti hanno fatto uscire dai box mentre arrivava Perez e la cosa ti è costata una penalità.
    Insomma se non ci sei riuscito la squadra di sicuro non ti ha aiutato

  2. eiskalt

    27 novembre 2013 at 15:41

    secondo me cmq ha fatto la sua migliore stagione da quando e in f1 🙂 he maturato moltissimo. e se ha una macchina un pochino piu forte si puo giocare il mondiale con gli altri 🙂

  3. michi

    27 novembre 2013 at 15:43

    e pensare che gli inglesi, che in quanto a campanilismo non sono inferiori agli italiani, credono che rosberg sia stato avvantaggiato dalla mercedes rispetto a hamilton…l’unico vantaggio che ha avuto è stato di vincere una gara che probabilmente sarebbe stata dell’inglese…
    per il resto ci sono due ritiri in più e persino in brasile gli è giunto una specie di ordine di scuderia, quando stava resistendo agli attacchi di hamilton, in cui gli si diceva chiaramente di lasciarlo passare subito. fatto sta che hamilton ha poi rovinato un quarto posto e rosberg gli è arrivato davanti…

    • Ric

      27 novembre 2013 at 19:07

      Secondo me la colpa dell’incidente di Hamilton non è di quest’ultimo. Tra l’altro gli è costata una foratura e una sanzione che non sta ne in cielo ne in terra.
      Un doppiato che lo affianca all’esterno e Hamilton doveva vederlo?
      Il problema è che su Hamilton, secondo me, non si perdona nulla.
      Inoltre Rosberg, che pure stimo molto, ha già avuto modo nelle stagioni scorse di adattarsi all’auto mentre Hamilton ha sicuramente dovuto pagare lo scotto della novità.

      • ale

        28 novembre 2013 at 01:07

        Grazie Ric, il tuo commento è praticamente uguale a quello che volevo scrivere io.

        Aggiungo: Hamilton è più veloce di Rosberg, punto.

  4. panis96

    27 novembre 2013 at 16:04

    A me non convince ancora del tutto.Troppo altalenante nelle prestazioni.O velocissimo o nemmeno in Q3.Cambia il rendimento da pista a pista.Lo ammette lui stesso che deve essere più consistente.E’ molto arrendevole nei duelli.Forse è uno dei piloti che si fa gabbare più facilmente in f1.Preferisco il Pastor su questo punto (solo su questo si intende).Pas non si fa passare neanche se ha 4 giri di distacco e ti tira la staccata della vita causando il solito patatrac. Però che grinta ha…troppa forse?

  5. hamilton90

    27 novembre 2013 at 16:13

    hamilton ha avuto problemi a monza derivati dalla foratura…ad abu dhabi mentre era in linea per prendersi la pole…in brasile…in giappone è stato buttato fuori alla prima curva…rosberg conosceva il team da 4 anni e la macchina era cucita per le sue caratteristiche…hamilton ha sempre fatto fatica nonostante tutto ha fatto piu punti…penso che per lewis il prossimo anno andra molto meglio

    • Ele (mclaren)

      28 novembre 2013 at 11:21

      io continuo a dire che Lewis è un pilota molto sfortunato..poi alcune volte se la sarà andata a cercare ma in linea generale è sempre a tiro con la sfortuna…Gran Premio di Gran Bretagna in primis…aggiungerei Monza 2013, poi gp del Brasile 2012 e 2013..

  6. panis96

    27 novembre 2013 at 16:18

    Non pensate che se a Maldonado Madre Natura avesse dato anche un cervello potrebbe essere un bel pilota?Forse migliore di questo bel biondino perfettino.

    • Emanuele

      27 novembre 2013 at 16:58

      O lo metti ovunque sto link ma quando ti ho risposto non hai scritto nulla.
      E cmq basta prendere autosprint e c’è tutto sembra che hai scoperto l’acqua calda 🙂

      • eiskalt

        27 novembre 2013 at 18:46

        no ha solo scoperto che sa fare coppy paste 😆

  7. Gianca

    27 novembre 2013 at 17:25

    Una buona stagione, i pochi punti di differenza da hamilton sono ininfluenti, dipendono anche dalla fortuna e sfortuna dell’uno e dell’altro.
    Alle volte è stato dietro a hamilton, alle volte gli è stato davanti, anche facilmente, per cui se rosberg non è tra i forti, ne uscirebbe tremendamente ridimensionato anche hamilton, cosa che non starebbe ne in cielo e ne in terra…

  8. brandox

    27 novembre 2013 at 20:11

    CAMPIONATO PILOTI
    Hamilton 183
    Rosberg 171
    Siamo li…..io Rosberg non lo sottovaluterei affatto !!

  9. SuperKIMI2007

    27 novembre 2013 at 21:18

    Schumacher è finio tre volte dietro Rosberg nei passati tre anni …..Hamilton nonostante tutti i problemi avuti in questo primo anno di adattamento gli è finito davanti ……al primo anno in Mercedes

    • ale

      28 novembre 2013 at 01:19

      lascia sta…Schumacher in gara non era quasi mai più lento di Rosberg, il buon vecchio zio non era bollito aveva solo due problemi, gravi, scazzava spesso (per ben 2 anni a Singapore, roba da schiaffi), ma soprattutto non è mai riuscito a cambiare il suo stile di guida per guidare efficacemente queste vetture senza sbriciolare le gomme e quindi…scazzare e sbandare…lo ha detto lui stesso nel 2011

      sono stra-convinto che lo Schumy di adesso ricalato nel 2004 farebbe più o meno gli stessi risultati, perchè si sentirebbe sicuro e con addirittura più esperienza, non ha nessun problema fisico altrimenti su una F1 i dottori con la minchia che ce lo facevano salire

    • ale

      28 novembre 2013 at 01:19

      lascia sta…Schumacher in gara non era quasi mai più lento di Rosberg, il buon vecchio zio non era bollito aveva solo due problemi, gravi, scazzava spesso (per ben 2 anni a Singapore, roba da schiaffi), ma soprattutto non è mai riuscito a cambiare il suo stile di guida per guidare efficacemente queste vetture senza sbriciolare le gomme e quindi…scazzare e sbandare…lo ha detto lui stesso nel 2011

      sono stra-convinto che lo Schumy di adesso ricalato nel 2004 farebbe più o meno gli stessi risultati, perchè si sentirebbe sicuro e con addirittura più esperienza, non ha nessun problema fisico altrimenti su una F1 i dottori con la m..chia che ce lo facevano salire

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati