Ricordando Enzo, Piero Ferrari: “Impossibile dimenticare le capacità di mio padre”

"Ogni giorno sono orgoglioso di essere il figlio di Enzo Ferrari"

Ricordando Enzo, Piero Ferrari: “Impossibile dimenticare le capacità di mio padre”

In un’intervista rilasciata al sito ufficiale della Scuderia di Maranello, Piero Ferrari, figlio del Drake e vicepresidente onorario dell’azienda, ha voluto ricordare la scomparsa del padre a ventisette anni di distanza da quel 14 agosto del 1988. Insieme a Sergio Marchionne, infatti, Piero ha spiegato che la figura del padre è ancora ben presente all’interno della factory di Maranello, sottolineando che i principi con cui ha costruito la storia della Ferrari sono una base importante per tutte le persone che lavorano ancora oggi all’interno della Scuderia.

Una bellissima intervista che vi riportiamo in maniera integrale.

Ecco le parole di Piero Ferrari: “E’ ogni volta difficile condividere pubblicamente un anniversario così personale come la scomparsa del proprio padre. Eppure lo faccio sempre volentieri, perché ogni giorno tante persone nel mondo mi contattano e mi fanno sapere quanto Enzo Ferrari sia stato importante per loro”.

“Non solo clienti o tifosi – ha proseguito l’attuale vice presidente della Scuderia – ma anche gente che pur non avendo avuto contatti con la Ferrari vede nel coraggio di mio padre, nella sua capacità di perseguire gli obiettivi un’ispirazione per la propria vita. Per me lui era sì tutto questo, ma aveva anche un lato meno conosciuto che riservava ai suoi affetti, un lato generoso e comprensivo che mi ha fatto sentire in ogni momento della nostra vita”.

“Ogni giorno sono orgoglioso di essere il figlio di Enzo Ferrari e con il mio lavoro e la dedizione alla mia famiglia mi auguro di mettere in pratica i preziosi principi che mi ha insegnato” ha concluso.

Roberto Valenti
Twitter: @RobertoVal94

Ricordando Enzo, Piero Ferrari: “Impossibile dimenticare le capacità di mio padre”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

3 commenti
  1. amico di frederick

    14 agosto 2015 at 16:06

    Raro caso di NON tale padre, tale figlio, questo piero F. non vale una cicca rispetto al padre sempre stato schiavo lui il piero degli Agnelli e di Montezemolo non ho mai capito se e’ un ruolo che ha scelto per i soldi che gli cacciano o perche’ proprio e’ una nullita’, forse lo e’ diventato per opportunismo.

    • ChrisAmon

      14 agosto 2015 at 18:10

      @amico di frederick, tutte le volte che pubblichi i tuoi commenti sei la dimostrazione vivente che non c’è limite alla stupidità umana…..

  2. amico di frederick

    15 agosto 2015 at 14:53

    grazie!grazie!grazie! pubblico i miei commenti per i fenomeni come te che sei un lapalissiano esempio di “non c’e’ limite alla stupidita’ umana” forse se ci fosse ancora Cesare Lombroso bollerebbe Piero Lardi mezzo Ferrari visto la faccia da down che ha un chiaro esempio di persona da analizzare.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati