Philippe Bianchi: “Continuerò a proteggere la memoria di mio figlio”

Il padre del compianto pilota francese: "È inaudito sentire gente che attribuisce a Jules la responsabilità di quell'incidente"

Philippe Bianchi: “Continuerò a proteggere la memoria di mio figlio”

Il 17 luglio dello scorso anno, dopo nove mesi di coma, Jules Bianchi si è spento all’ospedale di Nizza in seguito alle gravissime lesioni celebrali causate dal violento impatto avvenuto contro un trattore – a bordo pista per rimuovere la Sauber di Adrian Sutil – durante il Gran Premio del Giappone disputato il 5 ottobre 2014. Sull’incidente verificatosi sul tracciato di Suzuka, la Federazione ha aperto un’indagine i cui risultati hanno rivelato che il compianto pilota della Marussia “non rallentò a sufficienza per evitare di perdere il controllo”.

Dinamica smentita seccamente da Philippe Bianchi, padre di Jules, che nel maggio scorso ha deciso di intraprendere un’azione legale contro FIA, F1 e Marussia per far luce sulla vicenda: “Ho perso la persona più importante della mia vita e non ho più nulla da perdere – ha dichiarato Bianchi senior alla CNN – Voglio continuare a proteggere la memoria di mio figlio. Per me e per mia moglie è inaudito sentire gente che attribuisce a Jules la responsabilità di quell’incidente”.

Voglio solo che venga fatta giustizia per Jules. Il crash che ha causato la morte di mio figlio non è un incidente che può avvenire in F1. Può capitare per strada, ma non in una gara di F1”.

Inoltre il signor Bianchi ha continuato a sollecitare gli organi competenti affinché i futuri cambiamenti nella classe regina del motorsport portino maggiore sicurezza in pista: Certo, la F1 deve essere più spettacolare. Ma non più pericola, sarebbe veramente da stupidi pensare una cosa del genere. Bisogna progredire nella sicurezza, non dobbiamo più piangere morti”.

Piero Ladisa

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati