GP Australia: le Pagellonze di Melbourne

Commenti semiseri alla prima gara del mondiale

GP Australia: le Pagellonze di Melbourne

Prima gara del mondiale, prima puntata di una nuova rubrica: le pagellonze, commenti semiseri alla gara di Melbourne.

Ferrari, voto 6: mediocre affidabilità.
Ok la centralina FIA che funziona e non funziona, per quanti giri non si è ben capito (maledetti regolamenti), ma resta una prestazione mediocre, senza guizzi e senza un ritmo che possa fare ben sperare. Almeno ci si consola con l’aver portato entrambe le vetture al traguardo, un pò poco no? Urge ritmo gara, altrimenti LucaLuca quest’anno rischia di incazzarsi davvero.

“Felipe” Raikkonen: festival del bloccaggio, voto 5.5
Giusto per non farci rimpiangere il buon Felipe ci regala una gara amorfa, da metà classifica, che si ricorderà soltanto per i continui bloccaggi. Che la Pirelli l’abbia ingaggiato per testare la resistenza allo spiattellamento delle nuove gomme? Chi voleva vederlo bastonare Nando dovrà aspettare, quanto? Vedremo..

Felipe Massa: voto 10 (alla SFIGA)
Dice che i suoi giorni da schiavo sono finiti, ma non sembrano essere finiti i giorni della SFIGA. Con una macchina che sembra essere davvero in palla la sua gara dura giusto il tempo di essere centrato da Koba, prima accusato di essere un kamikaze, poi giustificato da un guasto ai freni by-wire (ottimo per la sicurezza no?)

Sound delle vetture: frullatori MULINEX, voto 4.5
Sinceramente dopo i test mi aspettavo qualcosa di meglio, ma la partenza, con il semaforo che si spegne, senza l’urlo dei v8, è stata da tagliarsi le vene, o meglio le orecchie. Non che in gara sia andata meglio: il sound è eccitante tanto quanto l’aspirapolvere passata dalle mogli/madri/compagne proprio nel bel mezzo del gran premio. Almeno adesso che le F1 sono silenziose ci si consola sentendo le sgommate alle ripartenze dai box. Ma quelle le posso fare anche io con il Pandino di mia nonna.

Daniel Ricciardo: voto 8+1 per la caduta in stile Webber.
Per me arriva secondo, stop. Il regolamento potrà togliergli punti, potrà squalificarlo, ma non potrà togliergli la gioia di essere salito sul podio davanti alla sua gente (cosa mai riuscita a Mark). Guadagna un punto per lo scivolone da podio.

Red Bull: oggetto misterioso, voto 6.
Il voto è la media di quello della vettura di Ricciardo (8), e quello della vettura di Vettel (4). La prima va decisamente bene, tanto da finire seconda, l’altra praticamente non va proprio. L’anno scorso però, a non andare, era quella di Mark, e quindi la cosa fa scalpore. Comunque, considerando i test, i bibitari hanno proprio fatto un miracolo, riuscendo a presentarsi con almeno una vettura competitiva ben oltre ogni rosea aspettativa.

Jenson Button: con una buona dose di culo, voto 7.
Alla fine porta a casa un risultato dignitoso, anche grazie ad una safety car con una tempistica provvidenziale che grazie ad un entrata ai box davvero in extremis gli permette di raddrizzare un week end che l’aveva visto opaco, prendendo botte orbe dal compagno di squadra debuttante, che comunque gli arriva davanti. Urge scossa, altrimenti si potrebbe dire che anche il mondiale è stato vinto per essersi trovato al posto giusto nel momento giusto.

Lotus: SV. Dalle stelle alle stalle.
Non puoi passare da lottare per il campionato a dirti soddisfatto per essere riusciti a mettere insieme qualche giro. Ma cos’é? La massima espressione dell’automobilismo o una gara di carretti i siciliani? Urge anche qui una scossa, ma di quelle proprio forti, altrimenti la stagione sarà buttata al vento. E poi gli sponsor non credo siano molto contenti per la figura. Occhio, perché la forfora nei capelli è davvero fastidiosa.

Gianluca Mauriello

GP Australia: le Pagellonze di Melbourne
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

17 commenti
  1. Davide Alex

    18 marzo 2014 at 11:01

    Quindi sono queste le pagelle ironiche? E io che pensavo di averle lette l’altro giorno! XDDD

  2. Ele (mclaren)

    18 marzo 2014 at 11:20

    la foto scelta è molto bella..ma è davvero scivolato anche Ricciardo come Webber l’anno scorso??..allora sono le scarpe che non hanno “la mescola” giusta 😉

  3. principesco88

    18 marzo 2014 at 12:15

    Meglio queste e più veritiere delle pagelle della Griggio! Bravo Mauriello!

  4. man

    18 marzo 2014 at 12:37

    ma i giornalisti oltre a fare i comici, come quelli del calcio, ci capiscono anche qualcosa o no?
    battute e giudizi avventati e superficiali.
    ma questa è la F1 !
    come si fa a giudicare alonso e raikkonene alla prima uscita con tutta la rivoluzione di quest’anno. menche meno la ferrari.
    e poi massa gli scorsi anni arrivava 5° 7° ed erea una pippa, oggi, non per colpa sua, non parte nemmeno edè un fenomeno?
    ma siate seri!

    • luca911

      18 marzo 2014 at 13:57

      ma dove sta scritto che massa è un fenomeno?

    • Marcocelli

      18 marzo 2014 at 21:01

      ma davvero non ci hai capito una mazza?
      La pagella è stupenda!!

      Cos’è che non ti è sceso giù?
      Il fatto che ha dato Kimi perdente nel confronto con Alo?

      Kimi dal giorno del primo test invernale fino ad oggi è stato un secondo a giro più lento di Alonso,
      difatti anche in gara, quando Alo si è liberato di Hulk, guarda caso in meno di 23 giri ha dato 22 secondi distacco al finnico.

  5. reaper

    18 marzo 2014 at 12:59

    Mauriello mi sembra un cognome che dovrebbe dedicarsi alla pizza più che all’automobilismo,per citare Totò “Garibaldi che hai fatto!!!”

  6. Papayaman

    18 marzo 2014 at 14:10

    Non voglio nemmeno immaginare, come ci si deve divertire con voi ad una festa…

    BRAVO MAURIELLO, finalmente PAGELLE SEMISERIE come si deve!!!!

    E fatevela una risata!

  7. Weih

    18 marzo 2014 at 16:35

    6 alla Ferrari?? e a cosa è dovuta tutta sta bontà? Ferrari: 4,5. non ci sono scuse!

  8. Mattia.

    18 marzo 2014 at 19:39

    Cos’è? Un’emulazione della rubrica di Secchi? Non è neanche lontanamente dello stesso livello. Se volete copiare gli altri, quanto meno fatelo bene.

    • Marcocelli

      18 marzo 2014 at 21:03

      la differenza tra secchi e Mauriello è che quest’ultimo oltre ad essere ironico, ci capisce di F1

  9. tolanto

    18 marzo 2014 at 20:21

    Dio mio non prendetele sul serio fateci una risata dai

    • Micky79

      18 marzo 2014 at 20:43

      Come se ne fossero capaci di farci una risata…….

  10. Marcocelli

    18 marzo 2014 at 21:10

    Ai raikkoniani, per ovvi motivi, sta scoppiando il fegato
    e fidatevi, questo da parte di Alonso è solo l’antipasto, ahah!!

    Vedrete in che condizioni ridurrà il vostro biondino superpompato!!!

    Carissimi raikkioniani, dovete solo sperare che ad Alonso si rompa in continuazione la macchina, altrimenti sentirete che aria!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati