Briatore: “Il GP Australia uno spettacolo indecifrabile e deprimente”

Briatore: “Il GP Australia uno spettacolo indecifrabile e deprimente”

L’ex team boss della Renault, Flavio Briatore, ha criticato la nuova era della F1. Il 6enne italiano ha definito il GP Australia, prima gara della stagione 2014, “irrispettosa” nei confronti degli spettatori in pista e a casa. “Gli spettatori non capiscono perchè i piloti non attaccano, perchè risparmiano carburante, e perchè i campioni rinunciano a difendere le loro posizioni. E’ stato uno spettacolo strano, un qualcosa che rovina lo sport più bello del mondo” ha dichiarato Briatore a La Gazzetta dello Sport.

Secondo Briatore la FIA ha sbagliato ad assecondare i Costruttori nella stesura di regole atte a limitare i consumi in F1: “Hanno delegato la stesura delle regole agli ingegneri che non si curano dei fans e dello spettacolo. Il risultato è terribile. Di sicuro è vero che i principi delle regole sono corretti, ma non bisogna dimenticare che la F1 è una competizione tra piloti. Obbligarli a guidare lentamente è contro il senso comune. E’ come introdurre una regola che impone a Ronardo di toccare la palla solo dieci volte in una partita. Ora abbiamo i piloti costretti a pensare come dei ragionieri. Se la Formula 1 non cambierà di nuovo in un futuro prossimo, allora l’audience sarà persa. Guardate i commenti su internet, sui blog, su Twitter, il GP Australia non è piaciuto. E’ stato uno show indecifrabile e deprimente. Questa nuova F1 è arrivata troppo velocemente e con pochi test, quindi Vettel e Hamilton si sono ritrovati fuori dalla lotta troppo presto. E’ inaccettabile e ora c’è il caos”.

Briatore: “Il GP Australia uno spettacolo indecifrabile e deprimente”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

28 commenti
  1. Kenway92

    20 marzo 2014 at 12:29

    Sono d accordo.. Indipendentemente dal fatto che flavio nn mi sta prorio simpaticissimo ma, sa il fatto suo. Vediamo che succede.

  2. Dany_M

    20 marzo 2014 at 12:45

    Di irrispettoso nei confronti del pubblico(e non solo di quello) c’è stato il CrashGate che hai organizzato nell’ombra caro Flavio!
    Però qualcosa di giusto l’hai detto, in effetti è un controsenso che i piloti si risparmino perché la benzina è troppo poca.
    Per i ritiri invece non ci vedo niente di strano, l’affidabilità è una componente che ha sempre fatto parte di questo sport. Casomai sono le macchine super affidabili di questi ultimi anni ad aver tolto una componente imprevedibile e fondamentale per lo spettacolo.

    Chiudo dicendo che al tempo dei vecchi turbo è successo che qualche pilota finisse la benzina a pochissimo dal traguardo. Qualcuno è pure sceso e si è messo a spingere la monoposto!
    E’ così che deve essere! Invece che succede oggi? Succede che gli ingegneri dai box sanno già quanto stai consumando, se va bene puoi spingere, se va male devi andare piano, MA LA GARA LA FINISCI SICURO! E deve pure avanzarti 1 litro non serbatoio. Questo è profondamente sbagliato

  3. pippo

    20 marzo 2014 at 13:46

    Nn fa una piega il tuo discorso, macchine e spettacolo veramente penosi con quei ronzii fastidiosi.. bisogna fare qualcosa subito e in fretta nn possiamo pagare un abbonamento per vedere questa scempio.

  4. io

    20 marzo 2014 at 14:11

    Pur sempre meglio di te, mela marcia del pianeta terra.

    • Dany_M

      20 marzo 2014 at 17:23

      Curioso vedere quanti meno ci appioppano gli Italiani che a quanto pare prendono le difese di un ex team manager disonesto che ha truccato l’esito di un gran premio e di fatto ha pure fatto perdere il mondiale a Massa e alla Ferrari

      • Pedro33

        20 marzo 2014 at 20:03

        monxoloide e’ stato scagionato e risarcito…. potrebbe tornare in F1 quando minkia gli pare…!!! informati xoglione prima di dare aria a quel buco di kulo che ti ritrovi al posto della bocca..!! io lo chiamarei subito in Ferrari al posto di quel mentekatto incompetente di DOMENIKAZZO!

      • ale

        20 marzo 2014 at 20:21

        non userei parole così pesanti, ma quoto il tuo commento nella sostanza che è semplicemente un FATTO…e sui fatti non si discute

      • ale

        20 marzo 2014 at 20:21

        ovviamente mi riferivo a Pedro33

      • Pedro33

        21 marzo 2014 at 00:59

        beh si mi scuso per le parole poco ortodosse…. pero’ non si possono dare risposte del genere senza essere informati!

      • Dany_M

        21 marzo 2014 at 13:41

        Briatore è innocente come Alonso sull’episodio CrashGate guarda.
        Scagionato un piffero, se vuoi credere che gli asini volano fai pure

  5. Agisette

    20 marzo 2014 at 14:37

    Mi aggiungo al coro di fans insoddisfatti.

    Seguo i gp dal 95 e da 4 anni non ne ho perso nemmeno uno.

    Quest’anno dopo il gp dell’australia di sicuro non guarderò quello malese.

    F1 MISSING!

  6. saettamqueen

    20 marzo 2014 at 15:56

    f1 2014… per ora sei fuori!!!

  7. naranchio

    20 marzo 2014 at 16:03

    ancora a intervistare sto triste figuro??? che ha dato a suo tempo un bel colpo alla credibilità dell F1!!! ed ora pontifica…. Non dimentichiamoci il passato!!!

  8. HF

    20 marzo 2014 at 16:05

    Condivido quanto detto da Flavio.
    Non capisco sinceramente cosa serva sto flussimetro: vengono già imposti 100Kg di benzina a gara, questo non è sufficiente? Un pilota non può nemmeno scegliere di fare una strategia di gara diversa perchè se pensa di andare piano in una certa fase e di recuperare in un altra fase di gara incorre nei limiti del flussimetro perchè sta consumando troppo. Ma a cosa serve sta roba?? I limiti devono essere quelli della benzina totale consumata in una gara poi uno se la deve gestire come meglio crede in gara.
    Il flussimetro deve essere abolito se vogliamo recuperare un po’ di spettacolo.

  9. panis96

    20 marzo 2014 at 16:44

    Non apprezzo Briatore ma in questo caso ha sacrosanta ragione.
    L’inerzia di Todt e il suo appiattimento sui costruttori (che finanziano la FIA lautamente e con percentuali sempre in aumento)o , per meglio dire, sugli uffici tecnici dei costruttori ha portato a questa situazione.
    I trenini saranno una costante della stagione.E’ evidente che stare in scia fa risparmiare benzina da sfruttare negli ultimi giri.Ma il crollo di interesse (soprattutto in caso di dominio Mercedes) farà tornare un pò di ragione spero…

  10. ale

    20 marzo 2014 at 20:19

    io capisco che possa restare sulle balle un personaggio così…ma se ha detto giusto ha detto giusto….il giusto non è relativo se uno riporta i fatti…ma di cosa vi siete emozionati a guardare quel GP???

  11. Tizi65

    20 marzo 2014 at 21:29

    Non è mister simpatia “el tribula” * ma ha pienamente ragione. E’ un personaggio che parla senza peli sulla lingua e che punta dritto al cuore del problema: è una f1 completamente snaturata. Ed io (a parte che oramai un po anzianotto) non sfigurerebbe al posto di Domenicali.

    * Briatore

  12. Jess

    21 marzo 2014 at 00:11

    Briatore ha ragione, pienamente. La formula 1 ormai è pietosa. È tutto ridicolo e senza senso: motori congelati e pochi test per risparmiare, salvo però spendere cifre esorbitanti per progetti a base di motori da utilitaria ultraperformanti, dopati a energia elettrica. Limiti sui consumi, limiti su ogni cosa. La gara si decide in prova e alla prima curva, poi tutti al risparmio, altrimenti o finisci la benzina o ti squalificano. Il rispetto per i piloti è azzerato, son li per gareggiare e li costringono a fare passerella. Il rispetto per i tifosi, beh quello è dimenticato. In ogni cosa, gare che si preannunciano noiose, auto inguardabili, con musi a papera, istrici, trichechi e alla rocco siffredi…. E a tutto questo si aggiunge pure che la metà delle gare le guarda solo chi ha Sky o si accontenta di un altalenante streaming. Beh, amen, se l’andazzo è questo mi guarderò un po’ di registrazioni degli anni passati, o magari rush, per vedere una bella realtà ormai serve solo un film!

    • Pedro33

      21 marzo 2014 at 01:02

      beh hai ragione io l’ho visto il film che ti devo dire altri tempi altri piloti ops (EROI)!

  13. pepiona

    21 marzo 2014 at 08:09

    Briatore ha semplicemente detto quello che da tempo stanno dicendo tutti, quindi non pontifichiamolo!

  14. michele

    21 marzo 2014 at 11:40

    Grande Ciccio!!!!!!!!!!!!!!

    perché non torni in F1???

    Ci manchi!!

  15. AntonioX

    21 marzo 2014 at 13:20

    Che stia simpatico o meno ha detto delle parole sacrosante. I giornali sportivi e gli ex piloti di tutto il mondo sono stati unanimi … “Questa F1 fa schifo”! Fanno schifo i motori, fanno schifo le monoposto, fanno schifo le regole sul consumo della benzina e del parco chiuso. La colpa è tutta di Mercedes e Renault che hanno voluto trasformare la F1 in un laboratorio per la loro produzione di serie approfittando delle coperture economiche degli sponsor (la Ferrari in minoranza ha dovuto adeguarsi). Poi poco se ne fregano che lo spettacolo va a farsi fo**ere. Se la F1 dovesse chiudere i krukki e i galletti troverebbero altre categorie motoristiche da trasformare in laboratori senza spettacolo e senza anima.

  16. hero

    21 marzo 2014 at 14:25

    A me non interessa il parere di uno che è stato cacciato dalla F1 per slealtà sportiva…

  17. Davide.G

    21 marzo 2014 at 18:29

    Una cosa giusta la volevi fare il mondiale alternativo.
    non ci sarebbe sto schifo.

  18. scoiattolina

    22 marzo 2014 at 02:26

    a me il gp è piaciuto….è inutile ma continuerò a dire questo

  19. tommaso

    22 marzo 2014 at 16:35

    Flavio, quando vede Button nelle prime posizioni, non ci vede più! Quando vede Alonso nelle posizioni retrostanti, non ci vede più! Quando indossa (sempre) i fotocromatici, non ci vede più! Per fortuna nostra, non lo vediamo più! P.S.: spettacolo indecente, senza nemmeno uno straccio di Piquet da mandare a muro, e che diamine…e poi, per cosa le paghiamo (noi) le tasse??

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati