Formula 1 | GP Ungheria, venerdì interlocutorio per la Ferrari a Budapest

Cinquantaquattro giri complessivi per Vettel e Leclerc all'Hungaroring

Leclerc ha chiuso le seconde libere in settima posizione, mentre Vettel non è andato oltre la quattordicesima piazza
Formula 1 | GP Ungheria, venerdì interlocutorio per la Ferrari a Budapest

Il venerdì di prove libere del Gran Premio di Ungheria per Sebastian Vettel e Charles Leclerc è stato interlocutorio, come del resto per tutti gli altri piloti del paddock. Sia nella prima sessione che, soprattutto, nei 90 minuti del pomeriggio la pioggia ha infatti condizionato le attività in pista.

FP1. In mattinata entrambi i piloti della Scuderia Ferrari avevano girato con gomme Soft per cercare il miglior set-up in configurazione da asciutto. Per Sebastian e Charles 54 giri complessivi: 25 per il tedesco, il migliore dei quali in 1’17”399 e valido per la terza posizione, 29 per il monegasco, il più rapido in 1’18”188, sesto posto assoluto.

FP2. Nel pomeriggio, dopo pochi minuti dall’inizio della sessione, sulla pista ungherese ha ripreso nuovamente a piovere e questo ha costretto tutti a rientrare in pitlane. Fino a quel momento Charles aveva ottenuto come miglior prestazione 1’18”852 e occupava la settima piazza, mentre Sebastian Vettel aveva fermato i cronometri a 1’19”254, 13° tempo.

Nel corso della sessione le precipitazioni sono diventate via via più intense e così la squadra e i piloti hanno deciso di tornare sul tracciato con gomme intermedie per raccogliere dati utili e fare esperienza con questo tipo di coperture, finora impiegate assai poco nel corso della stagione. Nel complesso Sebastian nel corso della seconda sessione ha completato 24 tornate, tre in più di Charles.

Domani. Per il resto del weekend pare che la pioggia non debba più cadere e se così sarà la terza sessione di libere di domani alle 12 CET sarà di importanza fondamentale per preparare sia la qualifica, in programma alle 15, che la gara di domenica alle ore 15.10.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati