Formula 1 | Force India, Mallya: “Orgoglioso dei risultati raggiunti negli ultimi dieci anni”

"L'alleanza con Mercedes è stata una buona decisione strategica" ha aggiunto

Formula 1 | Force India, Mallya: “Orgoglioso dei risultati raggiunti negli ultimi dieci anni”

In un’intervista rilasciata a motorsport.com, Vijay Mallya ha commentato gli straordinari risultati ottenuti nel corso degli ultimi dieci anni, sottolineando come l’evoluzione del team sia stata assolutamente incredibile. Il Manager indiano si è concentrato sui piazzamenti raggiunti nell’ultimo biennio, evidenziando come la piccola Scuderia indiana sia riuscita a mettersi dietro squadre del calibro di McLaren, Renault e Williams con un budget nettamente inferiore. Una bellissima favola che Mallya spera di continuare a raccontare: per il 2018, infatti, l’obiettivo sarà continuare su questa strada, cercando di restare nella parte alta della classifica.

Ecco le parole di Vijay Mallya: Sono estremamente orgoglioso dei risultati raggiunti negli ultimi dieci anni. Ricordo la nostra situazione iniziale, con entrambe le vetture in fondo allo schieramento, mentre adesso siamo i migliori dietro i tre top team. Esiste un margine troppo ampio con i primi, ma i nostri risultati sono comunque molto prestigiosi. Riuscire a stare davanti a squadre come Williams, McLaren o Renault da una grandissima soddisfazione e per questo devo ringraziare i ragazzi che lavorano in fabbrica.

“Siamo una squadra indipendente e questo porta vantaggi e svantaggi”, ha aggiunto il Manager indiano. “Possiamo scegliere che motore adottare e quali partnership coltivare. L’alleanza con Mercedes, ad esempio, è stata una buona decisione strategica. La nostra situazione ci obbliga a sfruttare al massimo le risorse che abbiamo e proprio per questo la quarta piazza nel costruttori è qualcosa di straordinario”.

Roberto Valenti

Formula 1 | Force India, Mallya: “Orgoglioso dei risultati raggiunti negli ultimi dieci anni”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati