F1 | Toro Rosso, Kvyat: “Hockenheim è un bel posto dove correre”

Albon: "A Silverstone siamo tornati competitivi"

F1 | Toro Rosso, Kvyat: “Hockenheim è un bel posto dove correre”

Dopo due gare anonime in Francia e Austria, la Toro Rosso è tornata a punti in Gran Bretagna grazie al risultato di Kvyat. La Scuderia di Faenza vuole rimettersi in carreggiata per competere nuovamente con gli altri team del centro gruppo.

“A Silverstone siamo stati decisamente più competitivi rispetto alle due gare precedenti e abbiamo raggiunto un miglior bilanciamento con la vettura – ha ammesso Albon. Siamo riusciti a entrare nuovamente in Q3 e la macchina, nel complesso, si è ben comportata. Tuttavia, questo non vuol dire che ci aspettiamo un weekend facile in Germania, anzi. Abbiamo fatto progressi e sappiamo ciò che ci serve per lavorare nella giusta direzione. Di Hockenheim ricordo la pole position conquistata in GP3, ma poi ho avuto un incidente mentre ero in testa e ho avuto la stessa sorte anche in Gara 2! È una bella pista, una di quelle che definirei standard, con alcune belle curve come quella che porta allo stadio: c’è una grande atmosfera con tutti quei fan! La pista offre buone opportunità di sorpasso, soprattutto sul lungo rettilineo che porta al tornante: in quella staccata, ci si può sempre provare. Potrebbe essere dura con le gomme e anche in qualifica, in un singolo giro, bisogna saperle gestire per non arrivare nelle ultime curve con qualche calo. L’asfalto è vecchio e la superficie è molto più ruvida rispetto ad altri tracciati che sono stati riasfaltati di recente. È qualcosa da tenere d’occhio”.

“Nello scorso round a Silverstone ho fatto una bella rimonta che mi ha portato in zona punti alla fine di un weekend fino a quel momento difficile – ha dichiarato Kvyat. La cosa più importante è che in gara siamo stati competitivi e il passo era molto buono. Speriamo di poter continuare con questo slancio anche in Germania e poi in Ungheria, la settimana seguente. Penso che Hockenheim potrebbe essere una buona gara per noi, anche se la lotta a centro gruppo è molto serrata. Dobbiamo essere perfetti in tutto. È un po’ presto per poter dire se le performance di Silverstone siano considerabili l’inizio di una nuova tendenza positiva, perché ogni gara sembra fare storia a sé e in Gran Bretagna le condizioni erano diverse rispetto a Francia e Austria. La Germania sarà una sfida interessante per noi: non mi aspetto una corsa facile, ma faremo del nostro meglio per poter andare a punti. Quanto ad Hockenheim, è stato fuori dal calendario per un po’ di tempo, quindi non ci ho corso per diversi anni. Naturalmente ricordo la configurazione e ho lavorato al simulatore anche per questo. È una pista che mi piace parecchio, con alcune curve lunghe e ad alta velocità. C’è un’atmosfera un po’ vecchia scuola, è un bel posto dove correre. E con una lunga storia di piloti tedeschi in Formula 1, per la gara c’è il pubblico delle grandi occasioni che crea un’atmosfera magnifica. Per quel che riguarda la macchina, non c’è un aspetto particolare che serve per andare veloci, si cerca principalmente una vettura ben bilanciata”.

F1 | Toro Rosso, Kvyat: “Hockenheim è un bel posto dove correre”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati