F1 | Mercedes, Toto Wolff: “Non eravamo abbastanza veloci per la pole”

"Dalla seconda e terza posizione metteremo pressione a Max" ha aggiunto il team principal

F1 | Mercedes, Toto Wolff: “Non eravamo abbastanza veloci per la pole”

Nonostante i rumors sullo scambio di chassis tra i due piloti, la polemica con la Pirelli e i pettegolezzi riguardo al mercato piloti, la Mercedes riesce a piazzare le sue vetture in seconda e terza posizione. Lewis Hamilton ha faticato durante tutto il weekend con la sua W12, alimentando i pettegolezzi riguardo al telaio appartenuto fino allo scorso weekend di gara a Valtteri Bottas; ma al momento opportuno il sette volte campione del mondo è riuscito a tornare quello di sempre, segnando un giro veloce che gli è valso, però, solo la seconda posizione. Hamilton cede la pole position a Verstappen, che gli è davanti di ben 0.258s. Valtteri Bottas, invece, sembra aver ritrovato la fiducia persa negli ultimi weekend, e seppur sperasse di lottare per la pole, deve accontentarsi invece della terza casella in griglia. Il finlandese condividerà la seconda fila con l’altra Red Bull, quella di Sergio Perez.

E’ stata una qualifica eccitante con una solida performance che ci ha permesso di assicurarci la seconda e la terza posizione, con un solo decimo di differenza tra i nostri piloti; purtroppo non eravamo abbastanza veloci da assicurarci la pole position oggi – ha ammesso il team principal Toto Wolff – abbiamo fatto un grande miglioramento con la vettura di Lewis rispetto a ieri, si sentiva molto più a suo agio con il bilanciamento della vettura in qualifica; e Valtteri è tornato quello di sempre dopo il pesante fine settimana a Baku. Come le vetture attorno a noi, partiremo con le gomme medie domani, e ciò ci darà l’opportunità di spingere al massimo domani, magari mettendo pressione a Max. I nostri long run erano molto simili a quelli dei nostri avversari, sono sicuro che lotteremo fino alla bandiera a scacchi domani“.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati