F1 | McLaren, giornata difficile per Sainz e Norris

Lo spagnolo ha perso tutta la prima sessione per problemi all'Energy Store

F1 | McLaren, giornata difficile per Sainz e Norris

Qualche difficoltà in più del previsto per la McLaren, che a Montecarlo non è andata oltre la dodicesima e tredicesima posizione con Norris davanti a Sainz. Lo spagnolo, tra l’altro, in mattinata ha avuto grossi problemi sulla sua vettura, completando solo due giri, uno di installazione e uno sulla bandiera a scacchi così da poter fare una prova di partenza (a Monaco questa procedura è vietata fuori dalla corsia box, quindi tutti la provano una sola volta dopo ogni sessioni posizionandosi sulla griglia di partenza, ndr).

“Ovviamente non è stato un giovedì ideale per essere a Monaco – ha detto Sainz. Perdere l’intera prima sessione non è certo il modo ideale per iniziare un Gran Premio a Montecarlo, ma i meccanici hanno fatto un grande sforzo per cambiare l’Energy Store e farmi tornare in pista a fine sessione anche solo per fare un giro così da vedere come si comportasse la macchina. Le libere 2 sono andate meglio, ma ovviamente ho fatto 30/40 giri in meno rispetto ai miei avversari e ci sono tante cose da migliorare sulla vettura. E’ importante migliorare poco alla volta, quindi dobbiamo usare la testa per recuperare il tempo perso. Le qualifiche sono quelle che contano davvero, c’è ancora del margine per lavorare e migliorare”.

“Dopotutto non è stata una brutta giornata, seppur non perfetta e un po’ complicata – ha ammesso Norris. In mattinata abbiamo perso un po’ di tempo, però siamo riusciti a massimizzare la sessione fare alcune uscite per provare l’aerodinamica. Siamo migliorati tra i due turni e le libere 2 sono andate molto meglio, quindi sono contento di ciò che siamo riusciti a raggiungere, ma c’è ancora molto da lavorare e dobbiamo fare in modo di apportare alcuni cambiamenti positivi così da poter essere lì al centro del gruppo con gli altri”.

F1 | McLaren, giornata difficile per Sainz e Norris
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati