F1 | McLaren, Carlos Sainz: “L’asse posteriore era bloccato, non c’era nulla da fare”

"Darò tutto me stesso, la strategia sarà fondamentale per cercare di tornare in zona punti" ha aggiunto lo spagnolo, che partirà dalla quindicesima posizione

F1 | McLaren, Carlos Sainz: “L’asse posteriore era bloccato, non c’era nulla da fare”

Carlos Sainz era uno dei piloti candidati alla top 5 all’inizio della sessione di qualifiche in Bahrain, sul circuito di Sakhir, ma stavolta ci è voluto un problema meccanico, che nello specifico ha bloccato l’asse posteriore della vettura, per metterlo fuori dai giochi. La MCL35 dello spagnolo si è fermata in curva 1 all’inizio del Q2, impedendogli di segnare un tempo cronometrato nella seconda sessione di qualifica. Sainz partirà dalla quindicesima casella in griglia: ci si aspetta un’altra scalata, sopratutto dopo la performance in Turchia, che lo ha visto risalire dalla quindicesima alla quinta posizione. La strategia, come confermato dallo spagnolo, sarà fondamentale per cercare di recuperare posizioni e arrivare in zona punti.

Giornata davvero deludente. Ero a mio agio con la vettura, siamo riusciti ad oltrepassare il Q1 utilizzando un solo set di gomme, tenendo due nuove soft per il Q3 – ha rivelato Sainz, che in Q1 ha segnato il settimo miglior tempo – ovviamente c’è stato un problema meccanico all’inizio del Q2, che ha bloccato l’asse posteriore. E’ frustrante non aver completato la qualifica, avrei potuto qualificarmi in una buona posizione visto il nostro buon ritmo. Partiremo da dietro, domani, per cui dovremo essere attenti e meticolosi con la strategia, considerando che i top 10 si sono qualificati con le medie. Sarà dura, ma non ci arrenderemo e darò tutto, in gara, per recuperare quante più posizioni possibili“.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati