F1: Il Bahrain giudica vergognoso il voltafaccia di Ecclestone

F1: Il Bahrain giudica vergognoso il voltafaccia di Ecclestone

Il Bahrain ha risposto all’affermazione di Bernie Ecclestone secondo cui la F1 può “senza problemi” non tornare nel Regno quest’anno.
Il governo è stato molto felice, meno di una settimana fa, quando il FIA World Motor Sport Council, e lo stesso Ecclestone, avevano votato all’unanimità di riprogrammare l’evento in precedenza rinviato a fine ottobre.

Il voltafaccia di Ecclestone è apparentemente dovuto all’opposizione di piloti e squadre, così come le regole della F1 sui cambiamenti del calendario.
Riferendosi alla nuova posizione dell’80enne, pubblicata ieri, il capo della camera di commercio del Bahrain Nabeel Kanoo ha dichiarato al Gulf Daily News: “E ‘una decisione vergognosa e sa di ipocrisia. Non c’era alcun motivo di procedere al disimpegno”.
I team di F1 sono stati riluttanti a entrare nel dibattito politico, sostenendo invece che il loro atteggiamento è dovuto al dover rinviare le vacanze di dicembre del personale.
L’amministratore delegato della Williams, Adam Parr, ha detto alla Reuters: “Come si fa a dire a persone che hanno prenotato una vacanza di due settimane per vedere la gara in India ‘Scusate, voi sarete in India, ma noi no’? Abbiamo spiegato la nostra posizione e non c’è più niente di cui parlare. E’ troppo tardi per cambiare.”
L’ufficiale indiano Vicky Chandhok ha detto che il più recente sviluppo, nonostante il sito ufficiale della F1 mostri ancora una data di metà dicembre per il Gran Premio inaugurale, non influirà sui preparativi di Delhi per essere pronti ad ottobre, come inizialmente previsto: “Stavamo lavorando per rispettare la scadenza precedente, e anche quando l’evento è stato rinviato a dicembre non ci siamo rilassati, quindi il ritorno alla sua data originaria non porrà alcuna sfida in più”, ha detto all’Hindustan Times.
Parlando da Montreal, il tester Renault Bruno Senna ha commentato a Globo Esporte: “Amo il Bahrain e mi piacerebbe tornare, ma non vi e’ alcuna garanzia minima di trovare una situazione di calma. Dovremmo aspettare ancora un po’ per una nuova edizione della corsa”.

Filippo Ronchetti

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

18 commenti
  1. anonymous

    9 Giugno 2011 at 18:45

    smidollati….andate a correre!

  2. cosimo (tifoso Toro Rosso e simpatizzante Ferrari)

    9 Giugno 2011 at 19:26

    E’ vergognoso che i promoter del Bahrain vogliano a tutti i costi far correre dei rischi inutili e lì in mezzo al nulla ed a dei pazzi che non hanno nulla da perdere tutto è possibile.
    Non è ipocrisia ma solo timore di fare una brutta fine, ora ditemi quanti di voi (avendo la disponibilità economica) programmerebbero le vacanze in Bahrain..

    ve lo dico io = nessuno

  3. Amos (Tifoso Sutil e Force India)

    9 Giugno 2011 at 19:49

    Occhio che ammazzano lo Zio Bernie!! a parte gli scherzi.. cosa si dovevano aspettare?? ma per favore..

  4. jumpy

    9 Giugno 2011 at 20:03

    Bruno Senna:”Amo il Bahrain e mi piacerebbe tornare”……ma per piacere dai stai zitto che fai più bella figura!

  5. Max (tifoso Ferrari)

    9 Giugno 2011 at 20:13

    Bernie… che personaggio!

  6. giov

    9 Giugno 2011 at 21:05

    Solo Ecclestone è un volta giacchetta? E i team? si proprio alle vacanze pensano, ma per piacere e che non vogliono ne rimetterci la faccia e ne i possibili compratori, visto che le Ferrari le McLaren e le Mercedes sportive per gli sceichi costano fesserie!

  7. Iorek

    9 Giugno 2011 at 23:30

    Vergognosi sono i dittatori del baharim, cercano solo legittimizzazione internazionale alla loro dittatura . Ecclestone e’ l’unico che vuole andarci per ben noti motivi. Qualcosa sta cambiando in medio oriente, e tutto il mondo deve prenderne atto, F1 compresa .

  8. Frenk

    9 Giugno 2011 at 23:40

    Tiranno del Bahrain:
    BACIAMI IL CULO!!!

  9. MikeCTF (tifoso Ferrari)

    10 Giugno 2011 at 00:01

    PETRODOLLARI!?!? PPRRRRRRRRRRRRRRT!

    Dato che ne avete così tanti usateli per sistemarvi!
    Che gara inutile!

  10. fabrizio

    10 Giugno 2011 at 00:03

    Ancora con ste Bahrain? Ma è incredibile come certe persone cambino idea soltanto perchè qualcuno solleva obiezioni. Si è deciso che si corre? Bene! Si corre! Chi non vuole correre stia a casa, perderà punti.
    Le vacanze invernali??? Le fanno comunque e fanno anche quelle estive, e molti più giorni di quanti ne faccia un operaio metalmeccanico.
    Che la smettano con ste continue lamentele!

  11. Ben

    10 Giugno 2011 at 01:38

    Ma non leggete pria di postare?

    @fabrizio: guarda che quando Parr parlava di vacanze si riferiva agli spettatori del GP d’India, non ai team! E non si può fare che “chi non vuole correre resta a casa e perde punti” perché PER REGOLAMENTO sono i team a dover dare l’OK al cambiamento delle date in calendario…

  12. Motore Asincrono Trifase (Tifoso McLaren)

    10 Giugno 2011 at 09:18

    a parte tutto hanno ragione a criticare il voltafaccia di bernie. Dice di si e ppoi si rimangia la parola in tutto in base a chi da piu’ soldi. Un minimo di serieta’ e avrebbe detto di no dal primo momento.

  13. dx

    10 Giugno 2011 at 10:58

    bernie mi ricorda un certo “Caveliere”!XD

  14. Faber

    10 Giugno 2011 at 16:01

    @MAT
    daccordo con te. credo sia la prima volta

  15. umberto

    10 Giugno 2011 at 16:35

    e chi se ne frega se non si corre in bahrain interessa solo alla zio bernie così può incassare tanti bei dollaroni alla gente del posto non ineressa la f1 che fino a poco tempo fa non sapevano cosa fosse a loro interessano soltanto le corse con i cammelli e nient’altro.

  16. umberto

    10 Giugno 2011 at 16:38

    dové finito il commento che ho appena postato?

  17. umberto

    10 Giugno 2011 at 16:41

    e ritornato che bello!

  18. r.strauss

    10 Giugno 2011 at 16:52

    Ma non avete ancora capito … ragazzi su … si parla del rinnovo del contratto già da un pò e bernie sta già in trattative …ha dovuto rinunciare per non mettersi contro i team e non compromettere il rinnovo del contratto.
    A lui non gliene frega nulla del Barhain, dei diritti umani e della sicurezza degli addetti ai lavori.

    Senna ha perso un’altra occasione per tacere.

    Meglio se non si corre : non si rischia un attentato e tanto non ci perdiamo nulla.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati