F1 | Haas, Grosjean: “Risultato deludente, ma la macchina ha molto potenziale”

Un doppio ritiro per la Haas in Australia ma un grande ottimismo per il grado di competitività della monoposto

F1 | Haas, Grosjean: “Risultato deludente, ma la macchina ha molto potenziale”

Giornata sfortunata per la Haas quella del GP d’Australia. Il team, partito con grandi speranze dopo l’ottima qualifica di Grosjean, è invece tornato a casa con un nulla di fatto e due ritiri che gridano vendetta visto l’apparente alto grado di competitività della monoposto. Il francese si è dovuto arrendere quando era saldamente in settima posizione per un problema tecnico, mentre il suo compagno di squadra Magnussen è stato appiedato da un problema alla sospensione dopo un inizio non esaltante e un contatto al via con la Sauber di Ericsson. Tanti musi lungi ma anche tanto ottimismo per una vettura che è apparsa competitiva e in grado di competere stabilmente per la top 10.

Queste le dichiarazioni di Romain Grosjean: “Ho perso improvvisamente un sacco di potenza e ho dovuto rallentare la macchina. É stato un risultato piuttosto deludente e a caldo non potevamo che essere contrariati per aver perso il settimo posto. Ma la macchina era li e in qualifica eravamo sesti. La partenza non è stata il massimo, quindi dobbiamo migliorare anche sotto questo aspetto. Mi sentivo più veloce della Williams, quindi la macchina ha davvero un enorme potenziale. La chiave per noi sarà mantenere questo slancio e avere la concretezza che non abbiamo avuto lo scorso anno. Ho molta voglia di migliorare e ottenere una maggiore coerenza tra prestazioni e risultati ottenuti. Se riusciremmo a raggiungere questo obiettivo sono sicuro che ci saranno un sacco di gare in cui saremo in grado di portare a casa dei buoni punti. Oggi mi sento un po’ così, ma domani ho intenzione di allontanare i brutti pensieri, abbiamo una grande macchina e quindi, non importa come, dobbiamo essere li davanti quest’anno”.

Più laconico il parere di Kevin Magnussen: “Ho avuto un contatto alla curva tre. Avevo Ericsson all’esterno e gli sono finito addosso, è stato un peccato. Ho perso il mio alettone anteriore e ho danneggiato un po’ la vettura. Abbiamo subito cambiato l’ala anteriore e poi sono comunque sceso di nuovo in pista per fare una lunga sessione di test, sentire la monoposto e imparare un po’ di più. La macchina è buona ed è veloce e questa è la cosa più positiva di questo fine settimana. Siamo li, non ci resta che arrivare alla fine e portare a casa dei punti”.

Manuel Lai

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati