F1 GP Austria, Prove Libere 2: ancora Mercedes, ancora Hamilton

Vettel terzo davanti alle due Red Bull e Raikkonen

F1 GP Austria, Prove Libere 2: ancora Mercedes, ancora Hamilton

Anche al pomeriggio le Mercedes dominano la scena, chiudendo con una “doppietta” le FP2 del GP di Austria. Lewis Hamilton si è intascato il giro migliore, grazie al tempo di 1:04.579, ottenuto con la gomma soft. Alle sue spalle il compagno di box Bottas, quindi Vettel , Ricciardo, Verstappen, Raikkonen, Grosjean, Magnussen, Gasly e Vandoorne. Il britannico quattro volte iridato ha impressionato anche nel passo gara, ma Vettel gli ha fatto comunque sentire il fiato sul collo, a parità di mescola, mentre il lavoro di Kimi si è concentrato sulla gomma rossa. La sessione è stata interrotta verso metà da una bandiera rossa, provocata dalla Toro Rosso di Gasly – e dai “malefici” cordoli del Red Bull Ring – che ha così limitato il lavoro dei piloti con la gomma ultrasoft, impegnati nella simulazione di qualifica.

Cronaca – Temperature in ribasso al Red Bull Ring, quando scattano le FP2. Grosjean e Sirotkin aprono le danze, con il francese della Haas che subito ferma il cronometro: 1:07.387, con la gomma rossa. La vetta si affolla in poco tempo e, a cinque minuti dal via, Vettel si mette a guidare il gruppetto dei primi cronometrati in 1:05.273, seguito da Raikkonen, , Ricciardo, Gasly, Verstappen, Vandoorne, Leclerc, Magnussen, Ericsson e Hartley. Ricciardo e Hamilton si contendono la seconda posizione, con il britannico ad avere la meglio, mentre Vettel, con la gomma soft, scende a 1:04.949. Gomma gialla anche per Hamilton, Verstappen, Vandoorne, Leclerc e Magnussen, mentre gli altri inquilini della top ten sono su supersoft.

Hamilton si prende quindi la leadership in 1:04.579, mentre le due Ferrari rientrano momentaneamente ai box. Bottas è alle sue spalle. A trenta minuti dal via, le due Haas sono le prime a lasciare i box equipaggiati con la mescola più performante, la ultrasoft. Magnussen sale settimo, Grosjean chiude la top ten. Hamilton è davanti a Bottas Vettel Ricciardo Verstappen Kimi Magnussen Gasly Grosjean e Vandoorne. Alonso è fermo ai box, con i meccanici al lavoro sul fondo della McLaren danneggiato dai cordoli. Con le ultrasoft Vettel fa segnare 1:04.815, ma rimane terzo, mentre anche il resto della griglia provvede al passaggio alla gomma viola. Ultime saranno le due McLaren.

Ma ecco che la Toro Rosso di Gasly rompe la sospensione anteriore sinistra e finisce nella ghiaia. Bandiera rossa e sessione interrotta, proprio mentre Vettel cercava di migliorarsi. Alla ripartenza, la sessione è giunta ormai a metà strada, e Hamilton detta ancora le regole con il miglior tempo, seguito da Bottas, quindi Vettel, Ricciardo, Verstappen, Grosjean, Kimi, Magnussen, Gasly e Vandoorne. Bottas si migliora, ma rimane secondo. Vettel passa quindi alla simulazione del passo gara con la gomma più morbida, mentre Kimi ha scavalcato la Haas.

I long run vedono la Mercedes di Hamilton in palla con la mescola soft, con la Ferrari di Vettel a tallonarlo, mentre il lavoro di Raikkonen si concentra sulla gomma rossa.

La sessione si conclude con il britannico di nuovo al comando, seguito da Bottas, Vettel, Ricciardo, Verstappen e Raikkonen.

F1 GP Austria – Tempi, risultati e giri Prove Libere 2

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati