F1 | Ferrari, non tarpare le ali a Leclerc…

Da registrare un certo cambio di atteggiamento del giovane monegasco, già "relegato" al ruolo di seconda guida di Vettel

F1 | Ferrari, non tarpare le ali a Leclerc…

Un cambio di registro, di approccio, nelle parole, negli atteggiamenti. Charles Leclerc è passato in pochi mesi – quelli trascorsi dall’annuncio del suo ingaggio ai test invernali – dalle dichiarazioni arrembanti e battagliere a quelle più prudenti e umili. Da un impatto aggressivo ai limiti dell spaccone – “Imparare certo ma sono qui per vincere” – ad uno molto più politically correct: “Guidare la Ferrari mette già pressione, io voglio solo lavorare sulla macchina, da un compagno come Vettel ho solo da imparare”.

Di mezzo, precisamente alla presentazione della SF90, la pietra tombale alle aspirazoni del giovanissimo fenomeno in erba monegasco le aveva messe nientepopodimenoche Mattia Binotto in persona, che laconicamente così sentenziava: “La nostra guida resta Sebastian Vettel. Abbiamo una coppia di piloti formidabile, ma Charles ha ancora tanto da imparare, lo dice lui stesso. Avrà in Vettel un bel riferimento”. Fine.

Ecco come la Ferrari, da squadra coraggio che lanciava Leclerc, per una volta tanto fregandosene delle gerarchie interne e puntando su un giovane fuoriclasse, sembra essere tornata con un triplo carpiato all’indietro alla sua natura più conservatrice e tradizionalista, alla solita noia dei ruoi ben definiti, del fido scudiero che“fallo passare perché he is faster than you“. E che palle! Mi chiedo perché “spegnere” così Leclerc a bocce ferme, perché tarpare già sulla carta le ali a questo ragazzo in rampa di lancio, che porta con se in dote entusiasmo, sorrisi, freschezza, voglia di fare, di imparare, di sudare, ma anche di sorprendere e magari vincere, tutt’è dargliene possibilità.

Credo che al talento, in qualsiasi campo, vada dato libero sfogo. Ai geni – a patto dimostrino di essere tali – va data la massima libertà, senza ingabbiarli sin dal principio in schemi prefissati. Non vale nemmeno il discorso di voler togliere pressione da dosso al monegasco; un vero predestinato si esalta al cospetto di una sfida difficile, Hamilton nel 2007 docet.

E poi Sebastian Vettel non ha certo bisogno di essere tutelato, protetto, eretto per status a prima guida della Rossa. Si tratta di una posizione naturale per un quattro volte campione del mondo di cotanta esperienza, che andrebbe però confermata sul campo, anche e soprattutto negli anfratti più rischiosi di una sfida alla pari con un talentino come Charles.

Penso allla Red Bull e alla carta bianca data a Verstappen, lasciato libero di sbagliare e di crescere, supportato sempre al massimo. E pare quasi un controsenso ingaggiare Leclerc per poi relegarlo ex officio al ruolo di seconda guida. Giocoforza gregario. Vien da pensare già a discorsetti interni, al solito politichese, a tutto ciò che la Ferrari di Binotto pareva aver spazzato via con la sua ventata di novità. Caro Cavallino, dai, non fare il Gattopardo.

Antonino Rendina


F1 | Ferrari, non tarpare le ali a Leclerc…
3 (59.29%) 85 votes
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

11 commenti
  1. max02

    22 febbraio 2019 at 20:51

    Ma come fanno a non capire che non può farcela con leclerc, lo so già io che nel 2020 lo mandano a casa a vettel, e non lo sanno loro?

  2. cevola

    22 febbraio 2019 at 22:17

    Se la competitività delle macchine dovesse essere molto simile, puntare su Leclerc sarebbe un rischio troppo grande, mentre in Mercedes e Redbull il pilota di punta è già noto in partenza. Occorre puntare su Vettel perchè più esperto e capace di vincere…

    Rispondi

    • max02

      22 febbraio 2019 at 23:52

      Quando non ha pressione, ma ora ha un rivale veloce, e dobbiamo vedere come andrà la macchina di max, sembra veramente la più veloce la Ferrari, dico sembra

  3. idrija

    23 febbraio 2019 at 08:48

    A Binotto interessa solo la Ferrari…il point e Ferrari! A me non interesa chi la guida non mi e mai interesato… Ferrari deve vincere!

  4. rogerrabbo

    23 febbraio 2019 at 09:14

    Charles è da 1 anno in f1 e in Ferrari da ora. E’ un’ottima idea non dargli troppa pressione, farlo crescere e imparare. Quest’anno Seb avrà la preferenza ma in cambio dovrà essere vincente e costante.
    Se così non sarà dal prossimo anno credo che passeranno la palla al Ragazzo.

  5. Victor61

    23 febbraio 2019 at 12:24

    chi è causa del suo male pianga se stesso…lo avete voluto vettel? vi è piaciuto? lo avete esaltato? adesso ve lo dovete tenere…

  6. Magu

    23 febbraio 2019 at 14:03

    Se Leclerc si dimostra competitivo ma lo stoppano per favorire Vettel diventa un maggiordomo anche lui?… sentiremo Vanzini quali scuse troverà…

  7. frency

    23 febbraio 2019 at 17:57

    Secondo me la Ferrari vuole mandare via Vettel prima che gli scada il contratto, stanno aspettando che sia lui a dire ciao.

  8. frency

    23 febbraio 2019 at 18:00

    Anche le voci che mandano in giro che leclerc è un fenomeno, fino adesso non ha dimostrato niente, percio fanno capire che vogliono creare scompiglio tra i due

  9. max02

    23 febbraio 2019 at 18:06

    A leclerc non lo fermano, non gli darà modo, lui starà molto davanti a vettel, e a quel punto lo lasceranno libero, e vettel farà come quando scappò da Ricciardo

  10. max02

    23 febbraio 2019 at 18:10

    Da ricordare che c è il ragazzo terribile, max. Se la sua macchina sarà almeno il 90% di Mercedes e Ferrari non lo ferma nessuno

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati