F1 | Ferrari, Binotto dopo le qualifiche in Belgio: “Ci sfugge qualcosa”

"Ieri i piloti non avevano fiducia, e questo lo abbiamo pagato oggi: ma la gara è domani", ha aggiunto

F1 | Ferrari, Binotto dopo le qualifiche in Belgio: “Ci sfugge qualcosa”

Come previsto, il sabato di qualifiche della Ferrari è stato disastroso. Leclerc e Vettel si sono qualificati in tredicesima e quattordicesima posizione senza avere alcun problema tecnico, ma solo di prestazione pura della SF1000, assolutamente insufficiente per essere colorata di rosso e con il marchio più glorioso della Formula 1. Anzi, i due piloti sono stati praticamente miracolosi nel mettere le vetture in Q2, visto che hanno rischiato seriamente di essere esclusi solo dopo la prima sessione, e visti i risultati della mattinata, con Leclerc diciassettesimo e Vettel tristemente ultimo, non sarebbe stato poi così sorprendente. Raggiungo da Mara Sangiorgio, Mattia Binotto, team principal della Ferrari analizza quello che è stato finora il weekend della Rossa.

“Situazione difficile, non c’è dubbio – ha detto Binotto. Non posso essere contento, non lo è nessuno di noi, così come i tifosi. Questo è il punto di partenza, poi si tratta di capire e guardare avanti. Già ieri dalle libere abbiamo avuto molte difficoltà con la macchina, non siamo riusciti mai a far funzionare le gomme, i piloti non hanno mai avuto fiducia, quindi il weekend è partito in salita. Abbiamo cercato di cambiare in tutti i modi la vettura per oggi sia come bilanciamento che come set-up e modo di fare il giro di lancio per poi utilizzare al meglio gli pneumatici nel tentativo da qualifica. Non siamo arrivati al punto sperato, ancora credo che ci siano delle spiegazioni necessarie, in questo weekend c’è qualcosa che ci sta sfuggendo e mi aspetto che i nostri tecnici e ingegneri riescano a capire. Detto questo siamo arrivati a due decimi da poter entrare in Q3, quindi la situazione rispetto a ieri è migliorata, ma non abbastanza per star davanti a chi oggi è nostro diretto rivale”.

“Questa macchina è la stessa delle gare scorse, così come quelle dei nostri rivali diretti, quindi a pari vetture, qualcosa qui non ha funzionato. Poi abbiamo fatto una scelta a livello di carico aerodinamico più alto pensando anche alla gara di domani che potrebbe essere bagnata, cercando di far qualcosa di diverso dagli altri. Questo ci ha penalizzato in qualifica, lo si è visto nei rettilinei. Credo che per noi sia importante capire cosa è successo in questo weekend. Il pilota se ha fiducia trova due decimi, ma sicuramente la situazione di ieri ha compromesso la prestazione di oggi. Per uscire da questo periodo serve pazienza: stiamo guardando al futuro, costruendo per quello che verrà. Siamo concentrati su 2021 e soprattutto 2022 cercando di fare al meglio in questa stagione. L’obiettivo minimo lo conosciamo, gare come queste non ci aiutano, ma ce ne sono tante altre, ora due in Italia dove teniamo a fare bene. Ci sono stati weekend migliori finora, ma la gara è domani perché è lì che saranno assegnati i punti. Penso che più giriamo e più i piloti acquistano fiducia: sui long run solitamente andiamo meglio rispetto alle qualifiche, c’è anche il discorso delle mappature motore che fanno tanto in una pista come questa. Credo che domani potremo combattere con chi ci sta davanti – conclude Binotto – si può superare e se troveremo il giusto bilanciamento sarà una corsa tutta da scrivere”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

5 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Ferrari

F1 | Tapiro d’oro per Charles Leclerc

Il monegasco l'ha ricevuto il noto premio di Striscia la notizia per l'errore commesso in Turchia alla penultima curva
Tapiro d’oro per Charles Leclerc. Anche il monegasco è rientrato così tra le vittime eccellenti della trasmissione satirica Striscia la