F1 | Ferrari, Auto Bild rivela importanti indiscrezioni sulla disputa Arrivabene-Binotto

Secondo la testata tedesca l'oramai ex team principal della Rossa avrebbe posto un veto al budget tecnologico, stoppando lo sviluppo della SF71-H

F1 | Ferrari, Auto Bild rivela importanti indiscrezioni sulla disputa Arrivabene-Binotto

Quella andato in scena ieri è stata una giornata di annunci importanti in casa Ferrari. Infatti Maranello ha saluto dopo quattro stagioni Maurizio Arrivabene, affidando a Mattia Binotto (direttore tecnico del Cavallino fino alla passata stagione, ndr) il ruolo di team principal.

Nelle ultime ore sono emerse nuove indiscrezioni riguardanti il rapporto non certo idilliaco tra Arrivabene e Binotto. Secondo quanto riferisce Auto Bild, l’ormai ex team principal della Rossa avrebbe sfruttato il vuoto di potere dovuto alla prematura dipartita di Sergio Marchionne per rafforzare la sua posizione e indebolire quella di Binotto.

Arrivabene inoltre avrebbe posto un veto al budget tecnologico, stoppando di fatto lo sviluppo della SF71-H. A questa mossa del manager bresciano Binotto avrebbe risposto minacciando ai vertici della Ferrari l’uscita di scena dal box della Rossa. Dovendo scegliere tra i due, John Elkann e Louis Camilleri hanno deciso di trattenere Binotto confermando di fatto la volontà di Marchionne.

Per Auto Bild inoltre la promozione a team principal da parte dell’ingegnere italo-svizzero, più empatico e con più forza d’impatto all’interno della squadra rispetto al predecessore, è da considerare una buona notizia per Sebastian Vettel. Difatti il tedesco nell’ultima stagione non ha avuto il supporto emotivo e il sostegno dei suoi capi squadra.

F1 | Ferrari, Auto Bild rivela importanti indiscrezioni sulla disputa Arrivabene-Binotto
2.4 (48%) 10 votes
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento
  1. Victor61

    8 gennaio 2019 at 19:53

    il tedesco nell’ultima stagione non ha avuto il supporto emotivo e il sostegno dei suoi capi squadra??? ma per favore…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati