F1 | Alfa Romeo, Antonio Giovinazzi: “Nel 2020 sono migliorato molto”

Nel 2021 il pilota italiano punta a migliorare ancora, soprattutto sul passo gara

F1 | Alfa Romeo, Antonio Giovinazzi: “Nel 2020 sono migliorato molto”

Nonostante la scarsa competitività della Alfa Romeo Sauber il 2020 di Antonio Giovinazzi è stato sicuramente un anno positivo. Il pilota italiano ha tenuto un ottimo livello di guida, spesso è stato avanti a Kimi Raikkonen in qualifica e anche in gara è stato sempre vicino nelle performance al ben più esperto compagno di squadra finlandese, vero e proprio punto di riferimento per talento e bravura. Basti pensare che con Kimi e Vettel Antonio ha formato un trio fisso nella seconda parte di stagione, a ridosso della zona punti.

Zona punti toccata solo tre volte, con il nono posto in Austria nella gara d’esordio e con due decimi posti, in Germania e a Imola. Ma è nel complesso che Giovinazzi sente di essere migliorato parecchio e adesso alza l’asticella in vista del 2021, per fare un ulteriore passo in avanti.

Va poi detto che il pilota italiano ha dimostrato grande freddezza e lucidità nel momento più complicato dell’anno, quello in cui si giocava la riconferma e aveva molta pressione addosso, con il suo sedile minacciato dai giovani della Ferrari Driver Academy. Giovinazzi si è conquistato il rinnovo con l’Alfa anche grazie alla solidità delle sue prestazioni proprio in Russia e al Nurburgring.

“Credo di essere  migliorato parecchio e mi sono sentito più a mio agio con macchina, team e quant’altro – le parole del pilota italiano come riportate da Autosport – Capita sempre così agli esordienti. Nel primo anno sei più nervoso perché è tutto nuovo, mentre ora conosco meglio le cose e riesco a gestire tutto con più controllo. Devo però ancora imparare e migliorare, e l’anno prossimo voglio fare un ulteriore passo avanti. Ho degli aspetti su cui lavorare, in gara soprattutto perché nell’ultima stagione è stato un po’ il mio punto debole. Ad esempio l’anno scorso non andavo bene nel primo giro, aspetto su cui sono molto migliorato nel 2020. E ho fatto progressi anche sulla distanza”.

Non manca un pensiero su quel Kimi Raikkonen con cui Antonio divide i box: “Guardare il mio compagno mi aiuta perché lui è uno dei migliori del lotto. Quindi dico che sono contento di quanto fatto, ma restano ancora parecchie cose da affrontare per migliorare”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati