Caso de Villota: La tester Marussia non poté fare nulla per evitare l’impatto

La frizione sarebbe stata bloccata

Caso de Villota: La tester Marussia non poté fare nulla per evitare l’impatto

Lei stessa aveva dichiarato di non essersi allarmata perché sicura di schivare il camion e nello specifico la pedana mobile contro cui invece andò ad impattare.

Forse anche per questo la Health and Safety Executive ha deciso qualche giorno fa di archiviare il caso dell’incidente occorso a Maria de Villota a Duxford il 3 luglio del 2012.

Nuovi dettagli però emergono dalla documentazione prodotta dall’ente investigativo secondo cui l’ingegnere della pilota, ritenendola esperta, avrebbe omesso di istruirla a proposito delle procedure da seguire per fermare la monoposto.

Quel giorno, terminato il secondo run e chiamata a rientrare al box, la spagnola sarebbe arrivata al bloccaggio in frenata e tentando di riattivare la frizione e disinserire le marce, o se non altro di passare dalla seconda alla prima, non sarebbe riuscita a causa del controllo minimo del motore impostato per tenere i giri a 4100, finendo contro il mezzo pesante senza poter fare nulla.

A quanto pare la figlia d’arte aveva già informato i tecnici del problema che si presentava nel momento in cui andava a girare completamente il volante.

Chiara Rainis

Caso de Villota: La tester Marussia non poté fare nulla per evitare l’impatto
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. lucaraikkonen

    28 giugno 2015 at 11:16

    Perché la formula1 debba essere così complicata non lo so.. procedure di partenza, mappature, procedure per rientrare ai box.. quando hai acceleratore e freno e cambio al volante cos’altro serve?
    Incidente evitabile e sfortunato.
    R.i.p.

  2. mariogragn

    28 giugno 2015 at 20:28

    Ma esiste anche il volante. Mi sembra lo stesso strano. Comunque si dice che in f1 non muore piu bessuno dal 94 ma lei è morta. E Bianchi a quanto sembra e’ in coma irreversibile

    • and.90

      29 giugno 2015 at 13:11

      Si ma come avrai notato entrambi gli incidenti hanno in comune il fatto di non aver nulla a che fare con la sicurezza delle monoposto e della pista

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati