Brawn: Non licenzieremo Schumacher, lo conosciamo, ha più talento di altri

Brawn: Non licenzieremo Schumacher, lo conosciamo, ha più talento di altri

La performance deludente di Schumacher al gran premio di Singapore ha sollevato molte critiche nei confronti del pilota tedesco. Eddie Jordan, ex team boss dell’omonima scuderia ed ora opinionista per la BBC, si è posto una domanda: “Se Michael Schumacher non fosse Michael Schumacher, e corresse come sta facendo quest’anno, sarebbe riconfermato per il prossimo anno? ..Io credo di no”.

La stessa domanda è stata posta a Ross Brawn, team principal della Mercedes Gp, il quale ha ammesso che se Schumacher non fosse una leggenda a quest’ora avrebbe potuto essere licenziato.

Brawn: “..se avessi perseverato con un pilota che mostra l’attuale livello di prestazioni di Schumacher? ..ad essere onesti, probabilmente no! Ma non lo manderemo via perché lo conosciamo, sappiamo che c’è bisogno di un altro po’ per farlo ritornare ai suoi livelli, ma sappiamo che Michael in molti campi ha più talento degli altri. Sono molto contento di come si relaziona con il team. Se fosse stato un esordiente mi sarei domandato se avesse le qualità giuste, con Michael sappiamo già quali sono”.

Ross ha anche escluso un possibile abbandono di Schumacher alla fine dell’anno e ancora meno una sua promozione a dirigente: “Non ho mai parlato con lui di ritiro, è un uomo intelligente, con una vita familiare equilibrata, ma non so se ha tanta voglia di stare su un divano a pensare a se stesso. La promozione? ..come responsabile di una squadra non si ottiene la stessa adrenalina di quando sei alla guida. Quello che puoi ottenere è un giorno di 10-12 ore di lavoro e non credo che questo possa soddisfare o motivare Michael”.

E’ stata l’occasione anche per gettare acqua sul fuoco e spegnere le voci dei dissidi interni al team, tra l’ex vertice Brawn Gp e la dirigenza Mercedes, in particolar modo con Norbert Haug: “E’ triste che circolino certe voci, ma cerchiamo di essere realistici: nessuno di noi è felice per le performance di quest’anno e naturalmente tutti, soprattutto la Mercedes, vogliono sapere come e quando migliorare. Nessuno ha bisogno di dirmi che è importante vincere e probabilmente potremmo ancora migliorare il nostro affiatamento tra la fabbrica dei telai e quella dei motori. Con Mercedes non abbiamo problemi di sorta, loro sono aperti a tutti i suggerimenti, ma le cose potrebbero cambiare se non saremo in gradi di migliorare in futuro”.

Roberto Ferrari

Brawn: Non licenzieremo Schumacher, lo conosciamo, ha più talento di altri
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

28 commenti
  1. Leonardo

    30 settembre 2010 at 15:58

    Ahahah Poeta un pò però è vero,sei troppo anti-schumacher..ricordate che ha vinto 7 mondiali…quest’anno ha fatto pietà ma ricordiamoci che:
    1-la macchina non era competitiva
    2-le regole e lo stile di guida sono cambiati molto dal 2006
    3-non possono fare prove private per capire meglio l’auto
    4-ha 41 anni!!! voglio vedere gli altri ‘fenomeni’ se riescono a stare in pista a 41 anni!!!

  2. D-Lord

    30 settembre 2010 at 16:19

    Berrichello arriverà a 50.

  3. Albe

    30 settembre 2010 at 17:47

    grande ross!almeno c’è qualcuno che lo difende!

  4. terminator

    30 settembre 2010 at 18:03

    @ Poeta
    Cariola si scrive con due R !!!!

  5. Gianni

    30 settembre 2010 at 18:06

    Quoto in parte Emilio, si parla, si discute, ma non deve essere sempre e solo negativo. Si è capito che a Poeta non piace Schummy, ok, ti capisco, ma non serve ripetere all’infinito eh…cambia tema o rima su qualche altro pilota dai 😉

    Ps. Sono Ferrarista, tifavo Schummy e lo tifo ancora, ma soprattutto tifo la F1…e buon campionato a tutti.

    Ciao!

  6. Ingenuo

    1 ottobre 2010 at 09:59

    Allora ricorderei a tutti quanti che il signor Juan Manuel Fangio ha vinto il suo primo mondiale alla veneranda età di 40 anni e l’ultimo a 46… e pazienza se erano altri tempi ma lasciate di dire che non ha l’età e non ha motivazione: vedete cosa ha fatto a Massa a Montecarlo e a Barichello in Ungheria…

  7. Faffo78

    1 ottobre 2010 at 11:07

    Un mastino è sempre un mastino…anche se ha i canini un pò spuntati ha dalla sua esperienza e capacità di sviluppare la macchina che nessun altro può vantare, se aggiungiamo poi l’esperienza con Ross Brawn le carte ci sono tutte!
    L’unica sfiga è stata che la Brawn non ha avuto tempo e soldi per fare la macchina di quest’anno, ma per il prossimo saranno uccelli per diabetici con la Mercedes che stanno facendo (almeno spero) 😉

  8. debiruman

    2 ottobre 2010 at 00:02

    Anchio tifavo Shumy quando era in Ferrari(strano eh),ma non mi è piaciuto il comportamento che ha tenuto quando doveva sostituire Massa,li non so ma la storia della caduta in moto …..forse aveva paura di fare brutta figura o forse aveva già i contatti con Mercedes? mi sono sentito tradito,soprattutto ripensando a Badoer costretto a suo malgrado a dover gareggiare.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati