Webber critica la nuova procedura del podio di F1

Vettel: "La polemica sulle parolacce è stata eccessiva"

Webber critica la nuova procedura del podio di F1

Mark Webber ha criticato la nuova procedura del podio in F1 che vede i primi tre classificati intervistati subito dopo la premiazione da vari campioni dello sport come Jackie Stewart e Niki Lauda.

Ad Abu Dhabi sono nate polemiche per il linguaggio colorito di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel e la FIA ha invitato i piloti ad un linguaggio più consono. Inoltre le bandiere dei primi tre classificati sono state sostituite da versioni elettroniche.

“Penso che il podio debba essere una celebrazione dei piloti e di quello che hanno ottenuto” ha dichiarato Webber. “Non dovrebbe esserci nessun altro in cerca di cinque minuti di visibilità. Questo mi ha dato fastidio. Inoltre ci vogliono bandiere vere. Le bandiere elettroniche fanno schifo. E’ bello vedere le vere bandiere sventolare. Le interviste sul podio ai piloti? Non sono né favorevole, né contrario. Per le parolacce, non spariranno mai. Sia ha una quantità incredibile di adrenalina e a volte non si trovano le parole giuste, ma ora dobbiamo stare attenti. E’ un altra parte di weekend su cui bisogna stare concentrati”.

Vettel ha trovato la polemica sulle parolacce “eccessiva”: “Non è stato intenzionale. Di certo non c’era bisogno di creare una polemica simile. Ad ogni modo, se ho detto cose non appropriate mi scuso. Ma non c’è molto altro che avrei potuto dire a riguardo”.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

8 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati