Test Pirelli ad Abu Dhabi

Test Pirelli ad Abu Dhabi

La Pirelli sta effettuando il primo test del 2011 sul circuito di Abu Dhabi con il pilota Pedro de La Rosa. Si tratta di una sessione molto particolare poiché il costruttore italiano ha deciso di testare gomme da bagnato, su pista allagata artificialmente, ed in notturna.
Un test abbastanza estremo ma che testimonia l’impegno a 360° che l’azienda sta mettendo nell’opera.
I test finiranno alle ore 24:00 e proseguiranno domani dalle 18:00 fino a mezzanotte. Saranno sviluppate gomme da bagnato ed intermedie.
Paul Hembery, responsabile del settore sport Pirelli: “Abbiamo scelto una combinazione spettacolare ed impegnativa, unica per la Formula uno: luci artificiali, asfalto bagnato e temperature alte. Abbiamo scelto questa modalità di test per provare nelle condizioni più impegnative possibili le nostre coperture da bagnato. Questi test ci offriranno indicazioni molto utili per lo sviluppo finale della nostra gamma di gomme. Fino ad ora possiamo dire di essere molto soddisfatti dei test effettuati e dei risultati ottenuti. Adesso iniziamo i test con le scuderie e raccoglieremo opinioni e consigli dei piloti e dei team che ci saranno utili per migliorare ulteriormente prima del Bahrain”.

Roberto Ferrari

Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

7 commenti
  1. Federico Barone

    17 Gennaio 2011 at 20:46

    Interessante…

  2. Davideah

    17 Gennaio 2011 at 22:19

    Questa è la Toyota 2009?
    Come possono essere precisi e compatibili questi test con le macchine del 2011?

    Grazie! 🙂

  3. Gennaro

    17 Gennaio 2011 at 22:35

    Pirelli è seria come azienda

  4. Jean

    17 Gennaio 2011 at 23:04

    non è un po tardino per sviluppare le gomme da bagnato?
    tra poco + di un mese si inizia………..

  5. lele83

    18 Gennaio 2011 at 09:07

    Grande Pirelli…daremo uno smacco ha tutti quelli che hanno gufato ….

  6. D-Lord

    18 Gennaio 2011 at 10:00

    probabilmente lo sivluppo delle gomme da bagnato non è impegnativo come per le slick, forse gli interessa solo essere sicuri che non si disfino dopo 2 giri e che non siano pericolose, poi le svilupperanno man mano, intanto così non rischiano di spendere una marea di soldi e poi avere 2 anni senza una gara bagnata

  7. iorek

    18 Gennaio 2011 at 11:23

    A guardare il calendario e cio che e’ accaduto l’anno scorso, mi sa che non devono aspettare 2 anni per avere un gp bagnato

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati