Test F1 Barcellona 2017, Giorno 6: La Mercedes non si muove dalla vetta

Williams e Ferrari al seguito. Raikkonen in testacoda, conclude la giornata in anticipo

Test F1 Barcellona 2017, Giorno 6: La Mercedes non si muove dalla vetta

Resiste anche nella sessione pomeridiana il miglior tempo di Valtteri Bottas, 1:19.310. Così, a conclusione della seconda giornata in pista a Barcellona, la Mercedes chiude al comando davanti a Williams e Ferrari, staccate rispettivamente di un decimo e poco più di un secondo. Il leader finlandese ha ottenuto il crono di riferimento con la mescola supersoft, mentre Massa su ultrasoft e Raikkonen con le soft. A completare la classifica generale troviamo Verstappen, Hamilton, Hulkenberg, Perez, Stroll, Sainz, Grosjean, Wehrlein, Alonso, Ericsson e Palmer. Tre le bandiere rosse del pomeriggio, una delle quali causata da Raikkonen, in testacoda con la sua Rossa. Red Bull e Renault concludono la giornata toccando quota 100 giri.

Cronaca – Al mattino è la Mercedes di Valtteri Bottas a guidare il gruppo, grazie al miglior tempo di 1:19.310, con la gomma supersoft. A un solo decimo si è piazzato Felipe Massa, con le ultrasoft, mentre la terza piazza l’ha conquistat Raikkonen, in 1:20.406 e con la mescola soft. Verstappen, Hulkenberg, Perez, Sainz, Grosjean, Wehrlein e Alonso hanno completato la classifica delle prime 4 ore in pista.

Alla ripartenza nel pomeriggio la Force India di Perez è la prima a riattivarsi dopo la pausa pranzo. Con le supersoft il messicano si mette al sesto posto, in 1:22.839. Hamilton, che ha preso il posto di Bottas, ferma il cronometro a 1:22.033: ottava posizione per lui con le gomme soft. Si migliora poco dopo, scavalcando Sainz al settimo posto. Quando si avvicina lo scadere della quinta ora il britannico ha agguantato la quinta piazza, in 1:20.702. Il crono di riferimento è ancora quello di Bottas al mattino, seguito da Massa, Raikkonen, Verstappen, Hamilton, Hulkenberg, Perez, Sainz, Grosjean, Stroll, Wehrlein e Alonso.

Con le gomme medium la Sauber fa la sua prima apparizione pomeridiana, al volante Ericsson, che ferma il crono a 1:25.600. Palmer è a sua volta pronto per la sua prima uscita della giornata, mentre Hamilton è passato alle soft e si lancia in un long run. Stroll con la mescola gialla si infila in nona posizione. Quasi a metà sessione riemerge dai box anche la Red Bull di Verstappen, su cui è stato sostituito il motore. Ma poco prima delle 16.00 la Ferrari di Raikkonen va in testacoda in uscita dalla curva 3. Bandiera rossa! La SF70H è danneggiata al posteriore e anche sul fondo e all’ala anteriore.

Alla ripartenza, quando mancano due ore alla conclusione, Bottas è sempre davanti seguito da Massa, Raikkonen, Verstappen, Hamilton, Hulkenberg, Perez, Sainz, Stroll, Grosjean, Wehrlein, Alonso ed Ericsson. Ericsson, Grosjean e Verstappen sono i primi a tornare a girare, non appena la pista è stata sgomberata. Con le supersoft Palmer ferma per la prima volta il crono, a 1:26.822, e intanto Grosjean si porta in nona posizione, grazie al tempo di 1.21.887. Palmer si migliora progressivamente ma rimane sul fondo della classifica. Verstappen è passato alle medium per cimentarsi nei long run, così come Hamilton, con le ultrasoft però. Stroll intanto, con il tempo di 1:21.531 e la gomma soft, guadagna l’ottavo posto.

Così a un’ora dalla fine: Bottas, Massa, Raikkonen, Verstappen, Hamilton, Hulkenberg, Perez, Stroll, Sainz, Grosjean, Wehrlein, Alonso, Ericsson e Palmer. Con il tempo di 1:20.579 e la gomma supersoft, Stroll si prende la quinta piazza. Hamilton si ferma dopo 20 giri sulle ultrasoft, mentre Verstappen è al suo 50esimo giro dell’ultimo stint con le soft. Hamilton torna a girare con le soft e la Red Bull tocca quota 100 giri. A 15 minuti dalla fine però sventola di nuovo bandiera rossa: a essersi fermata è proprio la Red Bull di Verstappen. La sessione riprende alle 17.54, ma viene comunicata un’estensione di 5 minuti oltre l’orario di fine previsto. Palmer, Ericsson, Grosjean, Hamilton, Sainz e Perez rientrano subito in pista. Ma pochi minuti e la bandiera rossa sventola di nuovo: la Sauber di Ericsson è ferma in uscita di curva 8. La sessione si conclude così qualche minuto prima del previsto, confermando Mercedes davanti a Williams e Ferrari.

Test F1 Barcellona 2017 – Tempi, risultati e giri Giorno 6

1 77 Valtteri Bottas Mercedes 1’19″310 70
2 19 Felipe Massa Williams +00″110 1’19″420 63
3 7 Kimi Raikkonen Ferrari +01″096 1’20″406 53
4 33 Max Verstappen Red Bull +01″122 1’20″432 102
5 18 Lance Stroll Williams +01″269 1’20″579 59
6 44 Lewis Hamilton Mercedes +01″392 1’20″702 79
7 27 Nico Hulkenberg Renault +01″903 1’21″213 61
8 11 Sergio Pérez Force India +01″987 1’21″297 100
9 55 Carlos Sainz Toro Rosso +02″562 1’21″872 92
10 8 Romain Grosjean Haas +03″118 1’22″428 96
11 23 Pascal Wehrlein Sauber +03″690 1’23″000 59
12 14 Fernando Alonso McLaren +03″731 1’23″041 46
13 9 Marcus Ericsson Sauber +04″074 1’23″384 47
14 30 Jolyon Palmer Renault +05″464 1’24″774 29

Test F1 Barcellona 2017, Giorno 6: La Mercedes non si muove dalla vetta
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati