Renault, Petrov: “Interlagos non è un circuito favorevole per la nostra vettura ma cercheremo la Q3”

Renault, Petrov: “Interlagos non è un circuito favorevole per la nostra vettura ma cercheremo la Q3”

Il pilota russo della Renault non nasconde le difficoltà del proprio team su questo particolare circuito di Interlagos sede del Gran Premio del Brasile di questo fine settimana.

Bruno Senna – 12 °: “E ‘stata una giornata interessante. La performance nella seconda sessione è stata decisamente migliore di quella della prima sessione, i nostri tempi questo pomeriggio erano molto più in linea con le altre squadre. Per domani, abbiamo bisogno di lavorare sul bilanciamento della vettura che sarà cruciale per assicurarci una buona qualifica e darci una buona probabilità anche la Domenica.”

Vitaly Petrov – 11 °: “Le libere 1 sono state interessanti per me e in realtà è stata una bella esperienza essere sul muretto dei box per una sessione. Mi ha permesso di capire meglio ciò che gli ingegneri vedono e ciò che essi richiedono dal driver. Nelle libere 2 non ci sono stati problemi meccanici, quindi penso che la mia squadra abbia fatto un ottimo lavoro per riparare la macchina dopo il problema alla frizione al mattino. Noi sappiamo che non è una pista facile per la nostra auto, come si può vedere con i nostri tempi. Sarà domani difficile in qualifica, ma lavoriamo duramente per cercare di entrare in Q3 ma non sarà facile. Oggi siamo stati alle prese con trazione posteriore e sovrasterzo così ci siamo concentrati a migliorare questa area”.

Romain Grosjean – 12 °: “Non vedevo l’ora di saltare di nuovo in macchina questa mattina e ho amato ogni minuto in macchina. E ‘una pista che mi piace particolarmente, un fantastico circuito vecchio stile, con un sacco di fans in tribuna. Abbiamo visto alcuni dati interessanti sul lato tecnico, che il team sta già guardando. Per il prossimo anno voglio spendere tanto tempo in macchina perche’ mi piace molto mettermi al volante – è un lavoro che amo.”

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

4 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati