Red Bull, Webber: “Dobbiamo reagire e migliorare la nostra prestazione in qualifica”

"Sappiamo che abbiamo molto lavoro da fare"

Red Bull, Webber: “Dobbiamo reagire e migliorare la nostra prestazione in qualifica”

Mark Webber dice che la Red Bull non può continuare a fare affidamento solo sul suo passo di gara e che il progresso deve essere fatto per migliorare la sua prestazione in qualifica.

Anche se la RB8 ha dimostrato di essere una delle vetture più veloci la domenica, le sue possibilità di lottare per la vittoria sono state compromesse dalla sua incapacità di ottenere il massimo dai suoi pneumatici il Sabato.

A Monza, Webber non è riuscito ad accedere alla Q3 e Sebastian Vettel non è andato oltre il sesto posto in griglia.

Questa situazione, a soli 12 mesi dalla Red Bull che ha dominato il Gran Premio d’Italia, è stata una sorpresa per Webber – e dice che il suo team deve reagire.

“In generale il sesto tempo di Seb qui è il massimo che la macchina può fare il Sabato”, ha spiegato. “Abbiamo bisogno di migliorare le qualifiche, lo sappiamo.”

“Tutti si chiedono: qual è il problema. Beh, se sapessimo qual è il problema l’avremmo già risolto.”

“Lo scorso anno, e negli anni precedenti, è stata un grande punto di forza la nostra prestazione in qualifica ma quest’anno dobbiamo sempre recuperare in gara.”

“Stiamo lavorando sodo e stiamo ancora lottando per entrambi i campionati. Ma sappiamo che abbiamo molto lavoro da fare.”

Webber ha eseguito recuperi in gara in questa stagione – come a Valencia, dove è partito dal 17mo posto sulla griglia di partenza giungendo poi al quarto posto al traguado.

“Speriamo di riuscire anche questa volta”, ha detto. “Non vedo l’ora di correre, non vedo l’ora di completare il giro di formazione e vedere quante auto sono davanti a me.”

“Sappiamo che ci sono molti piloti che hanno avuto problemi come Fernando Alonso, Jenson Button e Lewis Hamilton. Questo è uno dei motivi che ci fanno essere ottimisti”.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati