Red Bull: Horner, “Alonso non è mai stato un’opzione per noi”

"La nostra filosofia è credere nei giovani"

Red Bull: Horner, “Alonso non è mai stato un’opzione per noi”

Il team Red Bull di Formula 1 non ha mai considerato Fernando Alonso come sostituto di Sebastian Vettel, lo ha rivelato il team pricipal Christian Horner.

Con Vettel che arriverà alla Ferrari, il suo sedile sarà occupato dal pilota della Toro Rosso, Daniil Kvyat.

Horner ha detto che la Red Bull ha sempre e solo voluto uno dei suoi giovani nel caso in cui Vettel avesse lasciato la squadra.

Quando gli è stato chiesto se Alonso è stato considerato come sostituto, Horner ha detto: “In realtà no. Fernando è un pilota meraviglioso, ma la nostra filosofia e politica è di investire dentro la squadra, investire nei giovani e dare ai giovani una possibilità.”

Horner ha detto che l’ottimo stato di forma di Kvyat nella Toro Rosso quest’anno significa che egli è pronto per essere promosso nella squadra principale di Red Bull.

“E’ stata la nostra filosofia per diversi anni quella di sostenere i giovani, per far crescere il nostro talento e che è esattamente quello che abbiamo fatto con Sebastian,” ha detto.

“Ci sono stati punti interrogativi quando lo abbiamo ingaggiato, e punti interrogativi quando abbiamo firmato con Daniel Ricciardo, ma abbiamo dimostrato che funziona.”

“Daniil è un talento e sarà una eccitante nuova alba per la Red Bull Racing.”

Anche se Red Bull sta perdendo il suo pilota di maggior successo, Horner ha fede che la squadra sarà sempre una forza.

“Abbiamo un pilota fantastico che è Daniel Ricciardo. Quando abbiamo preso Seb era un giovane pilota – e abbiamo dimostrato che investire nei giovani piloti funziona.”

“Penso che sia l’inizio di un nuovo ciclo. Adrian Newey è ancora molto coinvolto sulla macchina del prossimo anno e il futuro della squadra. Inevitabilmente questo è quello che accade ad un certo punto. E’ successo oggi ed è tempo di guardare avanti.”

Leggi altri articoli in Mercato

Lascia un commento

3 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati