Red Bull batte Pirelli e Mercedes: test invernali per la stagione 2017 a Barcellona

Saltata l'ipotesi del trasferimento dei test in medio-oriente

Nonostante la spinta della Mercedes e di Pirelli, lo Strategy Group ha bocciato qualunque spostamento inerente alla sede dei test, sottolineando come le difficoltà economiche delle piccole squadre non permettano una manovra di questo tipo
Red Bull batte Pirelli e Mercedes: test invernali per la stagione 2017 a Barcellona

Nonostante la forte pressione della Mercedes e una richiesta scritta e avanzata da Pirelli all’intero Strategy Group, la Federazione Internazionale ha scelto di non spostare la location dei test invernali in previsione della stagione 2017, mantenendo quindi il tracciato di Barcellona come sede di sviluppo per il prossimo campionato.

Red Bull non ha infatti votato lo spostamento in Bahrain come richiesto da Pirelli, facendo saltare quindi l’unanimità e quindi l’intera proposta in generale. La Scuderia di Dietrich Mateschitz, aiutata dalle piccole scuderie in difficoltà economiche, ha fatto leva sull’articolo 10.6d del Regolamento Sportivo, il quale riporta che le sessioni di test invernali non possono essere svolte fuori dall’Europa senza il consenso della maggioranza delle squadre.

Mercedes e Pirelli, visto l’opposizione del team austriaco, si sono ritrovati in una situazione di inferiorità che non ha permesso ai marchi in questione di spostare l’ago della bilancia a proprio favore.

Bocciata inoltre l’idea di sdoppiare i test, con l’idea che prevedeva una parte delle scuderie in Spagna e l’altra in medio-oriente.

Da notare che l’obiettivo del test a Sakhir era quello di mettere sotto sforzo i nuovi pneumatici che verranno introdotti nel 2017, così da arrivare in Australia con molti più dati e la consapevolezza di avere un prodotto sicuro e sicuramente affidabile.

In ogni caso lo Strategy Group valuterà una due giorni di test in oriente dopo il Gran Premio del Bahrain.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati