GP Malesia, Qualifiche: pole ad Hamilton. Vettel “spacca” le Mercedes

Secondo posto per la Ferrari del tedesco, davanti a Rosberg e alle due Red Bull. Kimi tradito dalla pioggia

GP Malesia, Qualifiche: pole ad Hamilton. Vettel “spacca” le Mercedes

Alla fine la pioggia è arrivata. All’improvviso e senza chiedere permesso, come si conviene qui in Malesia, una vagonata d’acqua ha investito i piloti in pista a Q2 appena iniziate, rovinando la festa a Kimi Raikkonen, che era rimasto incastrato nel traffico e ha dovuto così abbandonare il proprio giro lanciato.
Ritardate di quindici minuti le Q3, la pole position è andata quindi a Lewis Hamilton, con il tempo di 1:49.834. Fino all’ultimo i piloti hanno atteso per far segnare il loro miglior giro e approfittare di una pista in condizioni migliori. E’ andata bene così a Vettel, che è riuscito a spaccare in due il monologo Mercedes, lasciandosi alle spalle Rosberg e le due Red Bull di Ricciardo e Kvyat.
Exploit finale anche per il giovanissimo rookie Max Verstappen, che si è piazzato dietro ai “fratelloni” di Milton Keynes. Male invece le due Williams, con Massa settimo davanti a Grosjean e Bottas nono. Ericsson chiude la top ten e per la prima volta in carriera ha accesso alla Q3.

Cronaca – Q1 – Il sole del mattino ha lasciato spazio a nuvole e vento quando prendono il via le Qualifiche del GP Malesia. La Manor di Roberto Mehri fa per prima il suo ingresso in pista, subito seguita dalle Mercedes di Nico e Lewis.
Il tedesco delle Frecce d’Argento mette a segno il primo crono, 1:39.374, ma subito Hamilton lo beffa in 1:39.269. Tutti i piloti montano la mescola più morbida, mentre le due Ferrari hanno optato per la hard. Vettel è terzo, Kimi si porta al quinto posto dietro a Bottas, seguito da Sainz, Massa, Hulkenberg, Nasr e Grosjean.
I tempi cambiano velocemente, con Kvyat sesto davanti a Verstappen e Sainz che si porta in quarta piazza. Solo Stevens è l’unico ancora fermo ai box. Il pilota della Manor riesce ad entrare a due minuti dalla fine.
Il tempo vola via veloce e la bandiera a scacchi mette fine alle Q1. Grosjean ed Ericsson si infilano all’ultimo al sesto e settimo posto, mentre rimangono esclusi Nasr, Button, Alonso, Mehri e Stevens.

Q2 – Si riparte, con la pioggia che ormai è sempre più vicina. La pit lane è affollata quando il semaforo torna verde. Vettel si porta subito alle spalle di Rosberg, dietro di lui Massa è terzo, mentre Hamilton scivola velocemente in ottava piazza.
Il traffico in pista costringe Raikkonen ad abortire il proprio giro. Nel giro di un minuto la pista è invasa dalla pioggia e il pilota della rossa paga l’uscita in ritardo rimanendo fuori nella corsa per la Q3. Lo stesso accade a Maldonado, Hulkenberg, Perez e Sainz.
Tutti ai box, il tracciato è già diventato una piscina. Questi i piloti che, acqua permettendo, si giocheranno la pole: Rosberg, Vettel, Bottas, Ricciardo, Grosjean, Massa, Verstappen, Hamilton, Kvyat ed Ericsson.
Kimi intanto si lamenta con i suoi per l’uscita tardiva e il team ammette di aver avuto problemi di accensione del motore. Intanto arriva la notizia che le Q3 vengono ritardate di 15 minuti in attesa che la pioggia si plachi.

Q3 – Alla ripartenza la pioggia ha finalmente abbandonato il circuito ma la maggior parte dei piloti montano le gomme “full wet”. Intermedie invece per Vettel, le due Mercedes e Ricciardo. Il primo crono appartiene ad Hamilton che con la gomma verde si porta in testa in 1:49.834. Dietro di lui Rosberg e per la terza piazza è lotta tra Vettel e Verstappen. I due si alternano ma alla fine è il tedesco della Ferrari a riprendersi il posto alle spalle delle due Mercedes.
Quinto tempo per Ricciardo, seguito da Kvyat ed Ericsson, mentre ancora senza crono a metà delle Q3 sono Bottas, Massa e Grosjean.

Pochissimi minuti alla fine: Kvyat sale al quarto posto, Vettel si infila in seconda posizione davanti a Rosberg. Quarto tempo per Ricciardo che scavalca Kvyat mentre un fantastico Verstappen si porta alle spalle delle due Red Bull, in sesta piazza. Chiudono la top ten Massa, Grosjean, Bottas ed Ericsson.

F1 GP Malesia 2015 – Tempi e risultati Qualifiche
1 Lewis Hamilton Mercedes 1m49.834s –
2 Sebastian Vettel Ferrari 1m49.908s 0.074s
3 Nico Rosberg Mercedes 1m50.299s 0.465s
4 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m51.541s 1.707s
5 Daniil Kvyat Red Bull/Renault 1m51.950s 2.116s
6 Max Verstappen Toro Rosso/Renault 1m51.980s 2.146s
7 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m52.473s 2.639s
8 Romain Grosjean Lotus/Mercedes 1m52.980s 3.146s
9 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m53.179s 3.345s
10 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m53.260s 3.426s
11 Kimi Raikkonen Ferrari 1m42.173s –
12 Pastor Maldonado Lotus/Mercedes 1m42.197s –
13 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m43.022s –
14 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m43.468s –
15 Carlos Sainz Toro Rosso/Renault 1m43.700s –
16 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m41.308s –
17 Jenson Button McLaren/Honda 1m41.635s –
18 Fernando Alonso McLaren/Honda 1m41.745s –
19 Roberto Merhi Marussia/Ferrari 1m46.677s –
20 Will Stevens Marussia/Ferrari – –

Nina Stefenelli

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

28 commenti
  1. Marsico

    28 Marzo 2015 at 12:01

    posto qui perché nel live timing non riesco a postare….ho una curiosità sulla scuderia MANOR/MARUSSIA
    quale delle due “denominazione” è quella ufficiale????? sui monitor dei tempi ufficiali che hanno postato sull’articolo delle qualificazioni c’è scritto MARUSSIA!!! quindi la scuderia è ancora Marussia non MANOR????

  2. Emanuele

    28 Marzo 2015 at 12:07

    Grande vettel per un soffio non ha fatto la pole, ha colmato con la sua guida il divario che ancora c’è tra mercedes e ferrari.
    Peccato per kimi molto sfortunato anche se a mio avviso ha mancato un pò di sangue freddo
    Meglio le red bull rispetto all’australia, e ancora disastrose le mclaren, in australia non hanno usato la parte elettrica del motore e quindi ci stava che fossero ultime ma qua non entrare neanche le q2… Altro anno nero per alonso

  3. Dariok

    28 Marzo 2015 at 12:18

    qualifiche agro-dolci, grande Vettel e la sfiga che ci vede benissimo con Kimi; peccato, ma la velocità c’è se non ci sono altre sfighe domani può fare un’ottima gara

  4. Ray74

    28 Marzo 2015 at 12:23

    Domani vincerà Vettel,Kimi 4°.

  5. marcograz

    28 Marzo 2015 at 12:23

    Grandissimo Vettel, per un pelo non faceva il colpaccio. Quel che e’ certo e’ che siamo vicinissimi, anche nelle FP3 veramente mezzo secondo. Speriamo domani Kimi dia spettacolo in rimonta, peccato per lui..potevamo averne due nelle prime 4.

    Siamo tornati ragazzi, quasi non ci credo!

  6. pepiona

    28 Marzo 2015 at 13:02

    Ma perchè, questo lo lasciano bestemmare?

  7. ASOT

    28 Marzo 2015 at 13:05

    Grande Lewis. Ancora davanti! Immer geradeaus! Wir werden nochmals siegen!

  8. AntonioX

    28 Marzo 2015 at 13:17

    E domani tutti a fare la danza della pioggia! Forza “Sebastiano” , Forza Ferrari!!!

  9. R.B. Pope

    28 Marzo 2015 at 13:20

    Vorrei sapere dove sono finiti tutti i ferraristi che dicevano che Vettel fosse un brocco. Per 5 anni la stampa ha osannato per compiacenza Alonso e denigrato Vettel. Ora molti cambieranno idea. E lo apero. Solo gli sciocchi non lo fanno.

    • f1erally

      28 Marzo 2015 at 14:10

      Presente, io sono uno di quelli di cui parli….

      E tu ti reputi un competente di F1 o di automobilismo a fare un simile paragone??

      Per caso la macchina di quest’ anno assomiglia lontanamente a quelle che ha avuto Alonso??

      Per caso Vettel sta guidando una macchina progettata da Tombasis??

      Ad occhio: ti pare una macchina come quelle che abbiamo visto negli ultimi anni questa??

      Come mai finalmente Raikkonen và come un vero Campione e non prima??

      Come mai anche Massa guida per le posizioni di testa ultimamente??

      Perchè Alonso era sempre una vita davanti ai suoi compagni, mentre adesso i suoi ex compagni stranamente si equivalgono sempre con il proprio attuale compagno nelle prestazioni??

      Alonso è stato veramente sfortunato ammettiamolo a non avere una macchina “non progettata da STROMBASIS”, mentre Vettel è stato veramente mooooooolto fortunato a non trovarlo pìù, tutto quà!!

      Un pò d’ onestà intellettuale per favore….

      • luis84

        28 Marzo 2015 at 14:20

        Uomo della teoria del tutto, oggi Button ha messo i piedi in faccia ad alonso alla prima apparizione.
        La f15-t è una f-14t rivisitata. la base di partenza è la stessa. La vuoi sapere la differenza?
        Per anni in ferrari si sono costruite macchine perchè il pilota voleva un assetto a lui comodo, perchè lui era Alonso, poco importa se Massa o Raikkonen non riuscissero a guidare una vettura instabile solo perchè al brocco piaceva sottosterzante.
        A questo, non ha aiutato la vecchia gestione, ma di sicuro non basta qualche mese a sistemare 5 anni di fallimenti.
        La nuova vettura è frutto di test fatta da piloti con le palle, con una guida abbastanza simile, quindi unica e buona per entrambi, c’è complicità e si respira calma nel team. Non a caso la vettura è migliorata tanto in guidabilità che prima non aveva, guarda caso lasciando la stessa sospensione anteriore. Quindi datti pace e vai a tifare McLaren. Siamo in Italia, e il biondo ha messo le ruote in prima fila. FORZA SEB, FORZA FERRARI

      • R.B. Pope

        28 Marzo 2015 at 14:30

        F1erally, non ho mai detto di essere l’oracolo di Delfi. Luis84 ti quoto in pieno e grazie per avermi evitato la fatica di scrivere una adeguata risposta

      • f1erally

        28 Marzo 2015 at 14:55

        La vuoi sapere la differenza?

        Non è il pilota che dice agli ingegneri come devono costruire una macchina “toglitelo dalla testa tu e tutti gli altri che credete funzioni così”, avete tritato i cisiddetti dicendo che questa sospensione all’ anteriore era lui a volerla… ma quante ignoranti affermazioni….

        Un pilota l’ unica indicazione che dà ai suoi ingegneri prima di progettare una monoposto è: fate una macchina il più veloce possibileeeee, poi si pensa ad adattarla ognuno al proprio stile di guida!!!

        L’ unico contributo che dà oggi il pilota alla squadra è per fare un assetto che si adatti a lui…

        Inconcepibile pensare un ingegnere progettare una macchina sullo stile di guida di un pilota!!

        La differenza stà nel fatto che Alonso riesce ad adattarsi ad una macchina con problemi, niente più, che riesce a metterci del proprio, che modifica LUI il proprio stile in base alle caratteristiche della monoposto, i piloti ordinari invece non sanno adattarsi, o hanno la macchina in perfetto equilibrio o la subiscono, non sanno metterci del proprio, sono soltanto dei passeggeri, infatti: ordinario Vettel ed ordinario Raikkonen oggi ottengono le stesse prestazioni e lo stesso sarebbe se guidassero lo stesso aborto dell’ anno scorso, andrebbero uguali!!
        Perchè Vettel l’ anno scorso ha anche pensato al ritiro??

        Semplice, perchè la sua macchina non era perfetta e non riusciva a fargli fare quello che voleva, era un mero passeggero, la differenza fra un Campione ed un comprimario la vedi quando con la stessa macchina non tanto al top il Campione surclassa il comprimario e non il contrario!!
        Cosa che a macchina ben equilibrata non succede: si ha un appiattimento delle prestazioni fra Campione e comprimario…

        Ne abbiamo visti abbastanza Campioni creati dai missili di Newey…

        Vince Vettel con la Ferrari?? bene per la Ferrari…

        Ma io tifo e spero vinca Alonso come piloti, perchè signori miei, in questi anni con queste macchine che ha avuto dalla Ferrari ha salvato lui capre e cavoli e a noi permetterci di illuderci un paio di volte, cosa che se al posto suo ci fosse stato un altro Massa o un altro Raikkonen le umiliazioni erano da depressione proprio!!
        Dovremmo soltanto ringraziarlo!!

      • Emanuele

        28 Marzo 2015 at 18:35

        Mauro Forghieri uno che ha vissuto a pane e f1 per tutta la vita l’anno scorso ha sostenuto proprio quello che ha appena scritto luis84, la f14t è stata cucita su alonso e kimi non si trovava affatto bene, quest’anno la musica è cambiata e i risultati si vedono, inoltre in una squadra dove non ci si insulta anche l’ultimo meccanico lavora meglio, questo con alonso non è mai stato possibile…

      • f1erally

        28 Marzo 2015 at 19:13

        Ecco: giusto ai tempi di Forghieri le macchine si cucivano addosso ai piloti, quando c’ erano 4 gomme su 4 molle, niente aerodinamica per sviluppare aderenza ed una dinamo per erogare energia elettrica che non farebbe invidia neanche a quella di una vespa di oggi….

        Riguardo agli insulti, ti dico che nel 1991 quando Prost insultò la squadra per avergli dato un camion per come si guidava quella monoposto, senza troppi riguardi l’ allora 3 volte Campione del Mondo Prost venne liquidato prima del finire di stagione…

        Con ciò voglio dire che in una squadra, dopo 5 anni di rapporti sportivi ma anche umani, dove un pilota che alla prova dei fatti ti dà tutto ciò che può e che di anno in anno viene sempre imbonito che quello che verrà sarà quello della macchina giusta: ti puoi permettere di “farti scappare in un momento di stress come è una gara qualche parolaccia” e chi è il destinatario di quella parolaccia non se la prende per niente, visto il momento e l’ intenzione innocua di non offendere!!

        é ridicolo solo menzionare certe cose veramente…

        Scusate ma allora devo pensare che non conoscete l’ ambiente delle corse…

    • A75X tifoso Williams

      A75X tifoso Williams

      28 Marzo 2015 at 15:07

      Presente anche io….
      complimenti alla Ferrari, per l’impegno e il lavoro svolto in continua crescita, merita presti risultati perché il team tutto c’è, e anche pesantemente, peccato per kimi.
      ero scettico sulle sparate di Arrivabene, devo ricredermi….
      applauso alla Ferrari, al dilá di domani la rossa è veramente forte….. applauso

  10. 12cilindri

    28 Marzo 2015 at 13:34

    x il porco che ha bestemmiato,non hai neanche il coraggio di scrivere chi cavolo sei,questo indica la tua vigliaccheria,che tristezza!!forza ferrari

  11. Giovanni83

    28 Marzo 2015 at 13:51

    non riesco ancora a capire quanto può essere il gap della ferrari nei confronti della mercedes, in australia era superiore, qui tutto sommato sembrava più ridotto, sia nelle libere che in qualifica, son veramente dispiaciuto per Kimi per l’errore di valutazione che ha fatto, oggi potevamo avere 2 ferrari nelle prime 2 file 🙂

  12. Ray74

    28 Marzo 2015 at 14:01

    …ma avete visto Vettel in Q1(con gomme hard) a 6 decimi dalle Mercedes(medium)? A domani!

  13. bobby

    28 Marzo 2015 at 15:02

    grande qualifica di sebastian vettel siamo li manca davvero poco complimenti al team ferrari

  14. Alecx

    28 Marzo 2015 at 15:06

    Bella prestazione della Ferrari, anche se in condizioni particolari, ma su questa pista verosimilmente il distacco reale è di 5-6 decimi, quindi direi che va bene, visto lo scorso anno.

    La McLaren-Honda in termini cronometrici ha recuperato tantissimo, sopratutto su una pista come questa, che è una vera pista. Alonso in qualifica non è mai stato uno da giro della morte e tra lui e Button c’è un decimo, direi che va benissimo. In gara credo che potrà mostrare le sue doti e sicuramente arriverà davanti a Button, e se piove… chissà che qualche punto non riescano a racimolarlo. Avrei voluto vederlo in pista nella q3 con la pioggia…

    • f1erally

      28 Marzo 2015 at 15:28

      Alecx ma che dici…

      C’ è chi dice che oggi Button ha messo i piedi in faccia ad Alonsooooo…
      Uno che non ha provato un bel niente DI NIENTE, uno che non conosce questo aborto di macchina, che ha avuto un incidente con commozione cerebrale saltando la prima gara, che non si sapeva se aveva perso la memoria, se tornava quello di prima…
      Button un mito a dare un decimo ad Alonso, gli ha proprio messo i piedi in faccia…
      Vàbbè.. buona F1 a tutti!!

      • fang

        28 Marzo 2015 at 19:50

        posso anche capire il tuo tifo ma,possono dire pure che ha rischiato la morte e noi ci dobbiamo credere perchè è successo ad alonso?
        KUBIKA in canada
        https://www.youtube.com/watch?v=7ZEI7upaLWU

  15. SuperKIMI2007

    28 Marzo 2015 at 17:05

    Vettel è nato con il c.u.l.o. rotto questa è la grande differenza rispetto ad Alonso , ovunque vada trovato un’auto che gli abbia dato una super auto…..con questa auto Alonso avrebbe lottato per il titolo…

    • Driver

      28 Marzo 2015 at 22:52

      Arrivabene ha detto non crede alla fortuna… tu si?
      Io penso che Vettel sia uno capace a mettere a posto la macchina, Alonso per nulla.
      E’ possibile che non appena Vettel arriva in una scuderia l’auto si metta ad andare forte (Minardi, Red Bull, Ferrari) e appena ci arriva Alonso inizia ad andare piano? Alonso vuole auto impostate in un modo che riesce a guidare molto bene ma che si rivelano lente.
      Ora Alonso è andato via e hanno fatto un’auto normale, non dannatamente sottosterzante, ed ecco che SV e KR riescono ad andar forte.

  16. 12cilindri

    28 Marzo 2015 at 18:00

    ma finitela di adulare il dio alonso,per carità sarà un bravo pilota,ma ora basta con questa storia se c’era alonso..poteva ..faceva.. ora alonso non è piu’ in ferrari,anzi ti devo dire che nel giro per la qualificazione vettel ci ha messo anche del suo,e sai benissimo anche tu che alonso non è mai stato un bravo poleman

  17. dj ultra

    29 Marzo 2015 at 01:10

    da notare che 3 renault su 4 sono davanti alle mercedes di “serie”

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati