Formula 1 | Renault, Ricciardo accetta le critiche: “Fanno parte del gioco”

"So benissimo quello che devo fare e il mio team si sta muovendo nella giusta direzione", ha aggiunto l'australiano

Ricciardo ha parlato delle critiche emerse nelle ultime settimane, evidenziando come la squadra stia facendo il massimo per riscattare un avvio di stagione ricco di difficoltà
Formula 1 | Renault, Ricciardo accetta le critiche: “Fanno parte del gioco”

Nonostante i pochi punti conquistati in questo avvio di stagione e le prestazioni altalenati della RS19, Daniel Ricciardo ha voluto guardare il bicchiere mezzo pieno di questi primi tre round del campionato, evidenziando come la squadra stia facendo il massimo per raggiungere le prestazioni di McLaren e Alfa Romeo Racing, squadre al momento in lotta per il quarto posto nel mondiale costruttori.

Secondo quanto dichiarato dall’australiano, infatti, la casa francese sta mettendo in campo tutto il proprio impegno e tutta la propria determinazione in queste settimane difficili, aspetti che quasi certamente permetteranno ai piloti di giocarsi le posizioni di vertice nella parte centrale del campionato.

“Lo accetto, fa parte del gioco, succede in ogni sport”, ha dichiarato l’australiano della Renault, capace di conquistare i primi punti di questo mondiale in Cina. “Prendete il calcio ad esempio: se un attaccante fa una tripletta e poi non segna per due partite tutti pensano sia un brocco, mentre fino a due settimane prima era un fenomeno. Quando fai sport a questi livelli le aspettative sono sempre alte”.

Sul lavoro portato avanti dalla squadra in questi mesi ha aggiunto: “So benissimo quello che devo fare e il mio team si sta muovendo nella giusta direzione. Ci vorrà un po’ di tempo, ma andrà tutto bene. So che è tanto tempo che non salgo su un podio, ma non ho dimenticato come si guida nel frattempo. Serve solo avere pazienza”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. frency

    23 Aprile 2019 at 18:06

    Parole sagge Ricciardo sei un grande

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati