Fittipaldi: “Hamilton è troppo aggressivo”

Fittipaldi: “Hamilton è troppo aggressivo”

Lewis Hamilton dovrebbe tenere a bada la sua aggressività se vuole tirare fuori tutto il suo potenziale: queste sono le parole di Emerson Fittipaldi. L’ex-pilota di F1 si è trovato d’accordo con quelli che sostengono che il giovane pilota della McLaren si debba calmare.

“Penso che Lewis abbia un talento eccezionale, sia un vero campione, ma a volte è troppo aggressivo nel tentativo di sorpasso” ha detto il brasiliano al sito Totalrace “E’ stato così a Monaco con Felipe Massa, mettendolo in difficoltà”.

“Ha messo Felipe in una posizione pericolosa, davvero. Penso che esista un limite nell’essere aggressivi, si può rispettare gli altri ed essere allo stesso competitivi.”

Hamilton aveva dichiarato che la sua guida aggressiva era ciò che i fan desideravano e che lui non vede alcuna differenza tra il suo modo di lottare in pista e quello di Ayrton Senna – idolo del pilota inglese.

Fittipaldi, però, non è del tutto d’accordo, sostenendo che Senna aveva più rispetto dei suoi avversari.

“Ayrton era molto aggressivo, ma non mi ricordo manovre simili a quelle di Lewis, fatte non solo a Montecarlo, ma anche a Spa tre anni fa”.

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

39 commenti
  1. iorek

    12 Giugno 2011 at 16:50

    lo diceva anche di gilles villeneuve. ma questi sono i campioni che ci fanno ancora sognare uno sport genuino.

    forza hamilton

  2. Peppe

    12 Giugno 2011 at 16:57

    vediamo quanti ne butta fuori oggi il distruttore

  3. Paolo

    12 Giugno 2011 at 17:09

    No Hamilton non è uno ke ti fa sognare…parliamoci chiaro…ok sa correre, sa sorpassare ma in quanto a scorrettezze è il primo della storia (vedasi zig zag vari, incidenti provocati, sorpassi di safety car). Uno non vince xk butta fuori gli altri. Un pò di anni fa per vincere bisognava essere il migliore. Adesso per vincere ti bastano 3 o 4 trucchetti ke sfruttino i buchi del regolamento e le cagate ke fa la FIA.

  4. jacvil87

    12 Giugno 2011 at 17:19

    Ma vai a cagare Fittipaldi!

  5. Aanto

    12 Giugno 2011 at 17:21

    Ha ragione Fittipaldi. Hamilton è molto aggressivo, ma poco intelligente. La F1 odierna è anche intelligenza. Poi essere scorretti con gli avversari, non avere rispetto per i colleghi non fa bene alla propria immagine, ma Lewis non sembra aver capito questa lezione importantissima per poter diventare un vero campione. Neanche nella boxe si vedono spettacoli simili a quelli dati da Hamilton .

  6. Massi

    12 Giugno 2011 at 17:25

    Scusate, ma secondo voi uno con quella faccia può essere credibile? non scherziamo..

  7. FreeRules

    12 Giugno 2011 at 17:28

    Per carità, che non si facciano paragoni profanatori: Senna era un pilota dal talento indiscusso, come forse la F1 non ne avrà mai più, e soprattutto era un signore con i suoi colleghi e il pubblico. Hamilton è certamente un ottimo pilota, ha le doti da campione, ma non ha nemmeno un briciolo della classe di Senna. Che impari da Senna come ci si comporta dentro e fuori le monoposto.

  8. Lothar

    12 Giugno 2011 at 17:31

    @Massi
    Uno con quella faccia ha vinto due mondiali di formula1..

  9. Giovanni De pascalis

    12 Giugno 2011 at 17:33

    quoto quello che dice fittipaldi e quoto quello che dice anche “Paolo”

    e poi “iorek” taciii…e meglio le scorrettezze che faceva Montoya che quelle che fà ed ha fatto Hamilton oggi e poi non si può paragonare Hamilton con Jilles Villenewve perchè Jilles faceva gare mettendo l’anima non giocando sporco come L’inglese della Mclaren.
    e poi non e un campione Hamilton e solo un bimbo che piace solo Giocare sporco contro gli altri, preferisco Alonso. Perchè di sorpassi Alonso ne ha fatti ma quasi mai senza sbagliare e sopratutto con precisione.

    Mi dispiace ma uno così non si può definire un campione mi dispiace. E poi Fittipaldi ha Raggione in pieno

    Mentre “javil87” certe parole bisognia dirle solo ad Hamilton e alla Federazione e non per razzismo ma per il suo comportamento…
    e poi alla F1 non si esalta un pilota come se fossimo tifosi del calcio.

  10. Quezlacoatl

    12 Giugno 2011 at 17:34

    Rispetto per Emerson… vera leggenda dell’automobilismo… chi ne parla a spoposito forse non ha bene in mente di chi si sta parlando… diguardo ad Ham. anche se ha vinto parecchio in carriera per con la sua giovane eta dovrebbe darsi una calmata a volte ed accontentarsi di un piazzamento piuttosto che cercare a tutti i costi di superare un avversario… ma ci piace anche per questo no?? ultimo appunto a chi parla di scorrettezze andatevi a vedere il crucco tedesco cosa ha combinato in questi anni

    – “Accompagna” Damon Hill fuori ad Adelaide e vince il mondiale
    – Con la stessa manovra cerca di buttar fuori Villeneuve qualche anno più tardi
    – Taglia il traguardo e POI sconta una penalità in Inghilterra
    – e porcherie varie… dovessi dirle tutti consumerei la tastiera

    quindi se Hamilton deve imparare da qualcuno come essere scorretti sicuramente Schumacher è il miglior maestro della storia della formula uno…

  11. Giovanni De pascalis

    12 Giugno 2011 at 17:41

    e poi “massi” vai e fatti le ore davanti al Pc e vatti a guardare la F1 su internet e fatti una ricerca sul campione del mondo Fittipaldi e su quella di Hamilton e vedi la differenza cosi ti rinfreschi le idee un poketto perchè mi sembra che ce l hai fuoriposto io odio i piloti come Hamilton e sai perchè??
    Perchè lo sport ha bisognio di più lealtà…..LEALTA’………………..
    cosa che quel bimbo di Hamilton non sa neanche cose…

  12. Motore Asincrono Trifase (Tifoso McLaren)

    12 Giugno 2011 at 17:45

    vuole lavorare in ferrari? altrimenti perche’ parlare del sorpasso a massa che proprio non e’ quasi colpa di hamilton e non quello su maldonado.

  13. salvatore

    12 Giugno 2011 at 18:07

    Quezlacoatl, fammi leggere un po’ dai….consuma la testiera….ma va là, la tastiera la consumeresti per fare la lista di vittorie pole position e mondiali conquistati!!!perchè tirare sempre in mezzo michael in una discussione che c’entra poco…anzi nulla

  14. jps

    12 Giugno 2011 at 18:09

    quante ne leggo
    -Hamilton cattivissimo
    -Fittipaldi con quella faccia(!!)
    -Senna un signore in pista e fuori
    ecco la F1 su DisneyChannell!

  15. Alex (Tifoso FERRARI DA SEMPRE!!!)!!

    12 Giugno 2011 at 18:24

    La F1 era (perchè lo era una volta ma proprio una volta) uno sport per uomini con le! p***e come Villeneuve,Mansell,Senna & co.

  16. Beppe (tifoso Redbull)

    12 Giugno 2011 at 18:42

    Forse qualcuno non conosce la carriera di Emerson Fittipaldi.
    Emerson non è Lauda o Berger nel rilasciare interviste o commenti,

    Quoto Alex (Tifoso FERRARI DA SEMPRE!!!)!!

    Beppe

  17. David

    12 Giugno 2011 at 18:42

    ma stai muto
    il vero aggressivo è schumacher

  18. Quezlacoatl

    12 Giugno 2011 at 18:50

    @Salvatore sei lo stereotipo del tifoso medio ferrari… cioè quello che di formula uno non capisce assolutamente nulla e si fa imbambolare della fesserie della stampa italiana… comunque ti accontento subito..

    Siamo nel 1987: nel mondiale della classe Formula K Michael è disperso, uno dei tanti.
    Un campionato, però, riesce a vincerlo. E’ I’europeo della Intercontinentale A che si corre a Goteborg, in Svezia. A dire la verità, Schumacher occupa, indovinate un po’, la terza posizione dietro alla coppia italiana, anzi, emiliano-romagnola, Zanardi-Orsini. Quando mancano soltanto due giri alla bandiera a scacchi, Orsini tenta un disperato assalto a Zanardi con il risultato di eliminare entrambi. Schumacher, senza volerlo (sembra di rivedere il film di Magny-Cours … ) si ritrova primo e campione europeo. Finalmente. A dire la verità, a fine corsa il secondo ciassificato, il danese Bollingtoft, presenta reclarno perchè il meccanico di Michael è intervenuto sui motore quando i kart erano pronti alla partenza, operazione non consentita. I commissari non verbalizzano l’accaduto, il fatto quindi non sussiste e la classifica finale viene confermata. E’ il primo successo “illegale” di Schumacher. Anche in questo campo ne otterrà degli altri…

    Nel 1989, Schumacher perde il campionato tedesco di F3 all’ultima gara, battuto per un punto da Wendlinger, mentre Frentzen finisce secondo a pari merito. Due piloti, Wendlinger e Frentzen, di altissimo livello. A Macao, una sorta di mondiale della F3, vince la prima manche, ma si ritira nella seconda. Nel 1990 conquista il campionato tedesco di F3 battendo Rensing. All’ultima gara, con il titolo già in tasca, viene però battuto da un certo Hakkinen, campione della F3 inglese e invitato una tantum in Germania. A Le Mans c’è la Coppa Europa di F3. Schumi battaglia con Zanardi, vince, ma è squalificato. Dopo un incidente al primo via (gara sospesa) infatti, si ripresenta sullo schieramento con una monoposto che ha un motore diverso, Opel anzichè Volkswagen. Se ne accorgono a motori spenti e il titolo va giustamente a Zanardi. A Macao, invece, duella con Hakkinen, che vince alla prima manche, subisce una furbata di Michael ( frenata in rettilineo) nella seconda e si gioca la corsa che va al tedesco.

    AI Nurburgring, in una gara del mondiale Prototipi, Schumacher per la prima volta si ritrova duramente contestato da un pilota per scorrettezze, anche se le avvisaglie c’erano state a Macao 1990 con Hakkinen. Il fatto avviene in qualifica e a incavolarsi è Warwick, della Jaguar, che rincorre Michael il quale cerca rifugio nel van Sauber. Senza successo…

    A San Paolo Michael accusa Ayrton di avere volutamente rallentato davanti a lui in qualifica, creando una condizione di pericolo. Ma il tedesco lo dice alla stampa e non a Senna. Che si rifà a Magny-Cours quando Michael innesca una collisione nel corso del primo giro. Gara sospesa e Senna quasi viene alle mani con Michael.

    il 1994 fu vinto con un’auto palesemente irregolare, fondo piatto irregolare e controllo di trazione, fu rinvenuta una centralina dai commissari fia, non consentito dal regolamento e tutto ciò non bastò a Schumacher che dovette speronare e buttare fuori hill ad Adelaide, poi il 1995 abbastanza regolare, poi arrivò in Ferrari con la benedizione di Ecclestone che gli promise il suo appoggio affinche la Ferrari tornasse a trionfare, ma per Schumacher non era sufficiente, volle una cifra esorbitante di miliardoni, pagati in dollari ovviamente, lui la liretta l’avrebbe usata come carta igienica, volle tutta la scuderia Benetton al completo tranne Briatore, e volle un contratto di prima guida assoluta e volle anche lui scegliere il pilota, gli fu proposto Alesi, ma Michael non volle, gli fu proposto Berger ma lui disse di si solo a condizione che fosse seconda guida, ma Berger rifutò dicendo, io ho corso con il + grande pilota di sempre, Ayrton Senna, e non abbiamo mai avuto contratti differenti, Ayrton vinceva in pista perché era + forte con Michael correrei solo con pari opportunità, il tedesco non volle, fu deciso di ingaggiare Eddie Irvine come pezza da piedi, il 97 con l’aiuto della fia che squalificö villeneuve inventando una regola sul posto, perché superò sotto bandiere gialle nelle libere di suzuka, giappone 1997

    Villeneuve giunse al gp del giappone dopo aver vinto 2 gp di fila, in
    austria e al nurburgring (grazie al ritiro delle mclaren) e si ritrovava
    in testa al campionato con 9 punti di vantaggio.
    in compenso erano 5 gp che la ferrari arrancava nonostante la presenza
    di
    Schumacher (e la vittoria di spa favorita dal meteo).

    poi improvvisamente ecco suzuka e ritroviamo una ferrari competitiva ai
    massimi livelli (un po’ come è successo nel 1999 con la malaysia).
    naturalmente qualcuno si è insospettito di questo repentino incremento
    prestazionale e osservando le ferrari in pista si è accorto del
    particolare dell’ala flessibile.

    facendoci caso si notava a occhio il “non parallelismo” dell’ala
    anteriore al terreno, specie in velocità, e, ogni tanto spuntava qualche
    scintilla.
    non ci fu probabilmente un reclamo ufficiale ma piu’ probabilmente
    qualcuno lo fece semplicemente notare.
    eravamo di fronte ad un’ala ad incidenza variabile, esplicitamente
    vietata dal regolamento; ma forse “ala ad incidenza variabile” per
    qualcuno significa che è “possibile modificare manualmente l’incidenza
    dall’abitacolo” e nacque così la definizione di “ala flessibile”.
    non solo, ma l’ala flessibile faceva sì che venissero violate le norme
    riguardanti l’altezza minima dell’ala anteriore (a vettura in
    movimento).

    in questo caso, infine, il vantaggio di prestazioni era evidente in
    quanto si otteneva l’effetto di sigillare l’aria già all’altezza
    dell’ala
    anteriore e creare l’effetto venturi in una zona nella quale era vietato
    dal 1992 (ovvero quando furono abolite le bandelle delle ali anteriori
    introdotte dalla williams nel 1991 e copiate poi da tutti gli altri).
    questa “ala flessibile” andò comunque bene, salvo il fatto che la fia
    invitò la ferrari a farla sparire e non mostrarla mai più sui campi di
    gara.
    Schummy arrivö all’ultimo gp in testa dove, si dubitava di un controllo di trazione, chi non ricorda la battuta di Villeneuve” caspita la sua macchina in partenza pare che avesse delle gomme da masticare visto che non ha alzato un granello di polvere”, ed alla fine buttò un titolo che aveva ingiustamente in tasca grazie alla sportellata su Jacques, poi il 98, il krukko a spa sotto il diluvio decide di fare lo sborrone e si incarta Coultard che all’uscita di una semicurva gli da strada accostando sulla destra mentre la traiettoria pricipale porta a sinistra, rientra ai box col suo trespolo ed urla you want to kill me, patetico, austria 1998

    traction control vietato.
    la ferrari in uscita dalla remus, in piena accelerazione, ha i dischi
    posteriori dei freni
    visibilmente incandescenti.
    problemi di raffreddamento “prolungati” dovuti alla precedente violenta
    frenata?
    poi a Suzuka dove si gioca tutte le opportunità si fa prendere dalla fretta e stacca bruscamente la frizione, morale deve partire in ultima fila ed addio, ancora una volta al mondiale, i giornali diranno, problema alla frizione, strano però che alla seconda partenza non ne abbia avuti nel 99 dopo che la fia decide di far togliere il terzo pedale che é un controllo di trazione meccanico, quindi regolare alla mclaren, Schumacher altro non ha da fare che addrizzare una curva in regime di bandiere rosse, si rompe una gamba, la ferrari accusa la brembo per i freni la quale dice che non é vero la macchina era in perfetta efficienza, allora la strategia ferrari é quella di bloccare Irvine , non possono permettersi di vincere con il pilota pagato per perdere ed allora lo azzoppano, lo lasciano su tre ruote ai box, Hakkinen vince il mondiale, Schumacher festeggia tutta la notte con la mclaren, e la ferrari di gran lunga superiore , riesce a vincere il mondiale costruttori con Irvine e Salo, successivamente viene ingaggiato Barrichello perché il krukko sente la pressione dietro le spalle di Irvine, ed inizia a vincere i mondiali, Barrichello ovviamente é relegato al ruolo di spazzino con , ovviamente un contratto di seconda guida, ma il potenziale di Schummy lo si nota in Austria, per ben due volte viene fermato Barrichello per far passare Michael che non riesce a seguire, poi si ricorre alla spinta del nurburgring dei commissari ed un tifoso sceso dagli spalti per far ripartire Schumacher, cosa vietata dai regolamenti, ma per lui si invoca il criterio della sicurezza, cosa che non é accaduta per Alonso lo scorso anno a Monza, chi non ricorda il sorpasso su bandiere gialle negli usa 2003? Giustificazione, non poteva vedere, chi non ricorda la necessità di cambiare il regolamento delle gomme altrimenti Schumacher non riesce a vincere? E chi non ricorda il sorpasso su Barrichello negli usa prima della linea di tragurdo quando il mondo intero ne ha parlato, visto che era il giro lanciato di safty car? Si é detto il trasponder ha sbagliato, ma se da 20 anni non ha mai commesso un errrore? Si ma non c’era Schumacher, i giornalisti in italia in perfetto stile ….., non ne parlano, omertà assoluta, negli ultimo gp Schummy ci delizia con testacoda e , il top del suo repertorio, le sportellate, mentre come non si puo ricordare che ne 2003 la ferrari per bloccare barrichello ritenuto troppo veloce , lo lascia senza benzina in brasile e senza cambio negli usa dopo aver fatto da tappo a Montoya , misterioso il problema che in Ungheria gli fa saltare in aria l’intera sospensione posteriore destra , ma gli da una macchina perfetta a suzuka, e mentre Schumacher arranca sportellando il fratello e Da matta, Barrichello stradomina, ricordiamo pure i rifuti di aver come compagno di squadra, Villeneuve prima ed Hakkinen poi, aggiungiamoci il festeggiamento il 1 maggio 1994 ad imola dopo che erano morti Ratzemberger e Senna ed abbiamo il ritratto del super eroe che piace tanto ai ferraristi.

    ——————————————————————–

    questa sezione include le decisioni dei commissari/tribunali fia che
    hanno aiutato
    la ferrari a rimanere in gioco per il mondiale o comunque a non
    arrecargli danni.

    jerez 1997
    schumacher tenta deliberatamente di mettere fuori gara jacques
    villeneuve, la manovra non riesce e il canadese vince il mondiale.
    per questa scorrettezza il tedesco viene tolto dalla classifica in un
    mondiale gia’ perso sul campo, senza essere squalificato per le gare a
    venire.

    suzuka 1997
    a villeneuve viene comminata una pena sproporzionata all’infrazione
    commessa. viene squalificato per non aver rispettato le bandiere gialle
    nelle prove libere. dal mondiale successivo (due gare dopo) la fia
    stabilisce che per un’infrazione di questo tipo non ci sara’ piu’ una
    squalifica cosi’ pesante.

    austria 1998
    la fia ha stabilito che non si possono effettuare giochi di squadra, ma
    in austria accade che schumacher si trovi dietro ad irvine. quest’ultimo
    rallenta vistosamente per far passare il tedesco.
    Silvestone, Hakkinen conduce con 43 sec di vantaggio su Schumacher, in seguito
    Ad un uscita di Panis viene fatta entrare la s.c che annulla il distacco, poi a Schumcher viene
    Inflitta una penalita per velocità eccessiva nei box, taglierà il traguardo ai box stessi, caso unico nella storia della f1

    brasile 2000
    la gara viene vinta da schumacher ma la sua vettura, assieme ad altre,
    viene trovata con il
    fondo piatto eccessivamente usurato, il primo in regola è fisichella,
    giunto terzo al
    traguardo. si procede ad un’amnistia generale, tranne che per coulthard
    (mclaren) che viene
    anche trovato con un’ala anteriore non conforme al regolamento e quindi
    squalificato.

    sepang 2002
    schumacher sperona montoya alla prima curva rimettendoci l’ala
    anteriore. nonostante il
    tedesco sia il responsabile della collisione è montoya che subisce una
    penalità per non aver
    evitato l’incidente. questa visione delle cose, con penalità per
    incidenti di gara dalle
    responsabilità non chiare, perdurerà fino alla fine del mondiale 2003,
    quando lo stesso
    montoya, dopo aver speronato barrichello subisce una penalità che
    pregiudica le sue
    possibilità di giocarsi gara e titolo. la fia corregge questa visione
    ultra-repressiva degli
    incidenti di gara a partire dal 2004, stabilendo che i contatti tra i
    piloti verranno
    giudicati dopo le gare e non durante le stesse.

    brasile 2003
    il finale di gara è caotico, con un susseguirsi di incidenti che portano
    all’esposizione della
    bandiera rossa. sembra che il vincitore sia raikkonen (mclaren), ma in
    seguito a pressioni di
    ferrari e jordan, la classifica viene rivista e la vittoria va
    all’innocuo (in chiave
    mondiale) fisichella su jordan.”

  19. mario ventos

    12 Giugno 2011 at 19:53

    a paolo.. ti sbagli hamilton è un campione k in f1 pochi sono cm lui. ormai oltre a hamilton tutti i piloti sn tutte femminelle hanno paura di fare sorpassi anke nei posti + pericolosi e lì si vede il vero pilota quello k riesce a fare sorpassi nelle zone a rischio. Da quando è uscito hamilton la f1 è cambiata c’è + spettacolo grazie a lui xke senza hamilton la f1 sarà senza sorpassi e senza divertimento e ci annoia.. grande hamilton sono con te….

  20. mirko.mp

    12 Giugno 2011 at 20:29

    @Quezlacoatl
    il discorso che tutti fanno presente ma tu forse non capisci è che ora c’è un regolamento diverso dagli anni passati(e concordo che è ridicolo),però come lo rispettano gli altri lo deve rispettare anche lui,o forse è sopra i regolamenti lui? credi che gli altri piloti non siano capaci di fare gli scherzetti che fa lui? Però non lo fanno,rispettano gli avversari,invece Hamilton è un ragazzino viziato che crede che ci sia ancora il signor Ron Dennis che gli para il culo,quando anche lui,come tutti,rispetterà le regole sarà più simpatico a tuttie magari vengono fuori le sue vere qualità di pilota( a mio giudizio se ne ha,perchè finora ha mostrato solo di essere viziato)

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati