Ferrari conferma le dimissioni di James Allison dal ruolo di direttore tecnico

L'ufficialità è arrivata tramite un comunicato stampa pubblicato questa mattina

Il suo ruolo a Maranello sarà preso da Mattia Binotto, già direttore del reparto power unit
Ferrari conferma le dimissioni di James Allison dal ruolo di direttore tecnico

Da questa mattina James Allison non è più il direttore tecnico della Scuderia Ferrari.

Dopo le numerose voci delle scorse settimane, infatti, il team di Maranello ha confermato tramite un comunicato stampa l’addio dell’ex tecnico della Lotus, augurandogli il meglio per il proseguo della carriera.

Da tre anni in Emilia (arrivato durante gli ultimi mesi della gestione Montezemolo e Domenicali.ndr), Allison ha offerto il proprio contributo al progetto fallimentare della F14-T, mentre ha firmato in prima persona la SF15-T del 2015 e la SF16-H del 2017.

Nessuna vettura, chiaramente, è riuscita a riportare il titolo mondiale, aspetto che ha portato il neo presidente della Rossa, Sergio Marchionne, ad avallare l’addio del tecnico nato a Lincolshire.

Da segnalare che l’Ingegnere britannico, finito il periodo di pausa obbligatorio, firmerà un contratto con la Mercedes da telaista e si affiancherà alla figura di Paddy Lowe.

Il suo ex ruolo in Ferrari da direttore tecnico sarà invece coperto da Mattia Binotto, persona già interna alla Scuderia.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

12 commenti
  1. ale7485

    27 Luglio 2016 at 11:03

    Sinceramente io credevo in Allison e senza il suo grave lutto a marzo probabilmente adesso non staremmo vedendo una Ferrari arrancante e raggiunta dalla RedBull ma verosimilmente costantemente tra Mercedes e RB appunto.
    Non mi azzardo però, come fanno i malinformati, di additare tutte le responsabilità ad Allison perché qui non stiamo parlando di incompetenza ma di “problemi di causa maggiore” dove solo la (s)fortuna è l’unica causa!
    Purtroppo adesso il futuro della Ferrari torna ad esser incerto e per niente roseo e ciò mi dispiace tremendamente perché sia gli uomini e donne del cavallino che i tifosi che i piloti meritano molto più di quel che stanno raccogliendo in questo periodo!
    Ma mai arrendersi, anche senza una valida guida gli attuali ingegneri devono trovare la grinta e il coraggio di far bene e dimostrare che non è il singolo uomo a fare la differenza!
    Forza Ferrari, sempre!

  2. socmacher

    27 Luglio 2016 at 11:45

    Mi dispiace molto…. Allison mi piaceva molto e mi era anche molto simpatico. D’altra parte davanti a certi drammi della vita chi non avrebbe fatto come lui? La famiglia e gli affetti in primis… chi ha figli sa cosa vuol dire. Ha tutta la mia comprensione e gli auguro tutto il meglio. Cio’ non toglie che avrei sperato tanto di continuarlo a vedere in rosso… ma non si puo’ avere tutto dalla vita 🙂 ciao James!

  3. calimero0123

    27 Luglio 2016 at 11:46

    ma non capisco, in Italia la formazione e zero ? Universita zero ? Scuole zero ? L’Italia e zero in tutto ? Non si trovano ingegnieri giovani, con motivazioni forti, idee nuove ? Bisogna per forza andare in Inghilterra per trovare uno buono ? Boh !

  4. f1erally

    27 Luglio 2016 at 11:48

    Stralcio di un mio intervento in un altro articolo dei giorni scorsi:

    e cmq alla Ferrari và la colpa maggiore se non hanno un ottimo DT da sostituire con Allison, tutte le migliori squadre come scritto nell’ articolo sopra hanno un trio tecnico di altissimo profilo, solo la Ferrari aveva Allison-Resta “che era più un esperimento da confermare”…

    ora che Allison “giustamente” non intende passarsi i suoi momenti migliori a disegnare macchine da corsa cosa faranno??

    L’ errore non è quest’ anno e neanche l’ anno scorso: l’ errore è stato quando prendeva bastonate sull’ aerodinamica per anni e anni e non avere mai reagito a questo, non capendo che l’ aerodinamica era la chiave per i successi moderni in F1, l’ errore è stato il non creare una struttura che si specializzasse soltanto in questo, un non creare una dottrina di nuove teste e nuovi ingegneri nel proprio orticello, invece di andare ad elemosinare sempre ai tecnici Inglesi che si è visto: non hanno particolare simpatia per l’ Italia…

    sono nella merd@, difficile ammetterlo, ma è così, per fare un progetto vincente ci vogliono anni e la Ferrari non ha neanche un DT per cominciare questo percorso…

    COME VOLEVASI DISMOSTRARE…

  5. lkrcorse

    27 Luglio 2016 at 12:18

    Dal 2010 al 2016 in Ferrari hanno sostituito 3 direttori tecnici…Aldo Costa ( che sta facendo vincere la Mercedes,Nicholas Tombaziz,e Allison ( che tanto scarso non è visto le ottime lotus che aveva creato )
    Nel primo anno di contratto la macchina non è competitiva e si è sempre usata la scusa che non è stata disegnato dal diretto interessato, il secondo anno viene silurato….
    Ma la vogliono capire che non si può vincere da un giorno all altro? Busogna programmazione e non licenziare tecnici,piloti, team principal ogni anno….

  6. socmacher

    27 Luglio 2016 at 12:44

    D’accordissimo… ma se leggi bene gli articoli non e’ stato silurato. Non era piu’ in grado di garantire di essere full time a maranello quindi si sono lasciati di comune accordo.

  7. Piolo79

    27 Luglio 2016 at 13:06

    La ferrari dovrebbe pescare i giovani tecnici da qua: dalla formula sae 2016
    L’evento che si è svolto 5 giorni fa sul circuito di Varano

  8. BlackPanther

    27 Luglio 2016 at 13:23

    Allison mi è sempre stato simpatico, il lutto non gli ha permesso di lavorare al meglio e questo mi dispiace, non più di tanto per la Scuderia, ma per lui che quando al muretto c’è la differenza si vede. Saranno contenti in McLaren. Ora vediamo se qualche ingegnere che esce dalle università italiane che dovrebbe essere richiesto in tutto il mondo riuscirà a prendere il suo posto.

  9. stefanoabbadia

    27 Luglio 2016 at 13:29

    Disgrazia a parte e per cui porto rispetto…il fallimento della f1 2016 non é stato determinato da tale wvento..lo sanno tutti..Allison andava allontanato da tempo….Binotto é un motorista..era stato formato da Marmorini..lui come dt…beh..credo che non durera molto

  10. f1erally

    27 Luglio 2016 at 13:38

    un motorista come DT…

    e chi cazz… la progetta ora la macchina per il 2017??

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati