Ferrari: Allison, “Raccolti molti dati importanti”

I test riprendono giovedì 27 febbraio e termineranno domenica 2 marzo

Ferrari: Allison, “Raccolti molti dati importanti”

Il cammino della Scuderia Ferrari verso il campionato 2014 di Formula 1 è arrivato a due terzi del percorso. Dei dodici giorni di test previsti ne sono stati sfruttati otto ma le cose da scoprire e perfezionare in una stagione di così forti cambiamenti sono ancora molte.

Lo spiega a www.ferrari.com tracciando un bilancio dei lavori svolti in Bahrain il Direttore Tecnico della Scuderia James Allison: “Siamo arrivati a Sakhir con una lunga lista di prove da fare: abbiamo voluto massimizzare il tempo in pista operando con ordine per essere pronti per Melbourne. Devo dire che a parte per la mattina del terzo giorno ci siamo riusciti”.

La squadra ha proseguito il suo programma tecnico continuando a lavorare sulla messa a punto di tutti gli elementi innovativi della F14 T. “Abbiamo lavorato per capire come gestire al meglio la nuova frizione del 2014 e per mettere a punto il nuovo sistema di frenata brake by wire” – ha proseguito Allison – “Abbiamo analizzato nei dettagli le temperature dei fluidi, una parte fondamentale dei nuovi regolamenti, che vanno monitorate più che mai in una stagione come questa e abbiamo cercato di portare al massimo le prestazioni del nuovo ERS per il recupero e lo scarico di energia. Come speravamo abbiamo anche avuto il tempo di iniziare a pensare all’assetto, portando avanti diverse prove per cercare di trovare il miglior compromesso tra bilanciamento della vettura e comportamento degli pneumatici. Questo lavoro sarà una parte importante anche del programma degli ultimi quattro giorni qui in Bahrain”.

Parole che fanno intendere come nel 2014 l’affidabilità sarà cruciale. La Scuderia Ferrari fino a questo punto ha lavorato su questo tipo di prestazioni e lo farà anche nell’ultima sessione di prove, per le quali però sono in programma alcune verifiche ancora più severe. Ancora Allison spiega: “Negli ultimi quattro giorni la nostra tabella di marcia prevede di portare la macchina sempre più verso le condizioni estreme che si vivono in gara, offrendo ai piloti la possibilità di cominciare a focalizzarsi sui ritmi che verranno tenuti per tutta la stagione e sottoponendo la vettura allo sforzo massimo, cercando di verificarne il comportamento”.

I test riprendono giovedì 27 febbraio e termineranno domenica 2 marzo. La volta successiva che le vetture calcheranno l’asfalto sarà il 14 marzo nel venerdì del Gran Premio d’Australia, quando si inizierà a fare davvero sul serio.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

17 commenti
  1. panis96

    24 febbraio 2014 at 10:45

    La terza sarà la sessione più importante.Difficile nascondersi correndo il rischio che i guai saltino fuori il venerdì di Merlbourne.Tutti cercheranno di avvicinarsi ai limiti.Forse non ancora al 100% ,ma quasi.Per me appare scontata la richiesta di deroga da parte di Renault, contemplata nel regolamento 2014, per modificare la loro PU.E forse, se le prestazioni dei Mercedes nella prima gara fossero palesemente superiori,se ne avvarrà pure la Ferrari.

  2. panis96

    24 febbraio 2014 at 10:50

    Bisogna capire cosa vuole fare (se lo sa) la FIA con questo nuovo regolamento.Vuole una formula motori che premi il miglior progetto “iniziale”?
    Vuole solamente dare un’aria “green” alla f1 e quindi concedere varie deroghe ,prima all’uno poi all’altro’fino ad arrivare ad una sostanziale uguaglianza delle PU come ha fatto con i V8?
    Questo per non scontentare nessuno dei grandi costruttori? Tornando alla fine su una formula ancora basata sull’efficienza aerodinamica?

  3. panis96

    24 febbraio 2014 at 10:57

    E’ chiaro che , se vuoi bloccare lo sviluppo, non lo puoi fare dopo tre sessioni di test. Troppo poco per raggiungere un’elevata efficienza.Ma le deroghe innescano polemiche a non finire e sospetti di favoritismi verso questo o quest’altro che le chiede.
    Difficile seguire la FIA nella tortuosità delle sue decisioni.In questo primo anno sarebbe stato più semplice lasciare libero lo sviluppo delle PU ed eventualmente chiuderlo a fine anno.Si sarebbe arrivati lo stesso ad una sostanziale parità di prestazioni,ma non avrebbe sfavorito chi aveva interpretato meglio il compito all’inizio come Mercedes e Ferrari.Sarebbe stato giusto sportivamente e non avrebbe dato adito a polemiche che fanno solo il male della f1.

  4. mingo57

    24 febbraio 2014 at 11:29

    Anche per il v8, la Renault arrivò impreparata, e chiese la deroga.
    Trovo ciò ANTISPORTIVO.
    Sono sempre in affanno quando si tratta di realizzare dal nulla una nuova unità.
    Lo scorso ed attuale regolamento (congelamento sugli sviluppi) è stato predisposto ad arte per loro, perchè non hanno la capacità tecnica di evolvere e migliorare i loro motori, come è invece naturale per la Ferrari.
    La solita voglia di “grandeur” dei francesi, che si scontra con la realtà, quella di essere mediocri e furbi.
    Il modello che vi rappresenta è la Clio ed è con quel mondo che che dovete confrontarvi.
    Levatevi dai c…..

    • luca

      24 febbraio 2014 at 11:48

      per mingo57

      ma dai che alla notte hai gli incubi,ti sogni la REDBULL-RENAULT che sono 4 anni che ti sta’ massaccrando la Ferrari….ah ah citrullo sei e rimarrai,quest’anno gli incubi passano da’ STOCCARDA….ah ah ah rosiconeeeeeeeeeeeee

      • Susan

        24 febbraio 2014 at 16:33

        Sei proprio un cuckold contento te cretino….. contenti tutti.
        Vai a zappare la F1 nn e roba x te cuckold.

    • Doesntmatter72

      25 febbraio 2014 at 19:32

      No, non è antisportivo e ti spiego il perché:

      L’attuale regolamento prevede, in nome della riduzione dei costi, il congelamento dello sviluppo dei motori per un certo numero di anni.

      Questo comporterebbe tuttavia che se una casa come la Renault rimanesse indietro, non avrebbe più opportunità di recuperare.

      Quindi come si fa?

      Si fa in modo che tutti i motori siano di fatto equivalenti il che permette più o meno a tutte le case di fare bella figura ed evita la fuga dalla F1 dei grandi costruttori il che la trasformerebbe in una formula di secondaria importanza.

      Tornando quindi al tuo discorso: il regolamento c’è ed è uguale per tutti, io personalmente non lo condivido ma in se’ ha un suo senso logico.

  5. luca

    24 febbraio 2014 at 11:49

    opps : massaccrando =
    massacrando

  6. Dario

    24 febbraio 2014 at 12:12

    Commento inutile, cosa vuo dire raccolti dati importanti? Ho capito un altro anno secondi stavolta dietro alle Mercedes…e forse non solo la Mercedes e Massa si prendera’ una bella rivincita.

    • CIVT

      24 febbraio 2014 at 16:01

      x Dario, semplicemente vuol dire che non hanno cercato il limite ma hanno lavorato sul setup e sulla ricerca dell’affidabilità (cosa detta e stradetta piu’ volte), va bene essere critici ma a mio avviso dovremo iniziare a preoccuparci solo se questi 3 secondi e passa di distacco verranno confermati anche la prossima settimana quando a detta di Allison la Ferrari dovrà necessariamente far vedere di che pasta è fatta!;)

      • amico di frederick

        24 febbraio 2014 at 17:56

        e basta con questo Allison, ma chi e’? e’ un signor nessuno come il domenicano.amen. ferrari macchina sbagliata per il sesto anno consecutivo.

      • Jess

        24 febbraio 2014 at 19:02

        ma scusa amico di fred, dopo due sessioni di test dici che la macchina è sbagliata solo perchè la mercedes ha provato in assetto da qualifica e la ferrari no? io aspetterei a dar giudizi. anche perchè, se ragionassi come te direi che, rispetto alla redbull, il punto di riferimento degli ultimi 4 anni, a maranello han fatto un’astronave! Rifletti prima di sparar giudizi a caso, sono test!!
        é chiaro che la mercedes fa paura, così come è chiaro che, se la redbull non si da da fare, Vettel fa 7 o 8 punti in totale quest anno! Per il resto sono tutte supposizioni

  7. Charlie Pederzoli

    24 febbraio 2014 at 13:00

    La vedo dura…mi sa che quest’anno altro che Ferrari, il titolo andrà a un team motorizzato Mercedes, la Mercedes su tutti con Rosberg o Hamilton

  8. luca

    24 febbraio 2014 at 13:01

    quoto Dario perche’ ha ragione

  9. Jess

    24 febbraio 2014 at 19:07

    Leggo molti commenti, da giorni, che danno la Ferrari per spacciata, il mondiale a Hamilton o Rosberg, ecc ecc… Ma ragazzi, quanti anni avete? fate la scuole elementari? la prima media? No perchè leggendo certe cazz..ate sembra di si. Sono test. Quando tutti faranno sul serio vedremo il vero potenziale di ogni vettura! Alla prima gara potrebbero essere molto vicini, Ferrari Mercedes e team motorizzati crucchi. Forse pure la RB e la Lotus, almeno sul giro secco, poi magari si rompono alla seconda tornata…
    I giudizi visti qui sono paragonabili a quelli da bar sport nel calcio estivo, quando la Juventus magari fatica col rodengo saiano e la si da per spacciata… patetici!

  10. blupoint

    25 febbraio 2014 at 03:47

    calma , calma vi state incazzando per dei test, oguno fa diversi test progettuati per sistemare il tutto, la prossima sessione di test ci dira di piu di come siamo messi, sempre forza ferrari, ma vedo bene Mc Laren, Mercedes, Williams, e Ferrari che senz’altro dira la sua alla grande. occhio al nostro amico Massa, vedrete che fare benissimo senza il peso di dover dare il massimo come doveva in ferrari il che portava a guidare al limite con una macchina che non permetteva e al minimo sbaglio stava nei guardrail.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati