F1 | Toro Rosso, quattro punti conquistati da Gasly in Giappone

"Giornata impegnativa per i meccanici", ha detto il direttore tecnico Jody Egginton

F1 | Toro Rosso, quattro punti conquistati da Gasly in Giappone

La Toro Rosso va via da Suzuka con quattro punti racimolati da Pierre Gasly. Il francese, che di fatto ha disputato solo le Libere 2, visto che nella prima sessione ha ceduto il volante al giapponese Yamamoto, è stato costretto a saltare anche le FP3 per l’annullamento della giornata del sabato. Catapultato direttamente in qualifica, il francese è riuscito ad approdare in Q3 e finire la gara in zona punti. Weekend complicato invece per Kvyat, dodicesimo al traguardo.

“Dopo le difficili condizioni meteo del sabato, in qualifica abbiamo mostrato una buona performance – ha detto Franz Tost, team principal della Toro Rosso. Pierre si è qualificato nono, mentre Daniil ha avuto dei problemi nel suo ultimo run in Q2 e ha concluso in quattordicesima posizione. In gara entrambi hanno fatto una buona partenza. Abbiamo richiamato Pierre al 18° giro ed è riuscito a stare davanti a Stroll: successivamente ha mantenuto la posizione e ha difeso bene l’ottava posizione. È riuscito a tirare fuori il massimo dalla vettura, tenendo conto dei problemi alle sospensioni che hanno reso la vettura più difficile da guidare. Dopodiché ha dovuto fare molta attenzione, soprattutto negli ultimi giri, a non perdere il retrotreno: ci è riuscito, mostrando un gran controllo della monoposto. Daniil è rimasto fuori più a lungo ed è rientrato al 27° giro. Ha superato molti avversari, ma sfortunatamente non è bastato per guadagnare punti. Tuttavia, la nota positiva è che abbiamo aumentato il vantaggio sulla Racing Point di altri due punti. Adesso andremo in Messico per l’ultimo back-to-back della stagione, dove speriamo di poter conquistare altri punti”.

“Senza alcuna possibilità di valutare le modifiche d’assetto in FP3, siamo direttamente andati in qualifica con un set up basato su un numero di dati minore rispetto al solito – ha ammesso Jody Egginton, direttore tecnico della Toro Rosso. Nonostante questo, l’assetto sembrava andare bene e Pierre è riuscito a tirare fuori quasi tutto quello che aveva a disposizione dal suo pacchetto. Dany ha faticato un po’ di più e nella battaglia ravvicinata a centro gruppo anche le più piccole differenze di tempo hanno avuto un grande impatto sulle posizioni in griglia: sfortunatamente, è partito più indietro. La gara è stata una battaglia serrata e al tempo stesso divertente con Racing Point e Renault. Pierre ha guidato molto bene, considerando che avevamo anche un problema con le sospensioni posteriori che hanno condizionato l’altezza da terra e l’usura delle gomme. Dany ha avuto un primo stint difficile ed è rimasto bloccato dietro un trenino di vetture, perdendo un po’ di tempo. Dopo la sosta è però riuscito a recuperare ed è stato in lotta per l’ultimo punto a disposizione. Disputare qualifiche e gara nella stessa giornata è stato molto impegnativo per i meccanici, che hanno gestito molto bene il carico di lavoro e credo che meritino una menzione per questo. Non vediamo l’ora che arrivi il Messico: lavoreremo sodo per consolidare la nostra posizione in campionato”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati