F1 | Ricciardo ammette: “Serve disciplina per ottenere risultati in mezzo al gruppo”

"E' facile guidare oltre le proprie possibilità per ottenere un decimo in più, ma spesso e volentieri si finisce per perdere tempo", ha affermato l'australiano

Ricciardo ha parlato della sua esperienza in Renault, sottolineando come la lotta in mezzo al gruppo richieda non solo lucidità, ma anche una buona dose di disciplina
F1 | Ricciardo ammette: “Serve disciplina per ottenere risultati in mezzo al gruppo”

In una chiacchierata concessa ai colleghi di RaceFans.net, Daniel Ricciardo ha parlato delle differenze di guida tra la Red Bull e la Renault, sottolineando come la lotta in mezzo al gruppo richieda non solo tantissima lucidità, ma anche una notevole dose di disciplina.

L’australiano, ricordiamo, non è riuscito ad adattarsi rapidamente alle caratteristiche della Renault, aspetto che non gli ha permesso di mostrare tutto il proprio potenziale nel corso della passata stagione.

Una situazione complicata, ma che l’ex Red Bull spera di aver risolto in vista del mondiale che si aprirà tra un mese e mezzo a Melbourne.

“E’ facile guidare oltre le proprie possibilità per ottenere un decimo in più, ma spesso e volentieri si finisce per perdere tempo”, ha affermato Daniel Ricciardo. “Guidare in mezzo al gruppo non è poi così diverso, visto che cerchi sempre di ottenere il massimo dall’auto. Oggi, però, sono più consapevole dei problemi che può provocare una guida troppo aggressiva”.

“La macchina non è al top, ragion per cui se commetti un errori lo paghi a caro prezzo”, ha proseguito. “Surriscaldare lo gomme può costarti diverso tempo. Personalmente sto imparando ad essere più sensibile alla guida, così da ottenere qualcosa in più in termini di performance”.

“Guidare in mezzo al gruppo ti aiuta ad essere più disciplinato”, ha aggiunto. “Guidi sempre in maniera veloce, ma allo stesso modo devi essere meno aggressivo. Bisogna scegliere i momenti giusti per portare la tua macchina al massimo”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati