F1 | Ricciardo: “Alla Renault serve una mentalità vincente”

"Arrivando qui ho trovato mancanza di fiducia perché non vincono da tanto"

F1 | Ricciardo: “Alla Renault serve una mentalità vincente”

Daniel Ricciardo, dopo la decisione di lasciare la Red Bull lo scorso anno, era consapevole del fatto che con la Renault il primo anno sarebbe stato difficile. Attualmente, il team francese occupa il sesto posto nella classifica costruttori con 39 punti e il dato preoccupante è che il team clienti, ovvero la McLaren è in quarta posizione con un vantaggio di ben 43 punti sulla Renault.

Secondo l’australiano, il problema principale è che manca la fiducia:

“Dal primo giorno che sono entrato alla Red Bull, c’erano già alcune cose in atto, dal punto di vista ingegneristico, della struttura del personale e delle riunioni. C’erano varie analisi per quanto riguardava le gomme, lo sviluppo del telaio, ecc. Devo dire però che la cosa principale che ho sentito quando sono arrivato alla Red Bull, è che loro erano già vincenti. Arrivando alla Renault invece, ho avvertito una mancanza di fiducia perché non vincono da tanto. Comunque stiamo cercando di andare avanti”.

Secondo Ricciardo infatti, nel Gran Premio del Canada c’è stato un piccolo passo in avanti (quarto posto in qualifica e sesto in gara, davanti al compagno di squadra, Nico Hulkenberg, ndr):

“In Canada è stato un momento in cui pensavo davvero che le cose fossero davvero cambiate, ci siamo qualificati quarti ma non era come se avessimo vinto il mondiale. Era come se fossimo a metà dell’opera e da pilota, siamo tutti di talento a questo livello ma serve la mentalità devi avere quello che serve per crederci che puoi farcela davvero. Stessa cosa per il team, i meccanici e gli ingegneri. Se hanno la mentalità per credere davvero di poter fare il passo, allora si è a metà dell’opera. Questa è una grande cosa che ho visto, quindi è positivo”. 

F1 | Ricciardo: “Alla Renault serve una mentalità vincente”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati