F1 | Red Bull, Horner: “Motori Renault? Li paghiamo tanto, ma non rendono”

Il team manager accusa platealmente il costruttore francese

F1 | Red Bull, Horner: “Motori Renault? Li paghiamo tanto, ma non rendono”

Nuova corsa, nuovi problemi. La sfortuna continua ad accompagnare fedelmente la stagione della Red Bull: anche a Spa-Francorchamps, infatti, il team austriaco ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di un guasto tecnico sulla vettura di Max Verstappen. Chris Horner, team manager della Red Bull, ha accusato platealmente i motori Renault, grosso neo della RB13: “La Renault è assolutamente consapevole del fatto che la loro affidabilità e il loro prodotto non sono dove dovrebbero essere. Noi siamo un cliente pagante e al momento questo servizio è inferiore alla media. Paghiamo molti soldi per il motore. Questa situazione è un male sia per loro che per noi, a questi livelli non puoi permetterti tutto ciò”.

Oltre alla Red Bull, nell’arco del weekend i problemi del motore Renault hanno attanagliato anche la Toro Rosso e l’omonimo team francese: “La mancanza di affidabilità è stata piuttosto evidente in tutti e tre i team. Non è di certo il livello che un fornitore di motori voglioso di essere in competitivo in Formula 1 dovrebbe avere. Alla Renault comunque stanno lavorando sodo e speriamo di non avere più problemi del genere in futuro”.

Horner si è anche soffermato sullo stato d’animo di Verstappen, affranto per l’ennesimo ritiro stagionale: “È incredibilmente frustrato. Ancora una volta era in un’ottima posizione e per cause altrui si è dovuto ritirare. I nostri partner tecnici ovviamente si sono scusati, anche lo stesso Alain Prost si è scusato personalmente con Max. Lui è un talento e sono sicuro che uscirà rafforzato da questi episodi. Nonostante la penalità che pagheremo per il cambio del motore, a Monza sarà determinato a dare nuovamente il meglio di sé”.

Federico Martino

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati