F1 | Pirelli, Isola difende su Twitter la reazione dell’addetto all’interno del box Mercedes

"I nostri tecnici sono presenti in tutti i garage e lavorano con serietà e professionalità", ha aggiunto

F1 | Pirelli, Isola difende su Twitter la reazione dell’addetto all’interno del box Mercedes

Continuano le polemiche in casa Pirelli dopo l’ultimo Gran Premio di Gran Bretagna, decimo appuntamento del mondiale 2018 di Formula Uno. Dopo le numerose lamentele degli appassionati in merito alla scelta di portare il battistrada con spalla ribassata di 0.4 millimetri, la Casa italiana è incappata in un altro brutto scivolone dal punto di vista dell’immagine, con un tecnico che, presente all’interno del box della Mercedes, si sarebbe disperato al sorpasso di Sebastian Vettel ai danni di Valtteri Bottas. Una scena, catturata dalle telecamere di Sky Sport F1 HD, che avrebbe fatto letteralmente infuriare gli appassionati, ancora scottati dalla scelta, a detta di tutti pro Mercedes per via delle caratteristiche tecniche della W09 EQ-Power+, di cambiare l’altezza del battistrada a stagione in corso.

A seguito di questo episodio, ritenuto da molti spiacevole, alcuni appassionati avrebbero chiesto delucidazioni a Mario Isola sui propri canali social, con quest’ultimo che ha, giustamente, minimizzato l’accaduto, sottolineando come la gara di ieri sia stata eccitante per tifosi e anche addetti ai lavori. I tecnici che lavorano per Pirelli, infatti, sono uomini e come tutti provano emozioni nel vedere un Gran Premio di Formula 1, soprattutto se quest’ultimo è avvincente ed emozionante come quello di ieri. Il gesto, quindi, sarebbe stato assolutamente impulsivo e non premeditato, come qualcuno afferma.

Pirelli, ricordiamo, lavora a stretto contatto con tutte le squadre presenti nel paddock (l’addetto era il responsabile gomme per quello che riguarda Mercedes, ragion per cui la sua presenza all’interno dei box era assolutamente giustificata.ndr) e offre il proprio supporto a tutti i garage durante ogni minuto del week-end. Nessun complotto contro la Ferrari quindi, ma solo una normale emozione per uno dei GP più belli dell’intera stagione. Con l’ultimo appuntamento in Gran Bretagna, ricordiamo, si è concluso il ciclo di tracciati con gomme ribassate di 0.4 millimetri. Dalla prossima corsa in Germania, infatti, tutte le squadre avranno la possibilità di tornare alle gomme studiate per questa stagione 2018 di Formula Uno, chiudendo così una parentesi che si protrae ormai da Barcellona.

F1 | Pirelli, Isola difende su Twitter la reazione dell’addetto all’interno del box Mercedes
4.9 (98.71%) 31 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

6 commenti
  1. .. non è normale

    10 luglio 2018 at 07:39

    È ora che la minkielli-aiuta-crucchi se ne va a fanculo insieme ai suoi intrallazzi per aiutare i crucchi

  2. idrija

    10 luglio 2018 at 08:57

    Mio caro Mario a chi menti siete sempre stati pro Mercedes!!!

  3. enzorettino

    10 luglio 2018 at 09:47

    In primis, due mani in testa non sono segno di una semplice “emozione” ma di una tensione propria del TIFOSO e questo ad un tecnico che lavora per un’azienda che fornisce gomme UGUALI per tutti non credo sia concesso.
    In secundis, mi sembra che in passato MIchelin e Bridgestone abbiano messo la stessa passione nello svolgere il proprio lavoro per la F1 ma non si è mai visto un tecnico TIFARE per una squdra.
    Spero solo che con la fine del tris di jolly (Spagna, Francia e Inghilterra) passati a Mercedes si chiuda definitivamente questa parentesi di dubbio gusto sportivo.
    Saluti

  4. alonsosenna4

    10 luglio 2018 at 10:46

    E’ si si…ma ora sono finite le gare con gli 0.4 ecco la dispezazione…neanche con le gomme pro mercedes vincono piu’!hahaha e quell’addetto pirelli doveva essere piu’ sportivo…se vuole tifare che stia sulle tribune.Lavora x una casa che serve tutti i team….1 cosa sola…abbasso pirelli tutta la vita.

  5. 1ferrari2

    10 luglio 2018 at 10:54

    Cari amici, la f1 è fatta di emozioni e sentimenti profondi, io mi emoziono per il nuovo fondo portato dalla Ferrari, che è un concentrato di tecnologia e ingegno.
    se il ragazzo è tifoso della mercedes non c’è nulla di male, anzi vuol dire che è un vero appassionato, se fossi stato io al suo posto mi sarei fatto prendere per pazzo, in fondo non è lui che progetta le gomme.
    Volevo fare una critica alla pirelli e a isola. Caro Mario queste polemiche nascono dal fatto che avete creato un casino con queste gomme ribassate, magari favorendo la mercedes anche senza volerlo. non si cambiano le cose in corsa, se ci fosse stato il bilistering si cambiavano le gomme in gara e si facevano anche 10 pit, poi chi era in grado di usarle meglio vinceva.
    Quindi accetta le critiche e lascia che i tecnici pirelli esultino per chi vogliono per non soffocare questo sport meraviglioso.

  6. tempidoro

    10 luglio 2018 at 14:29

    Credo che questo sia il commento più appropriato.
    Dubito però che venga preso seriamente in considerazione dal diretto interessato.
    Le impressioni che si sono formate e consolidate nel corso del tempo non possono essere cancellate soloo con semplici affermazioni di principio.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati