F1 | Marchionne: “Addio al Circus? La minaccia della Ferrari è molto seria”

"Alfa Romeo e Ferrari andranno di pari passo" ha aggiunto

F1 | Marchionne: “Addio al Circus? La minaccia della Ferrari è molto seria”

Nella conferenza di presentazione del team Alfa Romeo Sauber, Sergio Marchionne è tornato a parlare del possibile addio di Ferrari al circus della Formula Uno, ribadendo ancora una volta quanto la minaccia sia seria e fondata. Secondo Marchionne, infatti, nella stesura dei nuovi regolamenti va trovato il giusto equilibrio tra spettacolo e capacità tecniche dei team, senza penalizzare nessuna parte in causa.

L’obiettivo comune deve certamente essere la riduzione dei costi, ma allo stesso non snaturare un concetto di Formula Uno che va avanti ormai da anni. Marchionne ha inoltre confermato come Alfa Romeo e Ferrari vadano di pari passo: l’addio della Scuderia di Maranello nel 2021 costringerebbe il marchio del Biscione alla chiusura della propria esperienza insieme al team Sauber.

Ecco le parole di Sergio Marchionne: “Io e Chase Carey siamo d’accordo solo sul fatto che bisogna evolvere lo sport. In quanto Ferrari siamo consapevoli che i costi vanno ridotti, ma non dobbiamo creare un business dove non si considerino le capacità di ogni team. Ci sono delle proposte sul tavolo sul quale noi non concordiamo, ma abbiamo tempo fino al 2021 per parlarne. La volontà è quella di trovare un punto d’incontro, ovviamente”.

“La minaccia di far uscire la Ferrari dalla Formula Uno è seria e questo accordo non cambia nulla in termini economici. Il binomio Alfa Romeo – Sauber scade nel 2020-2021, proprio quando Ferrari potrebbe uscire e le due cose sono molto collegate. Se esce Ferrari, lo stesso farà Alfa Romeo. Ripeto un concetto che ho espresso molte volte: dobbiamo trovare una soluzione per il bene dello sport, ma dobbiamo essere chiari su cosa non si può mollare. E’ gioco dove tra trovato il giusto equilibrio tra le parti in causa” ha aggiunto

Roberto Valenti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati