F1 | Helmut Marko: “Verstappen si sente pronto a diventare campione”

Max possibile vincitore del 2017? "Con questa formazione, crediamo di poter lottare per il campionato"

F1 | Helmut Marko: “Verstappen si sente pronto a diventare campione”

Max Verstappen può diventare campione di Formula 1? Si sente pronto, sarebbe un trionfo giusto e meritato per l’olandese? Non tutti la pensano alla stessa maniera: il padre Jos, infatti, dice di no, per lui sarebbe ancora qualcosa di troppo prematura, è ancora troppo presto. Ma Helmut Marko la pensa in modo diverso. L’austriaco, infatti, è convinto che l’olandese abbia già maturato abbastanza esperienza per aspirare al trono della classe regina del motorsport.

Quest’anno la Red Bull ha iniziato il 2017 in modo molto più conveniente rispetto ai suoi avversari, pronta per combattere con il team Mercedes. Ci si aspetta molto dal team, quest’anno, grazie al notevole passo in avanti in termini di prestazioni grazie al nuovo motore Renault e l’eccellenza aerodinamica progettata da Adrian Newey.

Marko ha confermato lo status di forma di Verstappen: “Max è pronto. Pensiamo che abbia più esperienza. Ora è alla sua terza stagione”, ha detto l’austriaco ha detto alla tv olandese.

Marko ha parlato anche di Daniel Ricciardo. “Penso che entrambi i nostri piloti siano in grado di lottare per il titolo. Non dimentichiamo Ricciardo, che è anche molto competitivo e molto forte. Con questa formazione, crediamo di poter lottare per il campionato”, ha commentato.

Verstappen è noto per il suo stile di guida molto dinamico e aggressivo, spesso contestato da altri piloti e al centro di polemiche, penalità e cambi di regolamento da lui “ispirati”. Questo, secondo il parere di Helmut Marko, è uno stile vantaggioso perché incute paura nei suoi avversari: “Gli altri sanno che quando Max arriva si deve essere cauti, è meglio non fare cose stupide”, ha concluso.

Fabiola Granier

F1 | Helmut Marko: “Verstappen si sente pronto a diventare campione”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati