F1 | Ferrari, Vanzini sull’avvicendamento Arrivabene-Binotto: “Fulmine a ciel sereno per chi oggi è andato a lavorare a Maranello”

Sull'addio di Arrivabene: "Non si tratta di un licenziamento o di un esonero, ma di due parti che hanno deciso di non rinnovare l'accordo"

F1 | Ferrari, Vanzini sull’avvicendamento Arrivabene-Binotto: “Fulmine a ciel sereno per chi oggi è andato a lavorare a Maranello”

L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport ha riportato la notizia dell’incredibile ribaltone che attende la Ferrari nelle prossime ore. Secondo la Rosea infatti il timone della Gestione Sportiva della Scuderia del Cavallino passerà nelle mani di Mattia Binotto, al momento direttore tecnico di Maranello, con Maurizio Arrivabene invece prossimo ai saluti.

Sull’avvicendamento in casa Ferrari ha esternato il proprio punto di vista Carlo Vanzini, commentatore Sky per quel che concerne il Mondiale di Formula Uno, che ha detto: “Sapevo che si attendeva il rinnovo di Arrivabene essendo in scadenza, non si tratta di un licenziamento o di un esonero. Si tratta di due parti che hanno deciso di non rinnovare l’accordo, iniziato nel 2015”.

Se vai a vedere i risultati si sarebbe potuta dare un’altra chance al team principal Maurizio Arrivabene, considerando che Jean Todt arrivò nel 1993 e vinse il primo mondiale costruttori nel 1999 perché in Formula Uno non ti inventi tutto dall’oggi al domani – ha sottolineato Vanzini -. Evidentemente quella situazione di possibile tensione all’interno della squadra è stata valutata come una situazione da non portarsi dietro nel corso di questa annata. Non c’è ancora un’ufficialità, so che è un fulmine a ciel sereno per chi è andato a lavorare questa mattina a Maranello e non ha trovato Maurizio Arrivabene”.

Il tassello che manca è capire se le parti si sono parlate e che tipo di discussione c’è stata. Se Arrivabene si è fatto da parte per suoi motivi oppure è stata la Ferrari a non voler rinnovare questo contratto”, ha concluso Vanzini.

F1 | Ferrari, Vanzini sull’avvicendamento Arrivabene-Binotto: “Fulmine a ciel sereno per chi oggi è andato a lavorare a Maranello”
2.1 (41.82%) 11 votes
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

7 commenti
  1. Victor61

    7 gennaio 2019 at 16:45

    @vanzini: il tassello che manca è capire quando riusciranno a mandare via anche vettel altro che le modalità di licenziamento di arrivabiene…

    • .. non è normale

      9 gennaio 2019 at 07:57

      E te Victor quando è l’ora di andare a prenderla nel….

  2. francof1

    7 gennaio 2019 at 16:51

    viktor perchè devono far fuori Vettel? perchè poi alla mercedes la prendono loro?

  3. frency

    7 gennaio 2019 at 17:03

    Arrivabene se ne’ andato perche quest’anno oltre a fare il team principal, bisogna gestire bene i due piloti, che non sara cosa facile, e Arrivabene non tiene la pompa.

  4. Victor61

    7 gennaio 2019 at 19:07

    @francof1: magari vettel andasse alla Merc così i krukki non vincerebbero più una mazza alla faccia di tutti i rossoitalioti che hanno sempre difeso/esaltato il viziato e sopravvalutato pilotello tedesco e sminuito gratuitamente Ham ma il Fenomeno Nero ha un contratto con la Merc che scade nel 2020 e Wolf è tutto fuorché uno stupido quindi per il pupillo di arrivabene non resta che cercare di far bene nella speranza che nel 2021 si possa fare il tanto agognato scambio Vet/Ham contando anche sull’inguaribile arroganza dei tedeschi che sono convinti di poter vincere comunque sempre grazie alla loro tecnologia (vedi rosberg…)…chi vivrà vedrà

    • calimero

      7 gennaio 2019 at 20:36

      @frency: lo si è visto a Monza la capacità di gestione piloti di Arrivabene. Io penso che sia stato positivo l’allontanamento del brianzolo, quantomeno perché le premesse per un nuovo anno insieme non avrebbe portato nulla di buono, ma ho grossi dubbi sulle capacità di Binotto di ricoprire il suo ruolo e in meglio. Spero fermamente di essere smentito. Per il momento penso ancora che uno come Wolff od Horner ce li sogniamo. Mi sarebbe piaciuto un tipo alla Livio Suppo tanto per capirsi.

  5. .. non è normale

    9 gennaio 2019 at 08:01

    L’unico sopravvalutato,difeso, viziato, coccolato e protetto dalla Fia é Hamilton perché vince solo grazie ad una auto spesso illegale e la Fia copre sempre le sue, e quelle Mercedes, nefandezze. Victor evidentemente per te caro ridicolo, e un po patetico
    antiferrari é arrivata l’ora che te ne vai a fan….

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati